Anthony S. Fauci a Che tempo che fa “presto in Europa approvazione vaccini ragazzi 12-15 anni”

AnthonyFauci_CheTempoCheFa

Solo i grandi ormai scelgono il salotto di Fabio Fazio e di Che tempo che fa su Rai tre in prima serata, una stagione davvero gloriosa sotto ogni punto di vista e anche la puntata di domenica 16 maggio 2021 non é stata da meno con la super ospite Sharon Stone e Anthony S.Fauci, Direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, un grande uomo, medico e ricercatore che ha fatto un pò il punto della situazione sull’epidemia da Covid-19 e la vaccinazione. Ecco alcuni passaggi dell’intervista.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

AnthonyFauci_CheTempoCheFa

“Paesi come USA e Italia hanno la capacità di reagire adeguatamente, negli USA abbiamo infatti 35/37% di cittadini vaccinati. Circa il 55% degli adulti hanno ricevuto almeno una dose di vaccino. Analogamente in Italia e in altri paesi d’Europa stiamo incominciando a vedere una decrescita del numero dei casi. Negli USA, nelle ultime due settimane abbiamo avuto una diminuzione di un terzo della media giornaliera dell’insorgenza di nuovi casi. Questa però non è la situazione in altri paesi del mondo: India, Sudafrica, Brasile e altri paesi dell’America Latina non hanno la capacità di vaccinare i propri cittadini e un sistema sanitario in grado di prevenire queste infezioni”. Così Anthony S. Fauci, Direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, ospite di Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa su Rai3. 

“Dare vaccini anche al resto del mondo non è una cosa che riguarda la protezione brevettuale, bisogna convincere chi li produce a fare abbastanza dosi per  distribuirli più massicciamente in India, Africa, etc…”.

Sulla possibilità di eliminare definitivamente il Covid:

“Non credo che si possa eradicare il Covid. Possiamo controllarlo, il problema è come controllarlo bene. Forse dovremo continuare a vaccinare la popolazione con richiami ogni anno o anno e mezzo. Il nostro scopo è ridurre le infezioni in modo che non siano più una minaccia pubblica.

Sugli atteggiamenti negazionisti:

“Li vediamo anche negli USA, dove abbiamo negazionisti dell’insorgenza di questa pandemia. Noi, che invece crediamo nella scienza, dobbiamo continuare a cercare i dati e le prove conclamate e far sì che ogni cosa che facciamo si basi proprio su questo. Non dobbiamo dare adito a tutte le distorsioni che sentiamo di coloro che, per esempio, negano il metodo scientifico. Questo è molto pericoloso, potrebbe essere un grande passo indietro”.

Vaccini Pfizer per i ragazzi:

“Negli USA stiamo vaccinando gli adolescenti dai 12 ai 15 anni. Quindi consideriamo adatti alla vaccinazione i ragazzi dai 12 in su. L’approvazione da parte delle autorità in Italia o altrove  verrà data molto presto perché i dati che abbiamo sono estremamente sicuri, soprattutto per la fascia 12 – 15 anni”.

Negli USA abolizione dell’obbligo di mascherine per i vaccinati: 

“Il CDC – Centers for Disease Control and Prevention due giorni fa ha rilasciato un annuncio ufficiale: se siamo vaccinati, quindi non c’è più pericolo di infezione, possiamo sia all’interno che all’esterno stare senza mascherina”.

Sulla pillola vaccinale via orale: 

Non è ancora realtà, ma potrebbe diventare una realtà e ci stiamo lavorando insieme alla Pfizer”.

Evitiamo di dichiarare una vittoria prematura:

“La cosa da evitare è dichiarare una vittoria prematura, perché non abbiamo ancora vinto questa battaglia. La differenza con l’estate scorsa è che ora abbiamo dei vaccini. Se riusciamo ad avere la maggior parte della popolazione vaccinata, riusciremo a fare dei passi indietro sulle misure di sicurezza. Se incominceremo a fare cose che non dovremmo fare, c’è sempre però la possibilità di nuove restrizioni. Se stiamo attenti e continueremo a vaccinare tutti, andremo bene e non ci saranno ricadute. Dobbiamo fare questo però a piccoli passi e lentamente, non è possibile semplicemente accedere e spegnere una situazione come si farebbe con un interruttore della luce”.

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it, tivoo.it, mondotelefono.it, maglifestyle.it Ha collaborato tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Collabora con la web radio Radiostonata.com nel programma quotidiano #AscoltiTv in diretta da lunedi a venerdi dalle 10 alle 11.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.