La Tv trash é un male dei nostri tempi o solo lo specchio di una società? La lettera di un insegnante

Alcuni giorni fa su Facebook é comparso un lunghissimo post affidato quindi alla comunità social di un insegnante, un certo Marco Galice, ripresa già da Fanpage tv in cui indignato accusa determinati personaggi della tv di Mediaset accusandoli di essere con la loro tv trash, responsabile del decadimento sociale e culturale dell’Italia.

Ecco qualche passaggio saliente di questo post indignato su cui certamente dovremmo un attimo tutti soffermarci e riflettere.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Programmi Mediaset

Barbara D’Urso, Maria De Filippi, Alfonso Signorini, Alessia Marcuzzi e tutta la schiera della vostra bolgia infernale… io vi accuso. Vi accuso di essere tra i principali responsabili del decadimento culturale del nostro Paese, del suo imbarbarimento sociale, della sua corruzione e corrosione morale, della destabilizzazione mentale delle nuove generazioni, dell’impoverimento etico dei nostri giovani, della distorsione educativa dei nostri ragazzi.Voi, con la vostra televisione trash, i vostri programmi spazzatura, i vostri pseudo spettacoli artefatti, falsi, ingannevoli, meschini, avete contribuito in prima persona e senza scrupoli al Decadentismo del terzo millennio che stavolta, purtroppo, non porta con sé alcun valore ma solo il nulla cosmico.

Su questo tipo di sentimento negativo nei confronti di un certo modo di fare tv ormai consolidato non fa altro che riaccendere un dibattito che va avanti da anni verso cui nessuno riesce a dare una risposta anche perché dare una risposta é tutt’altro che semplice.

Fermo restando che la televisione, soprattutto in un periodo come questo di pandemia in cui tante persone sono chiuse in casa per molte ore al giorno ed hanno come compagna di intrattenimento proprio la tv, una certa programmazione come quella citata dall’insegnante non fa di certo bene.

Pensiamo al pubblico di giovani e giovanissimi che seguono programmi come il Grande fratello vip oppure certi salotti della D’Urso non rappresentano certo un semplice intrattenimento spensierato come potrebbe sembrare.

Il post indignato di Galice si scaglia principalmente contro Mediaset ma tanto ci sarebbe da dire anche da una certa programmazione della Rai che non brilla certo per essere una tv cosiddetta di qualità. Le censure operate in questo periodo, il ridicolo siparietto tutorial proposto a Detto fatto su Rai due non sono certo un esempio migliore, quindi qualcosa é certamente da rivedere.

Ma la tv é responsabile del decadimento culturale e sociale del paese oppure ne é solo uno specchio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.