Strage di Bologna Rai

La strage di Bologna 40 anni dopo: la speciale programmazione Rai

Enzo Biagi, sul Corriere della Sera, davanti all’atto terroristico più grave dalla fine della seconda guerra mondiale in Italia: alle 10.25 del 2 agosto 1980 una bomba esplode nella sala d’aspetto della seconda classe della Stazione di Bologna provocando 85 morti e oltre 200 feriti.

In memoria di quelle vittime, nel 40esimo anniversario della strage, la Rai dedica una programmazione speciale ad uno degli eventi che ha cambiato per sempre la storia del nostro Paese. Su tutte le reti radio e tv, già da sabato 1° agosto, testimonianze, approfondimenti e ricostruzioni di una tragedia ancora senza mandanti.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Alle 20.30 di sabato su Rai3 lo Speciale condotto da Franco Di Mare “Una mattina d’agosto”, che ripercorre le storie delle vittime e la lunga vicenda giudiziaria con ospiti e immagini di repertorio.

In seconda serata, un viaggio nella Bologna degli anni ’80 con il documentario di Carlo Lucarelli “2 agosto 1980: un giorno nella vita”, in onda alle 23.45 su Rai1 che, attraverso le testimonianze di chi era alla Stazione di Bologna quel giorno ed è sopravvissuto, racconta la ferita della città e il mistero dei mandanti della strage.

Su Rai3 nella notte tra sabato 1 e domenica 2 agosto “Fuori orario” manda in onda un montaggio dei Tg regionali e nazionali delle ore immediatamente successive all’esplosione della bomba.

Domenica 2 agosto tutte le iniziative e la commemorazione istituzionale della tragedia sono in diretta su RaiNews24, in simulcast su Rai3: alle 9 il Sindaco di Bologna Virginio Merola incontra l’Associazione dei familiari delle vittime ma il momento principale della giornata è, come ogni anno, alle 10.25 quando, esattamente 40 anni dopo l’esplosione dell’ordigno, risuonerà in Piazza Maggiore e in collegamento con la Stazione il fischio di un treno. Un solo fischio per ricordare quelle 85 persone che hanno perso la vita in una mattina di inizio estate.

A seguire, sempre in diretta su RaiNews24, gli interventi del Sindaco e del Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati. La Testata giornalistica Regionale dell’Emilia-Romagna per tutto il giorno segue la cerimonia con servizi dedicati anche alle iniziative culturali legate alla commemorazione.

Grande impegno di Rai Cultura per l’anniversario della strage: su Rai Storia domenica alle 10.30 e alle 22.40 va in onda il documentario “Bologna 2 agosto 1980”, firmato da Alessandro Chiappetta con la regia di Graziano Conversano.

Nel doc, un racconto corale, un mosaico di memorie e ricordi affidato a chi in quella giornata ha visto stravolgere la propria vita, come Paolo Bolognesi, che perse la suocera, Paola Mannocci che perse la madre e Cristina Caprioli che perse il fratello Davide.

Insieme alle testimonianze, anche il racconto dei giornalisti e degli operatori che giunsero alla Stazione di Bologna pochi minuti dopo le 10.25, un orario tutt’ora ricordato da uno dei due orologi presenti in Stazione, rimasto fermo da allora.

La ricostruzione di quei momenti è anche al centro della puntata de “Il giorno e la storia”, in onda alle 11.30, alle 14 e alle 20.10 su Rai Storia, mentre sul sito di Rai Cultura sarà disponibile un web doc monografico per non dimenticare.

In diretta da Piazza Maggiore, alle 21.15 Rai5 ospita poi il concerto dedicato alle vittime di tutte le stragi, con l’Orchestra del Teatro Comunale diretta dal Maestro Asher Fisch.

E fu proprio in ricordo di quelle 85 vittime di Bologna che, un anno dopo la tragedia, Carmelo Bene, davanti ad oltre 100 mila persone dall’alto della Torre degli Asinelli, declamò la “Lectura Dantis”, la prima di una serie di letture della Divina Commedia.

Un prezioso omaggio, un evento memorabile in onda in prima visione alle 22.10 di venerdì 31 luglio su Rai Storia.

Su Rai Movie, in prima tv Rai, il 2 agosto alle 21.10 va in onda il film di Luciano Ligabue con Pierfrancesco Favino, Stefano Pesce e Massimo Bellinzoni che racconta l’estate di quattro ragazzi che decidono di passare un weekend a Rimini per ricordare un amico scomparso proprio nell’attentato del 1980. 

Un sabato italiano qualunque, sulla via per le vacanze: il racconto di quel giorno è al centro del documentario con il quale Rai Teche ricorda la tragedia e le sue vittime, con un testo narrativo originale scritto e letto da Silvia Avallone.

“La bomba. 2 agosto 1980, la strage dell’umile Italia”, in onda domenica in seconda serata su Rai1 all’interno di Speciale Tg1, è un romanzo televisivo, una fotografia postuma dei destini, delle coincidenze, delle sfortune, dei sogni e delle cadute di donne comuni che in quel giorno d’estate si ritrovarono catapultate nella storia.

Dal Tg2 Dossier del 1980 alla puntata di “Un giorno in pretura” dedicata alla strage: un’antologia delle Teche e una collezione di contributi televisivi saranno disponibili su RaiPlay nella sezione “RaiPlay Learning”. 

Il ricordo della strage, delle vittime e della ferita inferta all’intero Paese dall’ordigno scoppiato il 2 agosto è anche sulle reti Rai Radio: alle 10.05 di domenica su Rai Radio1 uno Speciale Gr1, condotto da Giorgio Zanchini a Roma e da Elena Baiocco a Bologna.

Durante lo Speciale le voci dei familiari, dei testimoni e dei volontari, come l’autista che trasformò il proprio bus in un’ambulanza per trasportare i feriti.

Su Rai Radio3 quella lunga giornata di agosto viene ripercorsa ora per ora ne “Un giorno nella storia”, mentre la trasmissione Pantagruel ricorda la strage con approfondimenti e materiale d’archivio.

Ampia copertura anche nei programmi quotidiani su Rai1 con Unomattina e La Vita in diretta che hanno commemorato l’anniversario venerdì 31 luglio e su Rai3 con Agorà Estate che dedica alla strage diversi spazi all’interno della puntata di lunedì 3 agosto.