Il paradiso delle signore, Roberta in pericolo?

Nella puntata de Il paradiso delle signore del 4 dicembre: Silvia è angosciata per la situazione che si è venuta a creare con Federico e riceve il sostegno di Ernesta e Stefania. M arcello confessa a Salvo e ad Armando di non sentirsi tranquillo da quando il Mantovano si è rifatto vivo e nel frattempo Roberta è vittima di un incidente che non sembra affatto casuale.

Federico torna a casa, ma solo per fare le valigie e trasferirsi nel nuovo appartamento di Luciano. Intanto si lavora al progetto grafico che animerà la vetrina del Paradiso per la festa di Sant’Ambrogio.

Per rivedere o recuperare la puntata in streaming cliccate questo link.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Roberta investita da un auto

Il paradiso delle signore. Puntata 4 dicembre 2020

I guai di Marcello inevitabilmente finiscono per coinvolgere anche Roberta che per poco non viene investita da un auto guidata da due delinquenti mandati dal mantovano che esige altri soldi ma intanto la ragazza é sempre all’oscuro di tutto.

Federico e Luciano hanno un nuovo confronto molto intenso che suggella ancora di più il loro rapporto, il ragioniere riprova a far capire al figlio di non essere troppo severo da Silvia che continua ad essere angosciata per la mancanza del figlio.

Pietro scopre che sua madre svolge un lavoro duro e umile e scopre anche di aver messo in affitto la loro casa e ne parla con Vittorio ma le rivelazioni non finiscono qui perché scopriamo che Vittorio e Beatrice hanno avuto una breve relazione alcuni anni prima.

Nonostante le raccomandazioni di Luciano, Federico decide di lasciare definitivamente casa di Silvia e si trasferisce a casa di Luciano e Clelia.

Marcello viene costretto e minacciato dal mantovano: dovrà svolgere un lavoretto per lui altrimenti le persone a lui care saranno in serio pericolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.