Gli orologi del diavolo, Marco entra nel clan (anticipazioni 10 novembre)

Secondo appuntamento, martedì 10 novembre alle 21.25 su Rai1, con “Gli orologi del diavolo”, la nuova serie adrenalinica, tratta da una storia realmente accaduta, quella di Gianfranco Franciosi, che vede protagonista Giuseppe Fiorello nei panni dell’eroe per caso Marco Merani il primo civile inserito a scopi investigativi in un contesto criminale. 

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Gli orologi del diavolo anticipazioni

Marco, costretto da Aurelio a partire per il Sud America, conosce la famiglia del boss e i suoi amici. Marco vorrebbe chiudere con quella storia ma Mario lo convince ad accettare un ultimo lavoro: preparare un’imbarcazione per una consegna speciale.

Aurelio, all’ultimo momento, chiede che sia proprio Marco a guidare il gommone. Marco esita ma la polizia italiana gli garantisce protezione. Vexina forza la mano e la gendarmérie francese, all’oscuro dell’operazione, arresta Marco e Pablo, il braccio destro di Aurelio che viaggia con lui, al largo della coste francesi.

Marco viene condannato a otto mesi di carcere. Mentre divide la sua cella con Pablo, tenta di mettersi in contatto con la polizia italiana, inutilmente. Quando capisce che, se si scoprisse che è un infiltrato, lui e la sua famiglia sarebbero finiti, accetta la condanna in silenzio.

Mentre Vexina paga il suo errore e viene allontanato dal suo incarico, a casa Merani la situazione precipita. Uscito dal carcere, Marco si ritrova faccia a faccia con una terribile verità: il cantiere è sull’orlo del fallimento, sua moglie vuole separarsi e in paese tutti ormai lo considerano un trafficante di droga… 

La Serie è prodotta da Picomedia in collaborazione con Rai Fiction, per la regia di Alessandro Angelini. Nel cast anche Claudia Pandolfi, Alvaro Cervantes e Nicole Grimaudo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.