Loki: Jonathan Majors ha improvvisato quasi tutte le scene

Jonathan Majors ha avuto carta bianca nel finale di Loki

Kate Herron, regista della prima stagione di Loki, ha recentemente discusso in una nuova intervista a Entertainment Weekly del coinvolgimento di Jonathan Majors (Lovecraft Country)nel finale della prima stagione.

L’attore ha interpretato il ruolo di “Colui Che Rimane”, ma in realtà è solo una delle varianti di Kang che appariranno prossimamente nel Marvel Cinematic Universe. L’apparizione del personaggio, mai citato con il suo vero nome nel finale della prima stagione di Loki, getta le basi per le sue future apparizioni, inclusa quella che vedremo al cinema in Ant-Man & Wasp: Quantumania.

La regista ha spiegato che Majors doveva essere una delle grandi sorprese della serie, l’attore stesso aveva smentito il suo coinvolgimento durante la messa in onda della serie. Il suo impegno sul set è stato di una settimana circa e pare che all’attore sia stata data la massima libertà creativa per interpretare questa variante di Kang.

Buona parte delle scene, stando alle parole della Herron, sono state frutto di grande improvvisazione da parte della star.

Da parte sua, Herron ha fatto tutto il possibile per dare a Majors una stanza in cui giocare, sperimentare e dimenticare quello che doveva essere il programma, e l’attore ha colto al balzo questa opportunità lasciando che l’improvvisazione prendesse il sopravvento. Ad esempio, il momento in cui Colui Che Rimane racconta ciò che le sue varianti si dicevano quando si incontrarono per la prima volta: “‘Amo le tue scarpe.’ ‘Amo i tuoi capelli.’ “Oh, amico, bel naso.” ‘Grazie, amico.'” non era scritto nella sceneggiatura.

Quella è stata una delle cose divertenti di vederlo all’opera. La troupe ha visto che stava iniziando a muoversi, e quindi le telecamere lo hanno seguito. Per lui era quasi come una danza. Ma non era una danza pianificata. Ci ha semplicemente sbalordito. Ad esempio, adoro il momento in cui sprofonda nella sedia e dice: ‘Sono vecchio e sono stanco’, e tu senti la sua fragilità in un certo senso, senti il ​​suo sentirsi invecchiato, anche se, ovviamente, ha l’aspetto di un giovane uomo.

Fonte: EW

Blogger professionista. Lavora a diversi magazine online come CartoonMag.it. Collabora con UpGo.news per la creazione di analisi originali, notizie e prove su strada dei servizi telco. Giovanni Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.