Autunno Rai tre: la rete dell’attualità e del racconto di storie

Rai Tre continua a confermarsi la rete della Rai più tendente al racconto di storie, persone, personaggi e di vita ma dando spazio alla cronaca e all’attualità oltre che al dibattito con una forte connotazione al femminile e i tanti programmi della scorsa stagione lo hanno dimostrato ed é un trend confermato anche per il prossimo autunno.

Dopo un anno che ha visto la nascita di tantissimi nuovi programmi, nell’autunno Rai3 punta sul consolidamento e sull’organizzazione dei propri prodotti, sia storici che nuovi, che nel corso del 2018 e della prima parte del 2019 hanno garantito successo alla rete in termini di gradimento ed ascolti, tra cui “A raccontare comincia tu”, “Città segrete”, “Il borgo dei borghi”, “Le ragazze”, “Non ho l’età”, “Prima dell’alba”, “Grazie dei Fiori” e molti altri brand lanciati nel corso dell’ultima stagione, ma sperimenterà ancora nuovi programmi, volti e modalità narrative per continuare ad innovare la propria offerta.

Autunno Rai tre

La mattina di Rai3 sarà ancora informazione pura, informazione di servizio, informazione medica, informazione culturale.

Si parte alle 8.00 con Agorà, condotto per la terza stagione da Serena Bortone. Una conduzione colta e popolare, equidistante e che non fa sconti a nessuno. Un programma che si è affermato come newsroom di riferimento della mattinata televisiva: il racconto della politica, le notizie dell’attualità, un occhio sempre attento alle dinamiche estere e globali. Un programma di servizio pubblico per essere informati in tempo reale ed orientarsi tra i principali fatti della giornata.

Alle 10:00 il testimone passa a Salvo Sottile con Mi Manda Raitre, lo storico programma che dà voce, da anni, a chi ha subito un torto o è vittima di disservizi e ingiustizie. Un programma sempre uguale per quel che riguarda la mission, ma in continua evoluzione per quel che riguarda le modalità di narrazione e i campi di azione.

Mantenendo la vocazione di “sportello ” a tutela del cittadino, delle famiglie, dei consumatori. Il programma continuerà a raccontare giorno dopo giorno l’Italia dei diritti negati, delle truffe, degli sprechi, delle inefficienze della pubblica amministrazione.

Alle 11:00 Tutta Salute. Brand relativamente nuovo ma che affonda le radici in una grande tradizione di narrazione pop medica e scientifica propria della rete. Un grande divulgatore e affabulatore come Michele Mirabella, un medico preparato e dal linguaggio semplice come Pier Luigi Spada e Carlotta Mantovan, giornalista curiosa a caccia di fake news, merce che in questo campo non scarseggia affatto.

L’importante è che ci sia la salute e l’importante è raccontarla in maniera corretta, senza sensazionalismi, aiutando lo spettatore a sfuggire alla medicina del vicino di casa o del “l’ho letto su internet”. I consigli dei più grandi specialisti non solo per curare ma soprattutto per prevenire, per stare bene attraverso stili di vita virtuosi.




DAY TIME

Dopo il Tg3 delle 12:00 alle 12:45 Quante Storie, con una grande novità: Corrado Augias lascia la conduzione per concentrarsi sul progetto di prima serata Città Segrete e al suo posto arriva il giornalista e conduttore radiofonico Giorgio Zanchini. E’ una delle voci storiche di Radio1, dove ha condotto per anni programmi come “Il baco del Millennio” e, oggi, “Radio anch’io”, approfondimento quotidiano sull’attualità.

Alle 13:15 Passato e Presente, l’appuntamento quotidiano che racconta la Storia nelle diverse epoche confrontandole con i nostri tempi. Ogni giorno un grande studioso di fama risponde alle domande di Paolo Mieli e di tre giovani storici delle università italiane. Un racconto sui fatti, la ciclicità e i protagonisti della storia, conciliando il rigore scientifico con un linguaggio televisivo accessibile a tutti. Passato e Presente è prodotto da Rai Cultura.

Il pomeriggio di Rai3 è Geo, altro marchio storico della rete, tre ore di diretta quotidiana affidate alla professionalità di Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi.

SABATO Alle 15:00 Tv Talk, lo show magazine di Rai3 dedicato alla televisione e ai new media. La televisione che interroga se stessa attraverso analisi minuziose senza mai essere noiosa, senza mai rivolgersi solo agli addetti ai lavori.

Una squadra rodata e un format originale permettono a Massimo Bernardini di leggere dati, di studiare forme e contenuti intrattenendo il pubblico a casa con un infotainment di grande livello. Al termine di Tv Talk, Rai3 in autunno continuerà a valorizzare l’offerta giornalistica del lunedì sera, con le repliche di PresaDiretta e Report.

DAY TIME WEEKEND

Da gennaio 2020 torna Per un pugno di libri, programma cult giunto alla sua ventesima edizione. Alla conduzione del programma, per il sesto anno consecutivo, ritroviamo Geppi Cucciari che, con la sua presenza carismatica, stimolerà non solo la partecipazione degli studenti dell’ultimo anno delle scuole secondarie, ma animerà la competizione.

Accanto a lei Piero Dorfles, vera e propria memoria storica del programma; uno sguardo attento, apparentemente severo, ma sempre pronto a mettersi in gioco e a ironizzare anche su se stesso.

DOMENICA Torna Provincia Capitale, il programma di Rai Cultura in onda su Rai3. Edoardo Camurri racconta la provincia italiana, dove esiste ancora un’idea di Paese: un circuito in cui scorrono storie e personaggi. Le testimonianze, gli aneddoti, le curiosità che vengono raccolte costituiscono il cuore della narrazione, diventano frammenti che, messi in ordine, restituiscono una conoscenza altra dei luoghi visitati, della loro storia e della loro vita.

E, in convenzione con il Ministero del Lavoro, Il Posto Giusto, condotto da Federico Ruffo, con un programma che di anno in anno diventa sempre più di attualità, rivolto a chi vuole e deve orientarsi nel mondo del lavoro. Il Posto Giusto racconterà ancora una volta gli strumenti che Italia ed Europa mettono a disposizione.

La domenica pomeriggio è segnata da due appuntamenti di grande prestigio, di grande successo, di grande rilevanza: ½ h in più di Lucia Annunziata e Kilimangiaro di Camila Raznovich. Due donne così diverse che disegnano una domenica armoniosa dove informazione, politica, ambiente e tematiche globali si fondono in un pensiero eterogeneo ma unico. Lucia Annunziata con ½ h in più ha creato nel tempo un talk show inimitabile.

Un brand riconoscibile e riconosciuto dove una delle giornaliste più accreditate del panorama italiano intervista i protagonisti, italiani e internazionali, dell’economia, della politica, del costume e della società.

La caratura degli ospiti, le domande precise della giornalista e gli argomenti sempre di grande attualità e dal respiro profondo rendono questo programma un momento di partenza per ulteriori approfondimenti.

Dopo la politica e l’economia si volta pagina e si va in giro per il mondo con il Kilimangiaro in compagnia di Camila Raznovich. Un viaggio tra le bellezze e le contraddizioni del nostro pianeta alla ricerca di risposte importanti. Tematiche ambientali, antropologiche, sociali ed economiche si alternano a momenti di evasione pura.

Torna il racconto di vita e di storie con Non ho l’età, indiscusso successo delle stagioni precedenti, dove la dimensione affettiva di coppie capaci di rimettersi in gioco sul piano dei sentimenti anche a settant’anni, incontra la dimensione pubblica e storica del paese e dei tempi dove questo racconto si svolge.

L’access time non può non cominciare con Blob, pietra miliare di questa fascia oraria che partecipa attivamente e in maniera proteiforme al racconto del nostro paese.

A seguire, nella fascia strategica (20:25 – 20:45) si alterneranno programmi dai linguaggi diversi ma tutti con la mission del racconto, tutti capaci di raccontare storie che ci appartengono anche se non le abbiamo vissute: Boez – a piede libero, Storie minime, That’s amore – Storie di uomini e altri animali, Non ho l’età, Nuovi Eroi. Sperimentazione per quel che riguarda i primi tre, consolidamento del successo ottenuto nella stagione precedente per Non ho l’età e Nuovi eroi.

Boez – a piede libero è un prodotto Rai Fiction: Il viaggio a piedi di sei ragazzi, poco più che adolescenti e ACCESS Una storia è vera se viene raccontata con trascorsi devianti, lungo la Via Francigena del Sud: da Roma fino alla punta estrema della Puglia. Quaranta tappe per circa 800 km che impegneranno i protagonisti fisicamente ed emotivamente.




Un progetto educativo sperimentale, già avviato con successo in Belgio, Francia, Germania e Spagna, come misura di esecuzione penale esterna. Il progetto filmico seguirà l’evolversi del progetto sociale e la televisione trova nel fertile terreno della fiction una chiave narrativa e innovativa capace di mettere in luce i ricordi, i dubbi e le esperienze passate che i ragazzi portano con sé lungo il cammino, ma al tempo stesso sviscererà ciò che vivono nel presente: incontri, traguardi, riflessioni, scoperte, fatica.

A seguire, un altro nuovo format di Rai3: That’s amore – Storie di uomini e altri animali. In Italia ci sono 7 milioni di cani e sette milioni di gatti che vivono nelle nostre case. L’obiettivo del programma è quello di raccontare il rapporto speciale che si instaura tra l’uomo e il suo animale con un taglio fortemente emozionale.

In ogni puntata vengono raccontate storie di animali e dei loro proprietari attraverso le disavventure di un pronto soccorso veterinario. Un racconto filosofico sull’interazione tra l’uomo e il suo animale. Il progetto di racconto di Rai3 continua con la nuova serie di Non ho l’età.

Con il nuovo anno tornano i Nuovi Eroi. Questo progetto nasce dal desiderio di raccontare un’Italia che difficilmente arriva sulle prime pagine dei giornali. Storie di cittadini che sono stati premiati dal Presidente della Repubblica perché si sono distinti per coraggio, altruismo, impegno sociale.

In ogni puntata un insignito dell’Onorificenza all’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, persone che con tenacia ed eroismo hanno guardato dritto negli occhi il destino e sono diventati esempi da seguire. Un racconto, un ritratto di chi ha saputo fare della propria vita un esempio virtuoso.

Torna il sabato alle 20:15 Le parole della settimana, il talk show di costume e attualità di Massimo Gramellini. Partire da una parola e raccontare, con ospiti particolari e mai scelti per caso, un frammento di contemporaneità. Idea semplice e vincente che ha fatto di questo programma un appuntamento imperdibile.

Torna Pino Strabioli con Grazie dei Fiori, programma nato come un “aspettando Sanremo” e diventato via via, attraverso immagini, volti, autori, testi, mode e modi, un film sulla trasformazione del paese.

Questo è Grazie dei Fiori: passato e presente, impegno e disimpegno, l’Italia raccontata ascoltando e cantando. Pino Strabioli torna a raccontare il Paese e i suoi avvenimenti attraverso la musica con la preziosa collaborazione di Gino Castaldo.

Alla fine del ciclo di Grazie dei Fiori sbarca in access time il più longevo e desiderato legal-thriller della tv italiana, Un giorno in pretura. L’Italia raccontata dalle aule dei tribunali: processi di grande clamore mediatico ed oscure storie di provincia da più di 30 anni ci danno una straordinaria lettura dei meccanismi psichici che governano la nostra società. Roberta Petrelluzzi ha costruito una narrazione fatta di pause, sguardi, contraddizioni.

Nel 2020 torna su Rai3 Grande Amore, per continuare a raccontare, insieme a Carla Signoris storie d’amore famose e comuni, legate dal filo rosso dell’impossibilità ad amarsi liberamente.

DOMENICA: il nostro passato, il nostro presente.

L’offerta del prime time domenicale di Rai3 sarà eterogenea e attraverserà diversi generi e modalità di racconto. Si parte con il film-documentario Genova ore 11:36, un racconto diverso del crollo del ponte Morandi.

Il territorio, la cultura e le tradizioni dei nostri luoghi saranno protagonisti de Il Borgo dei Borghi, game show sulle grandi bellezze d’Italia. Seguirà il ritorno della narrazione crime di Franca Leosini con Storie Maledette.

Torna, con un’incursione in prima serata il factual Dottori in corsia. Anche Pino Strabioli, con In arte… , troverà spazio in due collocazioni di prime time con due puntate speciali.

Il nuovo anno vedrà il ritorno di un altro appuntamento imprescindibile di Rai3: Amore criminale, con Veronica Pivetti.

Una puntata della Grande Storia celebrerà un compleanno importante: i 40 anni di Rai3!

MARTEDI’: capire, informare #cartabianca è il programma di approfondimento politico di prima serata di Rai3. Un luogo dove le prime linee del Governo, dei partiti, dell’economia, della cultura e della società si confrontano sui temi più rilevanti dello scenario nazionale e internazionale La stagione passata ha consolidato le modalità di racconto che Bianca Berlinguer ha saputo costruire nel tempo: un racconto della politica e dell’attualità rigoroso e comprensibile a tutti.

MERCOLEDI’: ascoltare, risolvere Il mercoledì di Rai3 è ovviamente Chi l’ha visto?, con Federica Sciarelli ancora al timone del programma che rappresenta l’essenza del racconto popolare in tv. Raccontare l’Italia attraverso piccole e nascoste storie di provincia o attraverso grandi casi di cronaca venuti alla ribalta; sempre con grande tenacia, seguendo per anni l’evoluzione dei casi, aiutando spesso, con la sua rete di #Chilavister, a trovare la soluzione.

GIOVEDI’: divertire, riflettere. Tra i tanti programmi sperimentati nella stagione precedente due erano delle vere e proprie scommesse: i ritorni in Tv di Raffaella Carrà e Serena Dandini.

A raccontare comincia tu e La tv delle ragazze-Gli stati generali, sono stati progetti ambiziosi e, con il senno del poi, vincenti. Due grandi artiste, due grandi donne, con storie differenti ma dalla forza comune hanno avuto il coraggio di rimettersi in gioco con progetti inconsueti integrandosi perfettamente nel flusso identitario della rete.

Ma non solo: oltre ai progetti di queste grandi artiste ad intrattenere, commuovere e stupire il pubblico di Rai3, scende in campo Filippo Timi con Skianto, un “one man show” irriverente e poetico.

Загрузка...