Watchmen: confermata l’esistenza di Batman e Superman nella serie di HBO

Batman e Superman esistono nell’universo di Watchman, ma con qualche twist

Sappiamo abbastanza bene che l’universo fumettistico di Watchmen, così come quello della serie TV di HBO creata da Damon Lindelof, sono una vera e propria “ucronia”, ovvero una realtà alternativa rispetto agli eventi originali della storia.

Nella realtà di Watchmen gli Stati Uniti d’America sono diventati un paese reazionario dopo le molteplici rielezioni di Nixon alla presidenza, dando via libera al razzismo nei confronti degli afroamericani.

Molti afroamericani iniziano quindi una migrazione verso il Vietnam, in cerca di una nuova vita, e tra questi troviamo anche la protagonista Angela (Regina King), cresciuta in Saigon. E proprio grazie al sito virale della serie, ovvero Peteypedia, apprendiamo che grazie a questa grossa migrazione degli afroamericani, l’intera nazione ha cominciato a sviluppare una propria cultura pop, tra cui un ramo della cinematografia specializzato nel cinema d’azione, meglio noto come Blaxploitation, ovvero con attori prevalentemente afroamericani.

Nel report pubblicato sul sito, basato sulle indagini di Dale Petey sulla figura enigmatica di Angela, apprendiamo che il nome da vigilante “Sister Night” proviene da un vecchio film chiamato proprio Sister Night, appartenente al sottogenere Black Mask (ovvero supereroi di colore in maschera).

Ognuno di questi film era basato sostanzialmente su supereroi realmente esistenti: Sister Night per esempio si basa su Silhouette, ma esistono anche un Black Superman basato su Dottor Manhattan, e un Batman di colore ispirato a Gufo Notturno.

In poche parole, nell’universo di Watchmen gli eroi dei fumetti così come li conosciamo sono delle buffe parodie appartenenti ad un cinema di genere, basati sugli eroi e i vigilanti realmente esistenti.