Il paradiso delle signore, esplodono i pettegolezzi

I malori di Clelia

Nella puntata de Il paradiso delle signore del 27 gennaio: su suggerimento di Beatrice, Vittorio convoca i coniugi Amato al Paradiso per offrire un lavoro a Giuseppe che, però, non la prende molto bene. Tranne Stefania, Federico e pochi altri, nessuno sa della gravidanza della Calligaris, ma i pettegolezzi che iniziano a circolare, oltre a preoccupare molto Silvia e la zia Ernesta, potrebbero portare a grossi problemi legali per Clelia e Luciano.

Per vedere o recuperare la puntata in streaming RaiPlay cliccate questo link.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Il paradiso delle signore. Puntata 27 gennaio 2021

Su consiglio di Beatrice, Vittorio si attiva subito per trovare un lavoro per Giuseppe cercando cosi liberare Agnese e darle opportunità di tornare a lavorare al Paradiso, ma Giuseppe non la prende molto bene sulle prime ma Agnese é ormai decisa a tornare a lavorare con o senza il suo accordo facendo molto felice Salvatore che ritrova lo spirito di sua madre.

A casa Bergamini dopo il lutto si cerca di rimandare il matrimonio mentre Cosimo deve preoccuparsi anche dello stato mentale di sua madre che in un improvviso impeto incolpa Adelaide della morte di Arturo.

I pettegolezzi sul conto di Luciano e Clelia cominciano ad aumentare in modo preoccupante, lo stato di salute della capo commessa non passa più inosservato e raggiunge anche Stefania a cui Luciano chiede di mantenere il segreto soprattutto con Silvia ed Ernesta ma in città le voci cominciano a rincorrersi.

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it. Collabora tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Giuseppe Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.