Il meglio della settimana: il ritorno di Bob Iger alla Disney

Bob Iger torna al timone della Disney

Il CEO di Disney, Bob Chapek, ha dato ufficialmente le sue dimissioni dopo tre anni che, a detta dei numerosi report emersi in questo periodo, sono stati particolarmente tumultuosi all’interno della società.

Al timone della società è tornato proprio Bob Iger, il quale aveva mantenuto il ruolo di Chief Executive Officer in Walt Disney dal 2005 al 2020.

Iger non ha perso tempo e poco prima di tornare in gareggiata al timone della società, ha inviato un’e-mail a tutti i dipendenti della Disney, che riporta quanto segue:

È con un incredibile senso di gratitudine e umiltà – e, devo ammettere, un po’ di stupore – che vi scrivo questa sera con la notizia che tornerò alla Walt Disney Company come amministratore delegato,

So che questa azienda 5i ha chiesto molto negli ultimi tre anni, e questi tempi rimangono certamente piuttosto impegnativi, ma come mi hai già sentito dire, sono ottimista e se ho imparato una cosa dai miei anni alla Disney, è che anche di fronte all’incertezza, forse soprattutto di fronte all’incertezza, i nostri dipendenti e membri del cast ottengono l’impossibile.

Treason, la nuova serie Netflix con protagonista Charlie Cox

Al momento non è chiaro se il ritorno di Bob Iger sia una soluzione temporanea per colmare l’improvvisa decisione di Chapek, ma da come si evince dalla lettera inviata ai suoi dipendenti, Bob Iger era una figura abbastanza apprezzata all’interno della società ed è stato anche colui che ha contribuito alla scalata dei franchise Disney al cinema.

Netflix ha rilasciato il poster e le prime immagini di Treason, una nuova miniserie in cinque episodi con protagonista Charlie Cox, ambientata nel mondo dello spionaggio.

Il progetto debutterà sulla piattaforma streaming il 26 dicembre, anche se al momento non sappiamo se riguarderà solo il mercato UK, oppure coinvolgerà tutto il mercato globale in cui è attiva la piattaforma.

Oltre a Charlie Cox nel ruolo da protagonista, nel cast ci sono anche Olga Kurylenko, Oona Chaplin, Ciaran Hinds e Tracy Ifeachor.

La serie segue le vicende di Adam Lawrence, addestrato e seguito dal MI6, la cui carriera sembra essere decisa. Ma quando il passato lo raggiunge facendo apparire sul cammino Kara, una spia russa con cui condivide un passato complicato, è costretto a mettere in dubbio tutto e tutte le persone che fanno parte della sua vita. Tra Kara, Adam e sua moglie Maddy, si forma un rapporto particolare. I tre cercano di far emergere i segreti degli altri, affrontando complicate relazioni politiche e diplomatiche, oltre a dover pensare alla propria vita e a quella delle persone che amano di più.

Matt Charman, già autore della sceneggiatura “Il Ponte delle Spie”, ha scritto la miniserie.

Ecco il primo teaser trailer di The Walking Dead. Dead City

https://youtu.be/R_GbVt50LsU

In concomitanza al finale di serie, AMC ha rilasciato il primo teaser trailer di The Walking Dead: Dead City, la nuova serie spin-off/sequel che avrà come protagonisti Maggie e Negan, rispettivamente interpretati da Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan.

La serie sarà ambientata nella New York post-apocalittica del mondo di The Walking Dead e introdurrà nuovi personaggi e situazioni che andranno ad espandere la mitologia di questo universo televisivo.

Ai due protagonisti si affiancherà un cast di personaggi completamente nuovo: Gaius Charles interpreterà il ruolo di Perlie Armstrong, Karina Ortiz sarà Amaia, Mahina Napoleon interpreterà il ruolo di Ginny, Jonathan Higginbotham sarà Tommaso, Trey Santiago-Hudson nei panni di Jano e Zeljko Ivanek interpreterà un personaggio chiamato semplicemente “Il Croato”.

Quali siano i motivi che spingeranno Negan e Maggie a unire nuovamente le forze dopo il finale della serie madre al momento non è dato saperlo.

The Walking Dead: Dead City debutterà ufficialmente nell’Aprile 2023 su AMC e AMC+.

Il primo trailer di Copenhagen Cowboy, la nuova serie di Nicolas Winding Refn

Netflix ha rilasciato il trailer ufficiale di Copenhagen Cowboy, la nuova serie creata da Nicolas Winding Refn che ha esordito alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia lo scorso settembre.

Winding Refn ha diretto interamente la serie, di cui ha anche scritto la sceneggiatura in collaborazione con Sara Isabella Jönsson, Johanne Algren e Mona Masri.

La serie noir segue l’enigmatica giovane eroina, Miu (Angela Bundalovic). Dopo una vita di servitù e sull’orlo di un nuovo inizio, si ritrova coinvolta coinvolta nell’inferno criminale di Copenhagen. Alla ricerca della giustizia e della vendetta, incontra la sua nemesi, Rakel (Lola Corfixen), mentre intraprendono un’odissea attraverso il naturale e il soprannaturale. Il passato alla fine trasforma e definisce il loro futuro, mentre le due donne scoprono di non essere sole, ma molte altre stanno vivendo la loro stessa situazione.

La serie debutterà il 5 gennaio 2023, in esclusiva sulla piattaforma streaming di Netflix.

Euphoria avrà un remake tedesco

Euphoria, l’acclamata serie HBO con protagonista Zendaya, riceverà un remake tedesco. Zeitsprung Pictures ha annunciato di aver ottenuto i diritti per la realizzazione del remake, che verrà distribuito da ADD Content.

A scrivere la serie saranno  Jonas Lindt (“Druck”) e Paulina Lorenz (“Druck”).

La versione originale è stata prodotta da Tedy Productions e trasmessa dall’emittente israeliana HOT., a cui è seguito l’adattamento di HBO, con Zendaya, Jacob Elordi e Sydney Sweeney.

HOT ha rilasciato un comunicato stampa pubblicato da HOT:

Siamo felici che l’enorme successo di ‘Euphoria’ continui a risuonare nel mondo e siamo entusiasti di questa nuova collaborazione. Continueremo a creare contenuti di qualità che portino orgoglio a Israele oltre il pubblico e i confini.

Michael Souvignier, CEO di Zeitsprung Pictures, e il produttore Lennart Pohlig hanno dichiarato:

Euphoria’ è una delle IP più grandi e di maggior successo e siamo molto felici di sviluppare insieme la storia per un adattamento tedesco di questa straordinaria serie di formazione con gli eccezionali scrittori Jonas Lindt e Paulina Lorenz. Crediamo fermamente che i temi universali che la Gen Z deve affrontare come identità, malattia mentale, dipendenza e sessualità, che navigano mentre sono costantemente sotto pressione per avere successo e esibirsi, debbano essere raccontati in un modo locale molto specifico – in questo caso dal prospettiva dei giovani adolescenti tedeschi.

Blogger professionista. Lavora a diversi magazine online come CartoonMag.it. Collabora con UpGo.news per la creazione di analisi originali, notizie e prove su strada dei servizi telco. Giovanni Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.