Buonasera Raffaella su RaiPlay

Buonasera Raffaella, lo show del giovedi sera con Raffaella Carrà dal 1° luglio torna su Rai Play

Fidati! - RAFFAELLA CARRA' (Buonasera Raffaella)

L’assenza di una grande artista come Raffaella Carrà si continua a sentire e sempre si sentirà ma meno male che la Rai sta facendo di tutto per far sentire meno la sua mancanza con omaggi continui e in attesa del grande varietà celebrativo atteso per il 2023 condotto da Milly Carlucci e di una nuova speciale puntata di Techetecheté in arrivo il prossimo 5 luglio 2022, dal 1° luglio 2022 su RaiPlay troveremo tutte le puntate dell’unica edizione dello show Buonasera Raffaella in onda il giovedi sera alle 20.30 su Rai Uno.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit. 

Buonasera Raffaella è stato un varietà condotto da Raffaella Carrà, andata in onda su Rai 1 per una sola stagione il giovedì alle 20.30, dal 5 dicembre 1985 al 8 marzo 1986 per 15 puntate, delle quali le ultime cinque trasmesse dagli studi della Rai Corporation di New York.

Il programma aveva come ospiti fissi Andy Luotto e Marisa Laurito (che curavano alcune candid camera da New York), riproponendo il salotto, il telefono con il quale Raffaella giocava con i telespettatori, e le storie di vita vissuta raccontata direttamente dalla gente comune e dagli ospiti illustri in ogni puntata.

Non mancavano i momenti di spettacolo dove la Carrà era attorniata un corpo di ballo formato da 25 elementi (tra i ballerini c’era anche Roberto Cuccarini, fratello maggiore della ben più nota Lorella) con le coreografie di Sergio Japino

Gli indici di ascolto furono ottimi tanto da battere ogni settimana il quiz di Mike Bongiorno, Pentathlon, in onda su Canale 5, ma numerose ed aspre furono anche le polemiche sugli alti costi della trasferta statunitense, con tanto di interpellanze parlamentari presentate da alcuni esponenti del Partito Radicale, che ipotizzarono il reato di sperpero di denaro pubblico, accuse alle quali seguì la replica stizzita degli autori del programma e della stessa Carrà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version