Masterchef Italia, riparte il seguitissimo e attesissimo cooking show su Sky Uno

Bruno BarbieriAntonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli ritornano nelle cucine di MasterChef Italia e si preparano a formare la Masterclass della nuova edizione al via da giovedì 16 dicembre su Sky Uno e in streaming su NOW.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit. 

Il cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy riaccende i propri ambitissimi fornelli con l’obiettivo di individuare – tra le migliaia di persone che si sono presentate ai casting – il miglior chef amatoriale d’Italia, il titolo che al termine della precedente edizione è andato a Francesco Aquila.

Anche quest’anno MasterChef Italia ha scelto di andare a cercare i cuochi amatoriali direttamente nelle loro cucine, nelle loro case, con la primissima fase di selezione avvenuta online: i candidati si sono mostrati nel loro ambiente più familiare, con i propri piatti più rappresentativi. Solo i più promettenti accederanno ai Live Cooking, al centro dei primi due episodi – attesi per giovedì 16 dicembre alle 21.15 su Sky Uno, sempre disponibili on demand, visibili su Sky Go e in streaming su NOW.

I Live Cooking saranno la prima occasione, per gli aspiranti chef, per presentare le proprie storie di vita spesso molto forti, storie in cui la cucina svolge un ruolo centrale e necessario, ma soprattutto per conoscere i 3 giudici, grandi Chef stellati e straordinari creatori di iconici tormentoni (dal “mappazzone” di Bruno al “fooorza!” di Antonino, fino al “come on!” di Giorgio) ormai entrati nel lessico comune, come evidente dalla campagna di lancio di stagione.

Durante questa prima fase di MasterChef Italia, i cuochi avranno una dispensa a propria disposizione per recuperare gli ingredienti necessari, dopodiché dovranno realizzare un piatto completandolo davanti a Chef Barbieri, Chef Cannavacciuolo e Chef Locatelli, con l’obiettivo di impressionare e conquistare i tre giudici: serviranno almeno due sì, da parte loro, per accedere alla fase successiva delle selezioni, le temibili Prove di Abilità.

Qui, gli aspiranti concorrenti verranno divisi in 3 gruppi e ciascun gruppo dovrà affrontare una prova tecnica scelta personalmente da ciascun giudice. Anche quest’anno, inoltre, i giudici avranno la possibilità di scommettere in prima persona su un concorrente, apponendo la loro firma sul suo grembiule.

Durante le Prove di Abilità, chi dimostrerà di avere tecnica, originalità e gusto, conquisterà il grembiule con il nome e accederà alla Masterclass, chi cadrà, invece, tornerà a casa. Infine, chi avrà lasciato ancora qualche dubbio nei Giudici, avrà un’ultima chance: la Sfida Finale, ultima possibilità per accedere alla Masterclass. Quella di quest’anno sarà piena di storie personali singolari, uniche e molto forti, ma anche cosmopolita e dotata di un forte respiro internazionale a dimostrare, ancora una volta, come questa sia una delle chiavi con cui si svilupperà il futuro della cucina italiana.

Una volta creata la Masterclass con i suoi 20 componenti, inizierà la classica sfida secondo il meccanismo ben rodato e conosciutissimo dal pubblico: prove appassionanti, sfide adrenaliniche e tanti colpi di scena, per una competizione basata sul talento più puro e sulla creatività dei concorrenti che sognano di diventare chef professionisti.

Tornano quindi le imperscrutabili e sorprendenti Mystery Box – che quest’anno riserveranno una novità –, l’Invention Test per scatenare tutta la fantasia e l’inventiva dei cuochi, il temutissimo Pressure Test con le sue prove cariche di tensione, e lo Skill Test, l’“esame a sorpresa” che coinvolgerà tutti i concorrenti, senza esclusioni, messi alla prova su una specifica abilità richiesta dai giudici.

Tanti gli ospiti illustri, gli chef stellati e i grandi cuochi internazionali in arrivo in questa stagione tra i fornelli di questa edizione di MasterChef Italia: tra gli altri, Marie Robert, che ha conquistato la sua prima stella Michelin a soli 30 anni; Anissa Helou, una delle esperte di cucina mediorientale più famose al mondo; Lele Usai, lo chef marinaio con una stella Michelin; torna Terry Giacomello, lo chef sperimentatore che aspira all’innovazione; Andreas Caminada, il re della cucina elvetica con 3 stelle Michelin; Enrico Crippa, 3 stelle Michelin e il suo ristorante tra i 50 migliori al mondo. E poi non mancherà l’attesissimo arrivo del Maestro Iginio Massari, che come sempre sarà protagonista del vero spauracchio più temuto da tutte le Masterclass, la prova di pasticceria.

Tornano, inoltre, anche le prove in esterna che metteranno a dura prova gli aspiranti chef, per le loro primissime esperienze di lavoro in una vera brigata. Tra gli altri, le cucine del cooking show si animeranno in Trentino, dove gli aspiranti chef dovranno cucinare per i lavoratori impiegati nella fienagione, e a Trieste, che ha ospitato sia la prova in esterna che il Pressure nello scenografico castello di Miramare.

Come da tradizione, anche l’undicesimo MasterChef italiano si aggiudicherà 100.000 euro in gettoni d’oro e potrà pubblicare il proprio primo libro di ricette e potrà accedere ad un prestigioso corso di alta formazione presso ALMA, La Scuola Internazionale di Cucina Italiana: serviranno talento e determinazione per arrivare a questo traguardo, e l’obiettivo si potrà raggiungere solo dimostrando ai giudici di possedere i requisiti essenziali per essere un vero MasterChef, il grande amore per la cucina, la forza di volontà e il coraggio di osare nella creazione dei piatti.

Tornerà anche il consueto appuntamento con MasterChef Magazine, la rubrica in onda da venerdì 24 dicembredal lunedì al venerdì alle ore 19.45 (sempre su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW), in cui giudici, chef ospiti e aspiranti chef realizzano ricette dal tema ogni volta diverso.

Anche quest’anno, il Magazine di MasterChef Italia vedrà protagonisti diversi Chef stellati, oltre ai giudici Bruno Barbieri e Giorgio Locatelli – impegnati, questi ultimi, nelle rubriche Due giudici una spesa (in cui cucinano assieme un piatto a partire dalla spesa fatta da uno dei due) e #Instafood (in cui si alternano in ricette individuali ispirate dagli hashtag più popolari sui social nel mondo del food). Molti i temi e le rubriche in programma nelle puntate: novità di questa edizione è Ritratti, rubrica girata in esterna e in onda una volta a settimana, che racconta, attraverso le parole dello chef protagonista e le immagini del suo lavoro, otto diverse storie di cucina e otto specialità. E poi ancora, tra le altre rubriche: Cucina Green, dedicata alle stelle verdi Michelin che praticano la sostenibilità in cucina, con ospiti gli chef Piergiorgio Siviero e Mariangela Susigan; Il lato dolce, dedicata alle nuove frontiere della pasticceria, al confine tra il dolce e il salato, con Luca Abbadir e Aurora Storari.

E poi ancora, spazio ad alcuni dei più amati tra i concorrenti delle scorse edizioni. La rubrica Papà Chef, dedicata alla cucina per i più piccoli, vedrà il ritorno in cucina di Francesco Aquila, vincitore della scorsa edizione; in Mystery per due, invece, due ex concorrenti molto amati dal pubblico faranno una Mystery Box: ci saranno i vincitori delle ultime due edizioni Francesco Aquila e Antonio Lorenzon; Cristiano e Jia Bi (dalla decima edizione); Gilberto e Gloria (dall’ottava edizione); Maurizio e Alida, protagonisti rispettivamente della stagione 2 e della 5 ma poi, assieme, anche in MasterChef All Stars; Max e Monir (tra i più amati della scorsa Masterclass); Marisa e Maria Teresa, sul podio con Antonio nella nona edizione.

Infine, ci saranno anche le rubriche Generazione chef, con ospiti alcuni dei giovani chef emergenti più interessanti (da Isabella Potì a Michele Lazzarini, da Andrea Casali ad Arianna Gatti e a Paolo Griffa), e quattro rubriche a tema in cui i concorrenti dell’undicesima edizione potranno cucinare e raccontarsi lontano dalla pressione della gara.

Sky Brand Solutions, dipartimento di Sky Media, insieme a Endemol Shine Italy ha portato a bordo dei nuovi episodi di MasterChef Italia: Hotpoint, Amadori, Regina Asciugamani, Duchessa Lia, Acqua Minerale San Benedetto, Cirio, Castagne Lovers, Melinda, Granoro, Cromaris, Bericah, Rizzoli Emanuelli, Olio Filippo Berio, KitchenAid, Zwilling Ballarini Italia, Molino Spadoni, Siggi, Mazzetti l’Originale, Eurovo, Ubena Spezie, Pizzoli, Tenuta Ritiro, Fungo Italiano Certificato, ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana, Trentino Marketing, Riserva San Massimo.

RTL 102.5 è media partner del programma.

La battaglia politica per il Quirinale a Piazzapulita La7

La battaglia politica per il Quirinale che entra nel vivo. I contagi che tornano a salire. Le nuove misure per provare a convincere anche i no vax più irriducibili. 

Questi alcuni dei temi al centro della nuova puntata di Piazzapulita in onda domani dalle 21.15 su La7. 

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit. 

Tra gli ospiti di Corrado Formigli: il professore di microbiologia dell’Università di Padova Andrea Crisanti; il primario di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Rivoli Michele Grio; il direttore di Pneumologia del Policlinico Gemelli Luca Richeldi, la filosofa e scrittrice Michela Marzano e i giornalisti Mario Calabresi, Annalisa Cuzzocrea e Antonio Padellaro. 

Nel corso della serata tornerà anche lo scrittore Stefano Massini con uno dei suoi racconti. 

“Sergio Marchionne”, l’esclusivo documentario da Rai Documentari su Rai tre

Italiano d’origine e nordamericano di formazione, capo azienda di ampia visione, al vertice della più grande azienda manifatturiera italiana sull’orlo della bancarotta, in tre anni ne mette in ordine i conti e di fronte alla Grande Recessione globale adotta un’imprevedibile strategia d’attacco sfidando l’impossibile. Le sue iniziative imprenditoriali e il suo stile di lavoro hanno suscitato passioni, diviso i media, anticipato la politica e irritato molti osservatori. Ma chi è stato, in realtà, Sergio Marchionne

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit.

Per la prima volta, un documentario ricostruisce la vita dell’uomo che ha rivoluzionato l’azienda più importante d’Italia. Per la regia di Francesco Miccichè, scritto da Giovanni Filippetto, coprodotto da Mario Rossini per RED FILM con RAI Documentari e Luce Cinecittà con il sostegno di Film Commission Torino Piemonte – Piemonte Doc Film Fund, “Sergio Marchionne” andrà in onda in una prima serata firmata Rai Documentari il 17 dicembre alle 21:25 su Rai Tre e sarà disponibile su Rai Play.

© Gian Mattia D’Alberto – LaPresse 05-07-2007 Torino economia Presentazione nuova Fiat 500-conferenza stampa nella foto: Sergio Marchionne, Amministratore Delegato Fiat Group

Il documentario  ripercorre le tappe principali della vita del manager: l’infanzia in Abruzzo e l’emigrazione in Canada; la ribellione giovanile e gli inizi come dirigente; il periodo da underdog, la consacrazione, le sue partite principali, giocate alle pari con i maggiori manager mondiali; la venerazione ricevuta negli Usa e la diffidenza da parte della sua nazione d’origine. Infine, il triste epilogo con l’improvvisa scomparsa. Ma soprattutto le convinzioni, gli interessi, i sentimenti privati di un uomo che aveva fatto della riservatezza un cavallo di battaglia.

Occhiali da vista e maglione scuro: Sergio Marchionne ha scelto di abbandonare le sembianze del top manager in giacca e cravatta per preferire un’immagine pratica, semplice. E, con quel maglione sempre uguale, ha preso parte a tutti gli incontri che hanno caratterizzato la sua carriera,  anche le trattative più delicate.

Perché Sergio Marchionne non è stato un personaggio qualunque. Non lo è stato per ciò che ha rappresentato, per le sue imprese manageriali e il suo impatto nel mercato automobilistico, ma soprattutto per il suo modo di operare. Un outsider completo, nei metodi e nei modi, ma che proprio per questo ha lasciato il segno nella principale azienda italiana.

Apple TV+, la app é disponibile ora su Sky Q

Apple TV+ è arrivata finalmente su Sky Q in Italia, Regno Unito, Irlanda, Germania e Austria. Nel Regno Unito è disponibile anche su Sky Glass, il nuovo TV in streaming con dentro Sky.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit.

Dalla pluripremiata commedia Ted Lasso all’imperdibile The Morning Show, gli abbonati a entrambi i servizi potranno accedere agli Apple Original direttamente da Sky Q, con nuovi contenuti esclusivi ogni mese, senza pubblicità e on demand.

Gli abbonati Sky Q possono trovare Apple TV+ nella sezione App e possono accedervi ancora più facilmente attraverso il controllo vocale di Sky Q tramite il comando “Apri Apple TV+”.

I contenuti Apple Original più amati sono integrati nell’esperienza Sky Q e facili da scoprire e vedere: gli abbonati a entrambi i servizi potranno infatti passare, in modo semplice e senza cambiare dispositivo, da una serie Sky Original a un contenuto Apple TV+ e trovare una selezione di titoli Apple direttamente nella Home di Q.

Apple TV+ è disponibile su Sky Q accanto alle principali app in streaming tra cui Disney+, Netflix e Prime Video di Amazon, rendendo sempre di più Sky Q il punto di riferimento per l’intrattenimento di tutta la famiglia, con la possibilità di avere accesso ai propri programmi preferiti con un’esperienza di visione semplice, coinvolgente e un’offerta ricchissima di contenuti.

Ciao, Libertini!, gli anni ’80 di Pier Vittorio Tondelli su Sky Arte

Presentato in anteprima alla sedicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, Ciao, Libertini! è l’omaggio a Pier Vittorio Tondelli in occasione dei 30 anni dalla sua scomparsa, in onda proprio il giorno della sua scomparsa, il 16 dicembre su Sky Arte

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Il documentario è una produzione Sky Arte realizzata da Darallouche, con la regia di Stefano Pistolini, che racconta gli anni 80 italiani. Creatività e tendenze; società, spettacolo e sperimentazioni, trasgressioni e immagine. Gli anni 80 appaiono decodificati dallo sguardo e le parole del cronista più acuto, Pier Vittorio Tondelli, di cui ricorre il 30esimo anniversario della morte.

L’aria dei tempi di un periodo elettrico, con tanti testimoni da Lindo Ferretti e Walter Veltroni a Luigi Ontani e Vasco Brondi. In Ciao, Libertini! anche una selezione di scritti di Tondelli sugli hot topics del momento, curata da Mario Fortunato. Rivisitando gli atti della vita dello scrittore, tra ironia e sentimento, sempre nel culto della “velocità” e della partecipazione, viene ripercorso un decennio di trasformazione che ha segnato le generazioni future.

Ascolti Tv 14 dicembre, vince con poco entusiasmo Sabato, domenica e lunedi: il podcast

Gli ascolti tv della prima serata di martedi premiano ma senza botto il film tv in prima tv esclusiva Rai Uno, Sabato, domenica e lunedi con Sergio Castellitto adattamento cinematografico dell’omonima commedia di Eduardo De Filippo, bene anche il film su Canale 5 10 giorni con Babbo Natale. In salita i talk del martedi come #Cartabianca su Rai tre e diMartedi su La7.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit.

Ascolti tv prima serata

  • Rai 1 Sabato, domenica e lunedì ha registrato 3.019.000 spettatori, share 15,44%.
  • Rai 2 Il Collegio 6, ultima puntata, ha registrato nella presentazione 1.016.000 spettatori, share 4,28% nel programma 1.071.000, 5,99%.
  • Rai 3 #Cartabianca ha registrato nella presentazione 903.000 spettatori, share 3,81% e nel programma 1.412.000, 7,55%.
  • Canale 5 Il film Dieci giorni con Babbo Natale ha registrato 2.830.000 spettatori, share 14,33%.
  • Italia 1 Genoa – Salernitana, valevole per la Coppa Italia, ha registrato 900.000 spettatori, share 4,02%.
  • Rete 4 Il film Blood Father ha registrato 801.000 spettatori, share 3,78%.
  • La7 DiMartedì ha registrato 1.335.000 spettatori, share 6,92%.
  • Tv8 Il filmThe Karate Kid – La leggenda continua registra 388.000 spettatori, share 2,66%.
  • Nove Il film Shooter ha registrato 470.000 spettatori, share 2,43%.

Access prime time

  • Rai 1 Soliti Ignoti – Il ritorno ha registrato 5.014.000 spettatori, share 21,01%.
  • Rai 2 Tg2 Post ha registrato 903.000 spettatori, share 3,77%.
  • Rai 3 Blob 1.132.000, 5,21%. Che Succ3de? 1.442.000, 6,25%. Un posto al sole 1.601.000, 6,68%.
  • Canale 5 Striscia la notizia ha registrato 4.143.000 spettatori, share 17,36%.
  • Italia 1 Coppa Italia live ha registrato 365.000 spettatori, share 1,64%.
  • Rete 4 Stasera Italia ha registrato 1.152.000 spettatori, share 4,93% e 924.000, 3,86%.
  • La7 Otto e mezzo ha registrato 1.786.000 spettatori, share 7,47%.
  • Tv8 Guess my age ha registrato 353.000 spettatori, share 1,5%.
  • Nove Deal With It ha registrato 365.000 spettatori, share 1,5%.

Seconda Serata

  • Rai 1 Porta a Porta ha registrato 822.000 spettatori, share 10,60%.
  • Rai 2 Data Comedy Show ha registrato 155.000 spettatori, share 2,27%.
  • Rai 3 Tg3 Lineanotte ha registrato 463.000 spettatori, share 6,51%.
  • Italia 1 Coppa Italia Live ha registrato 480.000 spettatori, share 2,80%.
  • Rete 4 Il film Il colore violaha registrato 163.000 spettatori, share 2,12%.
  • La7 DiMartedì più ha registrato un netto di 541.000 spettatori, share 7,16%.

Ascolti tv soap opera

  • Rete 4 Tempesta d’amore ha registrato 869.000 spettatori, share 4%.
  • Rai tre Un posto al sole 1.601.000, 6,68%.
  • Il paradiso delle signore ha registrato 1.905.000, 18%.
  • Canale 5 Beautiful ha registrato 2.388.000 spettatori, share 17,48%. 
  • Una Vita 2.379.000, 17,91%.
  • Love is in the air 1.713.000, 15,38%.

Fonte: Auditel

Hawkeye: il ritorno di un personaggio molto amato nel quinto episodio

Il quinto episodio di Hawkeye segna l’esordio di un ben noto personaggio 

Alla fine è accaduto quello in cui un po’ tutti speravano, forti delle indiscrezioni che erano già circolate da tempo. Il quinto episodio della serie TV di Hawkeye segna il ritorno di Vincent D’Onofrio nei panni di Wilson Fisk/Kingpin, già apparso nella serie Netflix di Daredevil.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

L’attore aveva più volte smentito i rumor che volevano la sua apparizione nella serie, tuttavia il quinto episodio conferma in maniera ufficiale che il misterioso “zio” di Echo altri non è che Kingpin in persona, il quale ha assoldato Yelena Belova per uccidere Clint Burton, ed è stato egli stesso a panificare l’omicidio del padre di Maya per mano di Ronin. 

La scoperta della sua identità avviene proprio nel finale dell’episodio, con una foto scattata da Yelena che suggerisce anche una combutta tra Kingpin e la madre di Kate Bishop. Il personaggio interpretato da Vincent D’Onofrio sembra piuttosto simile a quello che abbiamo già visto nella serie TV di Daredevil, con il suo elegante abito bianco, ma con una novità che lo rende ancora più simile al fumetto: il bastone.

Il sesto e ultimo episodio d Hawkeye andrà in onda il 22 dicembre su Disney+.

 

 

Non é l’Arena, intervista a Matteo Salvini: vaccini e bambini su La7

Oggi, mercoledì 15 dicembre, ultimo appuntamento per il 2021 con “Non è l’Arena” il programma di Massimo Giletti in onda in diretta alle 21.15 su La7.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi gratuitamente al canale Telegram per essere sempre aggiornato https://t.me/teleblogit.

Il leader della Lega Matteo Salvini si confronterà in un faccia a faccia con Giletti su diversi temi tra cui quello scottante dell’elezione al Quirinale.

In primo piano il mistero della morte di David Rossi, il manager di Mps trovato morto sotto la finestra del suo ufficio la sera del 6 marzo 2013 a Siena. A Otto anni dai fatti molte le cose che non tornano e tante le novità. C’è stata un’attività di inquinamento delle prove? Parla Carolina Orlandi, figlia di Antonella Tognazzi, moglie di David Rossi. In studio Antonio Monteleone.

Dopo un anno preciso dal via alla campagna vaccinale in tutta Europa, oggi saranno somministrate le prime dosi di vaccino ai bambini tra i 5 e gli 11 anni. È una scelta volontaria da parte dei genitori sulla quale però non tutti sono convinti. Se ne parlerà con Concita De Gregorio, Stefano Zurlo e Andrea Crisanti. Le telecamere di “Non è l’Arena” poi tornano all’ospedale di Pesaro dal primario che aveva lanciato via Facebook un messaggio contro i no vax e dove in piena emergenza covid il personale è allo stremo.

Per il dibattito in studio Luca Telese, Sandra Amurri e Nino Cartabellotta, quest’ultimo finito al centro delle polemiche per un tweet pubblicato dopo la notizia della positività al covid del cantante Povia. Su questo e sempre nel tentativo di costruire un dialogo tra i due schieramenti se ne discuterà con Zeno Molgora no green pass, Stan Nizzi operatore sanitario si vax e Francesca Donato.

Infine tra i temi della puntata si ritorna sul caso di Greta Beccaglia, la giornalista sportiva palpeggiata da un tifoso in diretta tv davanti allo stadio dopo la partita Empoli Fiorentina il 27 novembre scorso. Cosa non è stato ancora detto? Lo scopriremo con Greta ma anche con Francesca Fagnani, Raffaele Morelli e Francesca Brienza.