Il meglio della settimana: annunciata la serie di Boba Fett, Justice League ha una finestra di lancio su HBO Max

The Book of Boba Fett è la nuova serie TV di Star Wars

Con un twist a sorpresa, che la LucasFilm ha celato nella scena post-crediti dell’ottavo episodio della seconda stagione di The Mandalorian, è stata annunciata una nuova serie che seguirà le vicende di Boba Fett.

L’annuncio è stato fatto attraverso una sequenza d’azione con protagonisti Fett e Fennec Shand, seguita anche dal titolo “The Book of Boba Fett”.

La nuova serie debutterà a Natale 2021, ma non è ancora chiaro se si possa considerare la terza stagione effettiva di The Mandalorian, suggerendo dunque un formato antologico, oppure un concreto spin-off. In occasione dell’Investor Day della settimana scorsa infatti, Disney aveva confermato proprio per Natale  2021 la terza stagione della serie.

Non sarebbe la prima volta che nell’universo di Star Wars proponga dei titoli deliberatamente ambigui.

The Mandalorian potrebbe tranquillamente essere un riferimento diretto allo stesso Boba Fett, che proprio in questa seconda stagione è stato definitivamente ufficializzato come mandaloriano.

La miniserie di Justice League esordirà su HBO Max a marzo

Direttamente con un botta e risposta su Twitter, il regista Zack Snyder ha confermato ufficialmente che la sua versione di Justice League esordirà su HBO Max durante il mese di marzo.

Il progetto verrà proposto come una miniserie in quattro episodi dalla durata di 60 minuti ciascuno. Manca ancora la data di uscita precisa, ma almeno adesso abbiamo una finestra di lancio, neanche tanto lontana.

La post-produzione è attualmente ancora in corso e stando alle parole di Zack Snyder, la sua visione della pellicola potrebbe ottenere il divieto di rated-R, quindi vietata ai minori.

Ad allietare l’attesa ci penserà anche l’uscita di una nuova versione rimasterizzata in IMAX di Batman V Superman, che includerà anche nuove sequenze. Questa nuova versione del film dovrebbe arrivare sempre sulla piattaforma streaming di Warner Media, prima della Snyder Cut di Justice League.

La casa nella prateria tornerà con un reboot su Paramount

Paramount ha annunciato di essere al lavoro sul reboot televisivo de La casa nella Prateria, storico show andata in onda per ben 9 stagioni.

Anonymous Content e Paramount TV Studios produrranno la serie, che ovviamente si intitolerà come il format originale, “Little House on the Prairie” e si baserà sempre sui romanzi di Laura Ingalls Wilder.

La serie originale andò in onda su NBC dal 1974 al 1982. Nel cast della serie originale c’erano Michael Landon, Melissa Gilbert, Karen Grassle e Melissa Sue Anderson.

In concomitanza a questo annuncio, Paramount ha annunciato che le nove stagioni della serie originale saranno disponibili in streaming sulla piattaforma americana.

La serie originale narra le difficoltose vicissitudini di una tradizionale famiglia americana che vive in una sperduta fattoria, vicino a un paesino del Minnesota, nel periodo 1870-1890. Divisa in 9 stagioni, a cui si aggiungono un film pilota, un film speciale con spezzoni della serie e nuove scene, e tre film finali.

In Italia la serie venne trasmessa per la prima volta dal 30 marzo 1977 su Rai 1 alle 19:20, col titolo La piccola casa nella prateria. La Rai trasmise solo 12 episodi della prima stagione, ciascuno diviso in due parti di 25 minuti. Successivamente, venne trasmesso dapprima dalle tv private regionali dall’Ottobre 1979 successivamente da Italia 1 e poi, a partire dall’ottobre 1984, da Canale 5, inizialmente col titolo Quella casa nella prateria. Dal 2012 Rai Tre ha replicato tutte le stagioni e i film post serie, saltando inspiegabilmente alcuni episodi. La serie è tornata in onda su Paramount Channel nel 2017 e poi nel 2020.

Fantasy Island torna con un reboot di FOX

Fantasy Island, la storica serie di ABC andata in onda tra il 1978 e il 1984, tornerà sul piccolo schermo con un reboot contemporaneo prodotto da FOX. Se volete ricordare o conoscere meglio la serie storica cliccate qui per i dettagli.

Il progetto sarà prodotto da Elizabeth Craft e Sarah Fain (The Fix, The 100) per conto della Sony Pictures TV e Gemstone Studios. La rete broadcast americana inoltre ha deciso di procedere direttamente con l’ordine completo della prima stagione, saltando dunque tutto il processo di realizzazione del Pilot.

Ogni episodio avrà un formato antologico scritto da Craft e Fain, i quali proporranno delle “storie provocatorie su persone che arriveranno con un desiderio, ma finiranno col rinascere attraverso il magico realismo di Fantasy Island”.

Ciascuno degli episodi racconterà infatti le storie di un gruppo di personaggi che  giungeranno sull’isola nella speranza di realizzare i loro sogni.

Michael Thorn, presidente di Fox Entertainment, ha dichiarato:

Fantasilandia è una serie amata, e il mondo che Liz e Sarah hanno creato per questo adattamento contemporaneo porta la firma Fox ed è una serie perfetta per i tempi che corrono. Dopo tutto, chi di noi non si farebbe un viaggio (sicuro) a Fantasy Island adesso?

La trama della serie originale:

La serie narra di un’isola-vacanze particolare su cui gli ospiti possono realizzare i loro sogni grazie a situazioni create ad hoc con attori. La serie ha anche una morale in quanto non sempre le vacanze con le situazioni immaginate si svolgevano come previsto dai protagonisti che finiscono col preferire la realtà. “Tenutari” dell’isola, il signor Roarke (Ricardo Montalbán) e il nano Tatoo (Hervé Villechaize).

Il revival di Lizzie McGuire è stato cancellato

Dopo mesi di silenzio arriv a la conferma ufficiale: il revival di Lizzie McGuire è stato definitivamente cancellato.

La notizia è stata resa nota da un portavoce di Disney, che ha confermato la cancellazione del progetto. Inizialmente si era parlato di una riscrittura e un ricollocamento della serie da Disney+ a Hulu, ma a quanto pare a livello creativo non è stato possibile raggiungere un risultato soddisfacente, nonostante fosse stato già girato qualche episodio.

La protagonista Hilary Duff ha dichiarato su Instagram:

È stato un grande onore per me avere il personaggio di Lizzie nella mia vita. Ha avuto un impatto durevole su così tante persone, me inclusa. Vedere la lealtà dei fan e il loro amore nei suoi confronti, ad oggi, significa molto per me. So che è stato messo molto impegno e sono state fatte tante discussioni per cercare di far funzionare un reboot, ma purtroppo nonostante l’impegno di tutti non sarà possibile. Vorrei che un reboot di Lizzie fosse onesto e coerente con chi Lizzie sarebbe oggi. È ciò che merita il personaggio. Prendiamoci un momento per compiangere la straordinaria donna che sarebbe stata, e le avventure che avrebbe vissuto. Sono molto triste, ma vi assicuro che ognuno di noi ce l’ha messa tutta, ma le stelle non si sono allineate. Dopotutto, è il 2020…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.