Il paradiso delle signore, Federico lascia Roberta

Nella puntata de Il paradiso delle signore del 30 settembre: dopo aver scoperto che anche Silvia ha tradito Luciano, Federico li affronta entrambi e Clelia, che si sente coinvolta per quello che sta accadendo a casa Cattaneo, ha un crollo emotivo.

Marta sembra disposta a tutto, pur di avere con sé la piccola Anna, mentre Vittorio incontra la madre naturale che conferma di non volerla tenere. Al Paradiso, intanto, si lavora per lanci are al più presto la linea bambino.

Per rivedere o recuperare la puntata in streaming cliccate questo link.

Prima di entrare nel dettaglio della notizia, vi ricordiamo che potete ricevere in anteprima e con puntualità tutte le nostre News iscrivendovi al Canale Telegram, il nostro canale tematico.

Il paradiso delle signore. Riassunto puntata 30 settembre 2020

Dopo aver scoperto che i suoi genitori si sono traditi a vicenda, Federico li affronta e usa parole molto dure contro di loro figuriamoci se sapesse che lui potrebbe anche non essere figlio di Luciano.

Dopo tanti ripensamenti e dubbi, Salvatore appare deciso all’idea dell’apertura serale della caffetteria ma la sua ulteriore idea sarebbe quella di aprire la sera all’improvvisa senza periodi di prova.

Clelia si sente in qualche modo responsabile per la divisione profonda nella famiglia di Luciano e vorrebbe quasi fare qualcosa ma il ragioniere é certo che prima o poi Federico se ne faccia una ragione e accetti che a volte i rapporti non sono perfetti e idilliaci sempre.

Marta e Vittorio rischiano di perdere la bambina

Vittorio riesce a parlare con ancora una volta con Daniela che pur riconoscendo che loro sarebbero ottimi genitori per la sua piccola lei non può tenerla non avendo per lei nulla a questo punto sembrano diminuire ancora le possibilità di adottarla.

La delusione data dalle ultime scoperte portano Federico a interrogarsi anche sul suo rapporto con Roberta convincendosi che tra loro non c’é amore e quindi i due si lasciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.