Il paradiso delle signore, una soluzione per Agnese

Nella puntata de Il paradiso delle signore del 26 gennaio: Gabriella confessa a Laura quello che è successo tra lei e Salvatore la sera in cui è morto il padre di Cosimo. Dopo aver saputo della gravidanza di Clelia, Federico lascia la casa del padre e si riappacifica definitivamente con la madre. Silvia va a ringraziare Luciano per aver contribuito al recupero del suo rapporto con il figlio, ma uscendo dal Paradiso assiste a un malore della Calligaris.

Per vedere o recuperare la puntata in streaming RaiPlay cliccate questo link.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Federico torna da Silvia

Gabriella si sfoga con Laura su quanto accaduto con Salvatore e con Cosimo dopo la morte improvvisa del padre: la ragazza sente di dover stare vicino al suo fidanzato ma allo stesso tempo non fa che pensare a Salvatore cosi Laura le consiglia di prendersi un altro pò di tempo per fare chiarezza.

Federico ha deciso di andare a vivere da solo soprattutto dopo la notizia della gravidanza di Clelia, il giovane decide allo stesso tempo di fare pace con Silvia ma quest’ultima trovandosi al Paradiso per ringraziare Luciano si imbatte in Clelia che ha una minaccia di svenimento, la donna teme che Silvia abbia capito della gravidanza.

Luciano tenta di tranquillizzare Clelia ma anche lui ha dei timori se la gravidanza e la loro storia dovessero essere di dominio pubblico.

Beatrice racconta a Vittorio quanto accaduto al Paradiso tra Agnese e Giuseppe, secondo lei la donna é succube del marito e cosi propone a Conti di trovare un lavoro all’uomo, in questo modo si sentirebbe utile e sarebbe occupato permettendo quindi alla moglie di tornare a lavorare.

Rocco capisce che Irene voleva fargli una sorpresa la sera prima e apprezza molto il suo gesto.

Federico e Ludovica si incontrano al circolo e iniziano a chiacchierare amichevolmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.