GenZeroes: arriva la prima serie NFT

Il fenomeno degli NFT si estende anche alle serie TV

Dopo i videogiochi e il mondo dell’arte, gli NFT si preparano a muovere i primi passi anche nel panorama delle serie TV.

Il progetto in questione sarà una serie scifi intitolata “GenZeroes” e avrà come protagonista Aleks Paunovic, già apparso nella serie TV di Hawkeye su Disney+.

La prima stagione sarà composta da 10 episodi che saranno arricchiti da fumetti in motion graphic. A condizione che i finanziamenti arrivino, gli episodi dovrebbero iniziare a essere pubblicati all’inizio di marzo.

Il progetto è ambientato 200 anni dopo che un’invasione aliena ha lasciato il mondo devastato, dove dieci fazioni combattono per controllare il futuro dell’umanità.

Gli sceneggiatori di Van Helsing, Matt Venables e Jeremy Smith fungeranno da showrunner. Saranno anche produttori esecutivi con Neil Stevenson-Moore. Kimani Ray Smith è il regista. La società canadese House of Kibaa si occuperà della produzione.

Per guardare la serie GenZeroes, gli spettatori dovranno acquistare un NFT tramite il sito Web di House of Kibaa. Il “GenZeroes Universe” include una serie live-action, fumetti e oggetti da collezione. Ogni livello di proprietà NFT conferirà vantaggi diversi con il livello più alto che consentirà la proprietà frazionata delle serie.

I produttori affermano che sono in corso trattative per la serie per passare a una piattaforma più ampia per la visione mainstream dopo che ha completato la sua corsa come uscita NFT sul sito web di House of Kibaa.

Ricordiamo che gli NFT, o i token non rintracciabili (non-fungible token), sono beni digitali unici che possono essere acquistati o venduti con la proprietà tracciata su di una blockchain. Gli NFT stanno diventando un modo sempre più popolare per cercare di aggiungere valore ai prodotti digitali.

Fonte: Deadline

Blogger professionista. Lavora a diversi magazine online come CartoonMag.it. Collabora con UpGo.news per la creazione di analisi originali, notizie e prove su strada dei servizi telco. Giovanni Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.