The Batman: recensione dell’edizione home video

The Batman arriva in edizione home video. Ecco la nostra recensione!

Fin dal momento in cui abbiamo assistito allo scorrere dei titoli di coda sullo schermo della sala, il nostro pensiero è andato immediatamente alla futura edizione home video di The Batman.

Il nuovo cinecomic diretto da Matt Reeves e dedicato all’iconico pipistrello dei fumetti è semplicemente un film sontuoso, soprattutto sul piano visivo e tecnico. Un blockbuster cupissimo, un thriller a tinte noir che cala il Batman di Pattinson in una Gotham City ancora più inedita rispetto alle pellicole del passato: sporca, con un colore quasi desaturato illuminato da un Bat-Segnale che intimorisce la feccia della città.

La visione di Reeves per il suo Batman strizza l’occhio al cinema d’autore, ma questo regista ha già ribadito in più occasioni di essere molto bravo a coniugare due tipologie di cinema: quella più sofisticata e l’altra dedicata all’intrattenimento dello spettatore. All’interno di The Batman convivono queste due esigenze e Reeves riesce con grande dimestichezza a muovere i suoi personaggi all’interno di una storia che predilige l’anima thriller dei fumetti di Batman, dove l’estro da detective del protagonista viene messo (finalmente) al servizio di una storia che sfrutta diverse pedine per elaborare uno schema narrativo (non troppo complesso a dire il vero) nel quale confluiscono più trame. Perché se alla prima impressione The Batman può sembrare una pellicola complessa, in realtà sfoggia una trama estremamente lineare: una lunga indagine di 176 minuti dove Batman e la polizia di Gotham City cercano di fermare l’inquietante Enigmista interpretato da un Paul Dano, scelta sempre azzeccata quando si tratta di killer con tendenze psicopatiche.

The Batman però è anche un film intimo che indaga i suoi personaggi e il Bruce Wayne di Robert Pattinson è costantemente sotto la lente d’ingrandimento. Una figura spenta, in parte diversa rispetto a tutte le altre incarnazioni precedenti, ossessionato dalla sua missione come vigilante al punto da essersi trasformato in una creatura della notte, con tendenze sociopatiche. Il suo è un personaggio che parla allo spettatore e trasmette i suoi drammi attraverso uno sguardo (abbondano i primi piani sul viso dell’attore) che delinea rabbia e tanta malinconia.

La pellicola di Matt Reeves, al netto di una mancanza d’equilibrio in alcuni momenti e un minutaggio a volte estremamente lungo, resta un prodotto ammirevole e coraggioso. Uno degli adattamenti migliori degli ultimi anni, con una chiave di lettura inedita rispetto a chi prima di lui aveva lavorato sul personaggio.

L’edizione home video

Come detto in apertura, fin dall’uscita dalla sala non abbiamo fatto altro che pensare a come sarebbe stata la resa di questo film nel formato Blu-Ray o in 4K UHD, Oggi possiamo citare solo il primo dei due casi, grazie a Warner Bros che ci ha fornito una copia promo per questa recensione e possiamo dirvi che i risultati sono straordinari.

The Batman, anche nella sola edizione Blu-Ray, mantiene tutti i tratti distintivi della controparte vista al cinema, offrendo un colpo d’occhio sul piano tecnico a dir poco eccezionale. Ogni sequenza, non importa quanto scura sia, permette di ammirare sullo schermo una quantità di dettagli a dir poco incredibili, permettendo allo spettatore di cogliere anche certe minuzie visive che magari erano sfuggite durante la visione in sala. Dalle imperfezioni dell’armatura di Batman, alle insegne al neon gialle e rosse e ai lampioni stradali perennemente intrisi di pioggia di Gotham, l’effetto è incredibile e bastano i primi dieci minuti della pellicola per apprezzare il lavoro svolto dagli scenografi e dalla fotografia. A questo poi si affianca una campionatura dell’audio di primissimo livello, come il DTS HD 5.1 italiano che offre la miglior qualità disponibile sulla pizza per un prodotto Blu-Ray, mentre la traccia inglese sfoggia addirittura il Dolby Atmos True Hd (disponibile anche in italiano nella versione 4K). In entrambi i casi i suoni e la spettacolare colonna sonora di Michael Giacchino vengono valorizzate nel miglior modo possibile, e trattandosi di una pellicola dove ogni elemento della composizione è essenziale per raccontare la visione del regista, non possiamo che lodare il lavoro svolto per questa edizione home-video.

Per ottenere la massima qualità possibile dall’audio e il video, Warner ha dovuto comunque effettuare dei tagli più o meno discutibili(qui dipende dall’importanza che si da a certi contenuti). L’edizione Blu-Ray liscia che stiamo recensendo per esempio sacrifica all’altare tutti i contenuti extra, in modo tale da sfruttare tutto lo spazio a disposizione sul disco per evitare eccessive compressioni che avrebbero potuto tradire l’attento lavoro di Matt Reeves. Sacrifici analogamente presenti anche sulla versione 4K liscia, che sfrutta però il maggior spazio a disposizione per integrare l’Atmos anche in italiano.

Come mettere dunque le mani sui contenuti extra? Anche se per alcuni l’operazione potrà essere discutibile, Warner Bros ha deciso di relegare i contenuti aggiuntivi alle edizioni speciali in 4K UHD, che includono un secondo disco interamente dedicato ai bonus.

In questo secondo disco sono incluse una serie di brevi featurette su argomenti che vanno dalla coreografia d’azione al design della Batmobile al trucco del Pinguino di Colin Farrell. Più sostanziale è “Vengeance in the Making”, 60 minuti di documentario che coprono nel dettaglio tutta la produzione, in particolare il modo in cui Matt Reeves ha cercato di differenziare The Batman dai precedenti film dedicati al pipistrello, nonché l’impatto del Covid-19 sulla produzione. Ci sono anche due scene eliminate con il commento del regista opzionale di Reeves, una con Selina di Zoë Kravitz nell’Iceberg Lounge e l’altra con Batman di Robert Pattinson che parla con Joker di Barry Keoghan ad Arkham.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.