Il ritorno di Ursula

Una Vita, il ritorno di Ursula (anticipazioni dal 21 al 26 ottobre)

Prosegue senza sosta la settimana di programmazione per le puntate di Una Vita nel pomeriggio di Canale 5, uno sgradito ritorno ad Acacias nelle prossime puntate, un ritorno visto come una nuova minaccia.

Il giovane Alday decide di vendere i cimeli di famiglia, ma nessuno dei vicini vuole acquistarli. In suo aiuto, pero’, si presenta Lucia.

Samuel invita Lucia a cena a casa sua e lei accetta, malgrado le rimostranze di Celia e Felipe. Lucia giunge a casa di Samuel con la statuina di porcellana riaggiustata.

Telmo, intanto, ha sottratto a Espineira una copia del testamento e cerca di parlare con Lucia per metterla in guardia dalle reali intenzioni del giovane Alday.

Il quartiere e’ sconvolto da una notizia apparsa sul giornale, in cui viene svelata tutta la verita’ sui marchesi de Valmez.

Telmo e’ preoccupato per Lucia e cerca di starle vicino, ma Samuel lo precede. Nonostante cio’, Lucia inizia a sospettare del giovane Alday.

Celia incalza Lucía perche’ compia atto pubblico di contrizione e rinunci all’eredita’, per non essere emarginata socialmente, con l’unico risultato di inimicarsela. Solo Samuel e Telmo la sostengono. Il sacerdote la difende con Susana e prepara un sermone a favore della ragazza. Quando riceve una visita di Espineira, furente per la fuga di notizie, gli dice che fa parte del piano, per convincere Lucía a cedere l’eredita’ alla chiesa.

Leonor riesce a convincere Rosina a scusarsi con Casilda e a farla andare a vivere da loro. L’ex domestica e Rosina si abbracciano, riconciliate e commosse. Flora riesce a ottenere un provino per la piece teatrale. Dopo aver ordinato dei dolci per la cena a cui ha invitato Lucía, Samuel viene avvicinato da Jimeno Bazán. Sembra che l’aggressione sia stata commissionata dallo stesso Samuel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.