Alto Adige, Gaeta nel nuovo appuntamento con Eden – Un pianeta da salvare su La7

Sabato 27 febbraio alle 21.15 su La7, ultimo appuntamento con “Eden, Un pianeta da salvare” il programma condotto da Licia Colò che come tappa finale di questo viaggio ci porterà a visitare l’Italia, partendo dalle meravigliose montagne dell’Alto Adige, passando per Gaeta, per poi tornate sulle vette del ghiacciaio Presena.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Licia Colò in Eden Un pianeta da salvare La7

L’itinerario comincia all’ombra della catena dell’Ortles, in Alto Adige; terra dove godremo della vista di panorami spettacolari, come quelli della Gola del Rio Plima o della Cascata di Parcines. Qui poi visiteremo l’area faunistica del Parco dello Stelvio, dove vivono cervi e caprioli in semi libertà.

Nella seconda parte della serata raggiungeremo Gaeta e il Monte Orlando dove sono ancora presenti le antiche gallerie borboniche sfruttate anche dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. 

Percorreremo, poi, un sentiero che conduce al Promontorio di Montagna Spaccata, e che divide in due la roccia. Questo luogo suggestivo viene considerato mistico dagli abitanti della zona: tra le leggende millenarie tramandate, si narra che San Filippo Neri dimorò all’interno della montagna su un giaciglio di pietra noto ancora oggi come “il letto di San Filippo”.

Faremo sosta, inoltre, in uno degli ultimi fari presidiato dall’uomo, pretesto e inizio di un viaggio alla scoperta dei fari nel mondo.

Tappa finale, di Licia, un centro di recupero per volatili selvatici feriti, che dopo amorevoli cure vengono rimessi in libertà.

A completare la puntata un reportage di Mister Nat dal ghiacciaio Presena e un intervento di Valerio Rossi Albertini sull’inquinamento dei mari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.