Giornata Internazionale della donna, la speciale programmazione Rai

L’8 marzo è la data in cui tutto il mondo festeggia la Giornata Internazionale della donna, un appuntamento per ricordare le conquiste sociali e politiche ottenute nel corso della storia, ma anche tenere alta l’attenzione su discriminazioni e violenze.

La Rai – impegnata in un processo di rinnovamento per l’equilibrio di genere e Main Media Partner nel 2021 di Women 20, l’engagement group del G20 specializzato su parità di genere ed empowerment femminile – celebra la ricorrenza con un’ampia offerta su reti, testate, e sul web.

Per tutta la settimana, le reti del Servizio Pubblico ospitano la campagna di Raccolta Fondi “#MaipiùInvisibili”, a cura dall’Associazione We World, finalizzata a contrastare la violenza sulle donne, iniziativa sostenuta da Rai per il Sociale. Inoltre, da sabato 27 febbraio a lunedì 8 marzo è in onda su tutti i canali lo spot istituzionale “La prima donna”, prodotto dal Dipartimento per le Pari Opportunità e il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Giornata Internazionale della donna Rai

In tv, l’offerta dedicata comincia già domenica 7 marzo con spazi dedicati alla ricorrenza a “Domenica In” in onda alle 14.00 su Rai1, mentre lo Speciale Tg1, alle 23.50, propone il doc “Due scatole dimenticate – un viaggio in Vietnam” di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli, un omaggio alla regista, sceneggiatrice e fotografa Cecilia Mangini considerata la prima documentarista donna in Italia, scomparsa recentemente (il 21 gennaio) all’età di 84 anni.

Su Rai Storia, invece, dalle 14.00 alle 24.00 è Dacia Maraini, da sempre impegnata a raccontare il mondo femminile, a raccontarsi a “Domenica con”, disegnandone il palinsesto. Su Rai5 alle 10.00, il “Falstaff” per il ciclo “Domenica all’opera” è un omaggio al soprano Anna Moffo.

Lunedì 8 marzo, il giorno della ricorrenza è celebrato a partire da Rai1 con “UnoMattina” alle 6.45, seguito, alle 9.55, da “Storie Italiane”.

Dalle 10.55 sarà trasmessa, in diretta dal Palazzo del Quirinale, alla presenza del Presidente Sergio Mattarella, la Cerimonia per la Celebrazione della Giornata della Donna, a cura del Tg1 in collaborazione con Rai Quirinale, seguita anche da Rainews24. Riservano spazi di approfondimento alla Giornata dell’8 marzo anche “E’ sempre Mezzogiorno” (alle 11.55), “Oggi è un altro giorno” (alle 14.00) e “La Vita in diretta” (alle 17.05). Si chiude con “S’è fatta notte” a mezzanotte e
40.

Su Rai2 dopo “Radio 2 Social Club” alle 8.45, la ricorrenza sarà celebrata con ospiti e approfondimenti a “I Fatti Vostri” (alle 11.10), “Ore 14.00” (alle 14.00) e “Detto Fatto” (alle 15.15). Le donne sono protagoniste anche in prima e seconda serata con i film “Colette”, alle 21.20, e “Suffragette”, alle
23.15.

Grande attenzione alla Festa Internazionale della donna, inoltre, su Rai3, a cominciare da “Agorà” alle 8.00. Spazi dedicati anche nei programmi che seguono: “Mi manda Raitre” (alle 10.00), “Elisir” (alle 11.05) e “Quante storie” che alle 12.45 avrà come ospiti la scrittrice Dacia Maraini
e la Chair di Women 20, Linda Laura Sabbadini, direttore centrale dell’Istat.

Alle 13.15 (e in replica alle 20.30 su Rai Storia) “Passato e Presente”, con Paolo Mieli e la professoressa Silvia Salvatici, ripercorre il faticoso cammino delle italiane per ottenere uguale trattamento sul lavoro rispetto agli uomini.

Alle 15.25 (e alle 17.40 su Rai Storia) le lezioni dei #maestri di Edoardo Camurri sono dedicate a tre grandi pensatrici del Novecento, Simone Weil, Hannah Arendt e Agnes Heller e alla scienziata e pedagoga Maria Montessori. Si parla di donne, di storia, ma anche di obiettivi da raggiungere, a “Geo” alle 17.00 e alle 20.20 a “Che succ3de?”.

Rai Cultura celebra la Giornata Internazionale della Donna con film, web doc, video storici, documentari e contenuti esclusivi che raccontano le grandi donne della storia, del sapere e delle arti, proposti sui suoi canali Rai Storia e Rai5 e sul portale Rai Cultura Web e Social.

Lunedì 8 marzo la programmazione di Rai Storia è tutta al femminile a partire da “Il giorno e la storia”, in onda alle 00.30 e in replica 8.30, 11.30, 14.00, 20.00 che ripercorre l’istituzione della ricorrenza.

Alle 15.05 è il film “Due partite” con Margherita Buy, Isabella Ferrari, Marina Massironi, Paola Cortellesi, Carolina Crescentini, Valeria Milillo, Claudia Pandolfi, Alba Rohrwacher, a raccontare due generazioni di donne.

Durante il giorno in primo piano alcuni ritratti al femminile: Carla Lonzi e Maria Montessori a “Passato e Presente” (alle 9.00. alle 14.30), Laura Bassi ed Emma Carelli a “Italiani” (alle 9.30 e alle 21.15), Gertrude Bell e Nellie Bly a “Lady Travellers” (alle 12.00 e alle 13.00), Rita Levi Montalcini nel doc
“Soggetto Donna” (alle 12.30), Franca Valeri a “Biografie” (alle 19.30), l’attuale ministro della Giustizia Marta Cartabia, già Presidente della Corte Costituzionale, in “Senza distinzione di genere – Le corti
nel mondo” alle 22.45, Adele Faccio in “Il segno delle
donne” alle 23.15.

In palinsesto, inoltre, non mancano gli appuntamenti per approfondire la questione femminile in diversi momenti storici e ripercorrere le
tappe delle lotte per i diritti civili e politici delle donne.

In particolare, il doc “Italiane. Il Risorgimento delle donne”, in onda alle 10.30, racconta le lotte al femminile che hanno animato l’Italia a partire dagli anni Venti dell’Ottocento fino alla conquista dell’Unità.

In “Uguali e diversi”, alle 15.00 e in replica alle 16.50, 18.30, 20.30, 23.00, la narrazione del rapporto e delle esperienze di vita vissute da Andrea con la sorella gemella Anna.

L’impegno delle donne nella Prima Guerra mondiale è al centro di “La lunga marcia” alle 16.40. “Volere votare” proposto alle 18.20 torna al 1946 quando le donne votarono e vennero votate per la prima volta in Italia. Alle 21.10 spazio al filmato realizzato per il Quirinale per la Giornata Internazionale della donna.

La programmazione dedicata di Rai Storia prosegue per tutta la settimana con gli speciali “Soggetto Donna – Festa della donna”, in onda tutti i giorni alle 13.00 fino a venerdì 12 marzo.

Su Rai5 alle 10.00 parte un ciclo di opere storiche – in onda per
tutta la settimana – dedicate a grandi interpreti femminili della lirica, da Magda Olivero nella Tosca del 1960, a Renata Tebaldi nella Forza del destino del 1958 a Rosanna Carteri nella Manon del 1955. Alle 19.00 in primo piano la vita di una grande scrittrice raccontata nel documentario in prima tv “Margaret Atwood – Il potere delle parole”.

L’omaggio alle donne prosegue con il film “Vergine giurata” alle 22.15 e con un doppio appuntamento dedicato a due protagoniste assolute della scena musicale femminile, Tina Turner e Cher, con due episodi
della serie “Rock Legends” in onda dalle 24.15. Il portale di Rai Cultura, infine, presenta un web-doc (https://www.raicultura.it/webdoc/otto-marzo/) realizzato per celebrare la “Giornata internazionale della donna”.

Video storici d’eccezione selezionati dall’archivio Rai, uniti a contenuti esclusivi per ripercorrere le principali tappe della conquista dei diritti civili e politici da parte delle donne.

Per quanto riguarda gli altri canali specializzati, interamente in rosa la
programmazione di Rai Movie che lunedì 8 marzo propone una serie di
film incentrati sulle donne.

Si parte con due storiche pellicole di Vittorio De Sica, “Matrimonio all’italiana” alle 8.55, con Sophia Loren e Marcello Mastroianni, e “La ciociara” alle 10.45, con Sophia Loren, Jean-Paul Belmondo ed Eleonora Brown.

Alle 12.30 spazio a “Padrona del suo destino”, per la regia di Marshall Herskovitz, con Catherine McCormack, Rufus Sewell e Naomi Watts; alle 14.25 “Nome di donna”, per la regia di Marco Tullio Giordana, con Cristiana Capotondi e Valerio Binasco.

Alle 16.00 viene proposto il film turco “MuRai Gold al femminile stang”, alle 17.40 “Questi giorni” con Margherita Buy e Maria Roveran. In prima serata, alle 21.10, il film western “Cat Ballou” di Elliot Silverstein con Jane Fonda, Lee Marvin, Nat “King” Cole, alle 22.50 “Le pistolere” di Christian-Jaque, con Brigitte Bardot, Claudia Cardinale e Michael J. Pollard.

Chiudono la serata, a mezzanotte e 40, “Incompresa” di Asia Argento, con Charlotte Gainsbourg, Gabriel Garko, Giulia Salerno e alle 2.30 “Antonia”, di Ferdinando Cito Filomarino, con Linda Caridi e Filippo Dini.

Ampia e diversificata, infine, l’offerta dell’8 marzo di RaiPlay, con una ricchissima selezione di film, fiction, documentari e programmi presenti in catalogo che trattano la figura femminile attraverso una varietà di formati, temi e linguaggi. I contenuti disponibili in esclusiva saranno promossi nella home page nelle sezioni “Da Non Perdere”, “Film”, “Documentari”, “Fiction”, “Learning” e “Teche”.

Tra i film “Nome di donna”, “7 minuti”, “Nemiche per la pelle”, “La pazza gioia”, “Parigi a tutti i costi”, “The Young Victoria” “Dalida”; tra le fiction “Rita levi Montalcini”, “Storia di Nilde”, “L’Oriana”, “Luisa Spagnoli”, “Le ragazze dello swing”, “La baronessa di Carini”.

Ampia l’offerta di documentari da “Femminismo” a “Illuminate” da “Butterfly” a “La passione di Anna Magnani”.

La sezione “learning” prevede, invece, una collezione tematica dal titolo “La condizione femminile”: un viaggio nel tempo per parlare di donne come inesauribile forza nella lotta per ottenere diritti, giustizia, pari opportunità e in giro per il mondo alla scoperta delle conquiste, ma anche delle
persistenti difficoltà dell’essere donna.

Per quanto riguarda le Teche Rai, l’offerta di RaiPlay prevede una collezione multi genere di 24 prodotti caratterizzati al femminile. Una proposta in cui spicca l’esclusiva RaiPlay “George Sand”, lo sceneggiato diretto da Giorgio Albertazzi nel 1981, con Anna Proclemer nel ruolo dell’anticonformista scrittrice francese che si firmava con pseudonimo maschile, cui si aggiungono titoli d’archivio come come l’antologia “Scrittrici del ‘900”, l’inchiesta di Virgilio Sabel sulla condizione
della donna in Italia a metà anni ’70 “La questione femminile”, le storie di alcune protagoniste del ‘900 raccolte in “Femminile plurale” e “L’avvocato
delle donne”, sei puntate tratte dal libro di Tina Lagostena Bassi.

Prodotte da Rai per il Sociale e in evidenza su RaiPlay, anche 9 puntate, tutte al femminile, di “ConverseRai”, il programma di approfondimento per capire il mondo che cambia e la rivoluzione digitale e sociale, e quattro episodi – due dei quali inediti – di “Web Side Story – Quando le donne
in Rete fanno la storia”.

Quattro storie di donne in Internet: Malala, la blogger bambina che sfida
i Talebani e vince il Nobel; Julie Powell, la ragazza che conquista Hollywood con le ricette online.

Ampia e diversificata, infine, l’offerta dell’8 marzo di RaiPlay, con una ricchissima selezione di film, fiction, documentari e programmi presenti in catalogo che trattano la figura femminile attraverso una varietà di formati, temi e linguaggi.

I contenuti disponibili in esclusiva saranno promossi nella home
page nelle sezioni “Da Non Perdere”, “Film”, “Documentari”, “Fiction”, “Learning” e “Teche”. Tra i film “Nome di donna”, “7 minuti”, “Nemiche per la pelle”, “La pazza gioia”, “Parigi a tutti i costi”, “The
Young Victoria” “Dalida”; tra le fiction “Rita levi Montalcini”, “Storia di Nilde”, “L’Oriana”, “Luisa Spagnoli”, “Le ragazze dello swing”, “La baronessa di Carini”.

Ampia l’offerta di documentari da “Femminismo” a “Illuminate” da “Butterfly” a “La passione di Anna Magnani”.

La sezione “learning” prevede, invece, una collezione tematica dal titolo “La condizione femminile”: un viaggio nel tempo per parlare di donne come inesauribile forza nella lotta per ottenere diritti, giustizia, pari opportunità e in giro per il mondo alla scoperta delle conquiste, ma anche delle
persistenti difficoltà dell’essere donna.

Per quanto riguarda le Teche Rai, l’offerta di RaiPlay prevede una collezione multi genere di 24 prodotti caratterizzati al femminile. Una proposta in cui spicca l’esclusiva RaiPlay “George Sand”, lo sceneggiato diretto da Giorgio Albertazzi nel 1981, con Anna Proclemer nel ruolo dell’anticonformista scrittrice francese che si firmava con pseudonimo maschile, cui si aggiungono titoli d’archivio come come l’antologia “Scrittrici del ‘900”, l’inchiesta di Virgilio Sabel sulla condizione
della donna in Italia a metà anni ’70 “La questione femminile”, le storie di alcune protagoniste del ‘900 raccolte in “Femminile plurale” e “L’avvocato
delle donne”, sei puntate tratte dal libro di Tina Lagostena Bassi.

Prodotte da Rai per il Sociale e in evidenza su RaiPlay, anche 9 puntate, tutte al femminile, di “ConverseRai”, il programma di approfondimento per capire il mondo che cambia e la rivoluzione digitale e sociale, e quattro episodi – due dei quali inediti – di “Web Side Story – Quando le donne
in Rete fanno la storia”.

Quattro storie di donne in Internet: Malala, la blogger bambina che sfida i Talebani e vince il Nobel; Julie Powell, la ragazza che conquista Hollywood con le ricette online; Sister Web, la suora che ha portato il Vaticano sul Web; Neda, la studentessa iraniana uccisa in strada a Teheran.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.