La guerra é finita, ritorno alla vita (anticipazioni 20 gennaio)

Lunedi 20 gennaio 2020 in prima serata Rai Uno torna la miniserie La guerra é finita con seconda delle quattro puntate previste. La serie con protagonisti Michele Riondino e Isabella Ragonese racconta un’Italia provata, miserabile, ridotta in macerie, la riscoperta del rispetto reciproco, della solidarietà, della voglia di giocare, studiare, lavorare e amare dopo la fine degli orrori della seconda guerra mondiale.

La Guerra è Finita: anticipazioni seconda puntata di lunedì 20 gennaio 2020

I Terenzi, proprietari della tenuta dove alloggiano i ragazzi, decidono di riprendersela per trasformarla in un’azienda agricola. Giulia prova a convincere la marchesa di desistere mentre Davide va a Milano per parlare con una donna che forse aveva incontrato sua moglie e suo figlio sul treno che da Fossoli li portò al campo di Mauthausen.

I ragazzi piano piano sembrano tornare alla vita e tra alcuni di loro iniziano a nascere i primi affetti…

Interamente girata nel territorio della provincia di Reggio Emilia, la serie, creata da Sandro Petraglia, è una produzione Palomar in collaborazione con Rai Fiction, prodotta da Carlo Degli Esposti e Nicola Serra con Max Gusberti.

È l’aprile del 1945. All’indomani della Liberazione iniziano a tornare in Italia, dai campi, gli ebrei sopravvissuti al nazismo. Tra questi, ci sono dei bambini. Davide, un ex ingegnere che fa parte del CLN, si reca alla frontiera alla ricerca del figlio Daniele, deportato due anni prima con sua moglie Enrica. Di Daniele non c’è traccia, ma al suo posto c’è un bambino della sua età, Giovanni, muto per i traumi subìti. E insieme a lui ce ne sono altri: Gabriel, Miriam, le sorelle Alisa e Lila… Tutti sopravvissuti ai campi, tutti senza nessuno che si prenda cura di loro.

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it. Collabora tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Giuseppe Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.