Io e mio figlio: riassunto della puntata di martedì 19 gennaio

Nuovi risvolti e nuovi enigmi sul caso Ferrer nella puntata di martedì di Io e mio figlio. Il ritrovamento del corpo della ragazza  alimenta le indagini sul caso. Salvatore Girlando (Luigi Maria Burruano) viene interrogato da Stucchi, ma il commissario Vivaldi (Lando Buzzanca) interviene e l’ex poliziotto è
rilasciato. Secondo Yuri (Paolo Romio), lo studente di Sangermano, la terza equazione di Sangermano, quella che ancora rimane da risolvere cela il nome dell’omicida della ragazza e lo riferisce a Eva, la sorella di Irene. Mentre torna nel suo garage-laboratorio scopre che qualcuno vuole impedirgli di proseguire nelle ricerche. I suoi computer sono distrutti. Il ragazzo scappa.

Vivaldi non vuole lasciare le indagini e per questo i dissensi con il collega Saverio Stucchi (Sergio Sivori) aumentano. Deve però occuparsi di un’altra faccenda: il proprietario di un autosalone è ritrovato morto nel suo ufficio. Si tratta di Moreno Testori, ex pugile con precedenti penali. Tra i sospettati ci sono l’ex moglie e l’ex socio. La moglie è  contenta di essersi allontanata dal Testori, che era aggressivo e la picchiava spesso, non avrebbe avuto motivo di uccidere. L’ex socio aveva dei conti in sospeso, ma ha un alibi. Bisogna seguire altre piste e i poliziotti scoprono che l’ex fidanzato dell’attuale compagna di Testori, Claudia, è una persona con disturbi psichici ed è ancora ossessionato da lei e odia l’imprenditore. Dopo una ricerca in tutta la città è trovato in una casetta sul Carso. Vivaldi irrompe, ma trova l’uomo in fin di vita dopo che aveva tentato il folle gesto bevendo sonniferi. Sfogliando i diari del tentato suicida Federico ha l’intuizione che potrebbe fargli risolvere il caso: Claudia, la compagna della vittima era una persona disordinata e la perfetta pulizia della casa il giorno dell’omicidio fanno sorgere un dubbio al commissario. Scopre così che i rapporti tra Claudia e il compagno non erano idilliaci. Lui la picchiava e si sospettava che lei avesse una relazione. Anche Stefano (Giovanni Schifoni) segue l’indagine. Va ad interrogare la figlia di Testori per scoprire altri particolari sull’uomo. Ma anche lui ha dei sospetti. Segue la ragazza dentro un cinema e vi trova suo padre. Federico stava seguendo Claudia. Le due donne si erano date appuntamento lì e i sospetti aumentavano. Il commissario va subito a cercare l’arma del delitto nell’appartamento della vittima. Si tratta di un trinciapollo che il giorno dell’omicidio non c’era.

Acquisite le prove vanno ad arrestarle, ma le due donne sono scappate. Alla polizia serve poco per intercettarle e impedire la loro fuga. Dopo averle fermate la ragazza scappa a piedi e vuole buttarsi da un precipizio. Federico la convince di non farlo e lei confessa l’omicidio. La matrigna era sua complice.

Nel frattempo il commissario Vivaldi è impegnato in altri casi. Deve scoprire cosa nascondono due persone a lui molto vicine. Uno è Salvatore, sempre più immerso nel suo mondo. Federico lo trova in un magazzino del porto che chiama il nome della ragazza morta. E’ convinto che Irene sia ancora viva e di averla vista entrare nel magazzino. Svela a Vivaldi che era l’amante di Clara, la madre di Irene. Ma anche Vivaldi ne subiva il fascino. Forse per questo motivo i due non riescono a cancellare quest’episodio dalla mente. Anzi, tutta la loro vita ne è influenzata.

L’altro è Stefano. Ha dei problemi con Damien (Giuseppe Schisano). Addirittura Stefano si è temporaneamente trasferito a casa del padre. L’incontro con l’ex fidanzata Valentina (Morgana Forcella) che sta per sposarsi è stato un colpo per lui. Adesso è confuso, i ricordi hanno iniziato a perseguitarlo. Si confida con la madre, ma col padre non riesce. Anche se vorrebbe. Ma anche Valentina ha lasciato qualcosa in sospeso nel passato. Si incontrano un paio di volte. E il promesso sposo di lei li vede insieme.

L’insistenza di Giulio Zorzi (Alberto Molinari) nei confronti di Laura (Caterina Vertova) non si attenua. La convince ad andare a pranzo con lui e la invita col marito ad una cena a casa sua. Quando Vivaldi non riuscirà a parteciparvi questa sarà un’ottima occasione per il corteggiatore di guadagnare punti.

Ma è il caso Ferrer a focalizzare tutta l’attenzione di Federico. Non trova più Salvatore. Era andato da Yuri, ma dopo aver visto i danni del garage e forse il corpo della madre di Yuri, scompare.

Ricompare nel porto solo quando anche la polizia sarà a conoscenza dell’accaduto. Il ragazzo e la madre non si trovano da due giorni. C’è un altro mistero da risolvere prima di arrivare all’assassino di Irene Ferrer.

Commenta questo articolo

loading...