Il paradiso delle signore, Marta di nuovo in partenza

Nella puntata de Il paradiso delle signore del 25 febbraio: Marta non riesce a perdonare Umberto che, avvilito per la reazione della figlia, si sfoga con Vittorio e Federico. Rocco ha un’idea per trovare lavoro a suo zio Giuseppe proprio in magazzino, ma Armando non ne è entusiasta.

Ispirata alla moda londinese, Gabriella ha intenzione di creare un abito molto originale e contro tendenza. Mentre Irene cerca consensi tra le colleghe come nuova capo commessa pro tempore, al Paradiso fa visita una signora misteriosa.

Per vedere o recuperare la puntata in streaming Rai Play cliccate questo link.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Chiarimento tra Federico e Marta

Il paradiso delle signore. Puntata 25 febbraio 2021

Marta é ancora arrabbiata dopo la scoperta fatta su Federico e al momento rinnega Umberto che a sua volta é molto dispiaciuto e sconfortato dalla freddezza della figlia, ma la donna ha un chiarimento molto intenso e toccante con Federico che la invita a non fare come ha fatto lui, intanto Marta é in procinto di partire per Parigi per raggiungere Nicoletta e Riccardo.

Gabriella propone a Vittorio una nuova linea di abiti molto audaci e assolutamente inediti per l’Italia ispirandosi ad una linea di abiti femminili già molto in voga a Londra, Conti é entusiasta e le propone subito di mettersi al lavoro ma all’inizio la clientela potrebbe non reagire bene.

Al Paradiso si presenta una donna molto elegante ma anche molto misteriosa che adocchia subito Stefania ma sparisce altrettanto misteriosamente: chi sarà mai?

Rocco pensa di cercare lavoro per Giuseppe proprio al Paradiso e precisamente al magazzino e intercede con Armando affinché lo possa aiutare ma questo porterebbe problemi a lui e ad Agnese.

Ludovica ancora spaventata dall’ultimo incontro con il mantovano, chiede aiuto a Marcello e tra i due si instaura una ulteriore complicità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.