Major Grom: il medico della peste, la nuova era dei supereroi arriva dalla Russia

Major Grom su Netflix

Dimentichiamoci New York, Los Angeles o città di finzione come Gotham City: i supereroi del futuro, senza superpoteri, sembrano aggirarsi per San Pietroburgo. È proprio per le vie della città russa, alla scoperta delle sue contraddizioni, che ci porta il nuovo film disponibile su Netflix Major Grom: il medico della peste, e sembra che il pubblico abbia apprezzato questo cambio d’ambientazione. 

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Azione in salsa russa

È ormai da più di cinquant’anni che il mondo si è appassionato ai supereroi, all’inizio grazie agli albi a fumetti a loro dedicati e nell’ultimo periodo tramite block-buster cinematografici come i film firmati Marvel e DC. Non solo, negli anni ci siamo abituati a vedere spuntare i nostri supereroi mascherati preferiti anche in altri ambiti della nostra vita di tutti i giorni, dato che possiamo trovare telefilm con protagonisti questi personaggi, come il recente Loki, divertirci con giochi da casinò come le slot dedicate a Batman con cui tentare la fortuna, e perfino comprare capi d’abbigliamento con stampate le immagini di questi eroi. Sebbene ormai l’universo dei supereroi sia popolato da decine e decine di personaggi, quasi tutti questi sono di origine statunitense, anche quando si tratta di personaggi che, secondo la loro storia, non sono nati negli USA o non sono nemmeno umani.

Stupisce quindi veder entrare in campo uno “sfidante” che arriva dall’altro lato della cortina di ferro e che sembra proporre un nuovo prodotto fresco e un’alternativa alle storie di supereroi a cui siamo tanto abituati. Come nel caso delle sue controparti statunitensi, però, anche l’origine di Major Grom: medico della peste è da trovare in un fumetto, Major Grom, pubblicato da Bubble Comics dal 2012 al 2016. Questo film, inoltre, non è la prima versione cinematografica del fumetto: nel 2017 è infatti stato prodotto un cortometraggio dal titolo Major Grom che funge da prequel per i fatti raccontati nel film disponibile su Netflix.

Un eroe atipico

Fin da subito è chiaro che Major Grom: il medico della peste si rifà agli stilemi del mondo dei supereroi, ma li interpreta a modo suo. Abbiamo infatti un supercattivo misterioso che sembra avere poteri illimitati e che porta caos nella città, attirando però anche un certo numero di ammiratori. Il nostro protagonista, però, Igor Grom, fa parte della polizia e non sembra essere un vero supereroe. Non indossa costumi e non ha poteri speciali, se non una grande intuizione e la voglia di salvare la città dalla minaccia del crudele Medico della Peste. Il film, infatti, sembra unire il genere dei supereroi con il giallo, il tutto però in maniera moderna e accattivante. La qualità della pellicola, delle luci, delle ambientazioni, della regia e della sceneggiatura non hanno infatti nulla da invidiare ai film Marvel e DC.

Anzi, il lungometraggio potrebbe essere scambiato per un film di supereroi made in USA se non fosse per la lingua in cui è girato e in cui è cantata la colonna sonora, il russo, e la presenza di San Pietroburgo che, oltre a essere un’ambientazione, sembra a volte un vero e proprio personaggio.

Tutti questi elementi hanno conquistato pubblico italiano che sembra aver apprezzato appieno il film tanto da farlo entrare nella top 10 nazionale di Netflix per diversi giorni. Resta quindi da sperare che il successo internazionale del film porti alla produzione di un sequel di Major Grom: medico della peste e dia un chiaro messaggio al mondo del cinema: siamo pronti ad appassionarci alle storie di supereroi nuovi e diversi dal solito, magari al di fuori degli Stati Uniti. 

Senza cedere ai tropi imposti dalla narrazione statunitense dedicata ai supereroi, Major Grom: medico della peste riesce a rimanere fedele alla sua anima russa facendo però anche breccia nel cuore degli spettatori internazionali dando il via, forse, a una nuova era per i supereroi di tutto il mondo. 

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it, tivoo.it, mondotelefono.it, maglifestyle.it Ha collaborato tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Collabora con la web radio Radiostonata.com nel programma quotidiano #AscoltiTv in diretta da lunedi a venerdi dalle 10 alle 11.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.