R. Kelly: vittime di una popstar, Misteri italiani: le novità di marzo sui canali Crime+Investigation, Blaze e History

R. Kelly: vittime di una popstar, Misteri italiani: le novità di marzo sui canali Crime+Investigation, Blaze e History

01/02/2019 0 Di Giuseppe Ino

L’artista R&B, R. Kelly, raccontato dalle vittime della sua violenza. I soldi del terrorismo islamico. I misteri della storia italiana. Queste alcune delle proposte di marzo dei canali Crime+Investigation, Blaze e History

CRIME+INVESTIGATION
R. KELLY: VITTIME DI UNA POPSTAR 
Da lunedì 18 marzo alle 22.00 
E’ diventato una popstar internazionale con il brano I believe I can fly, colonna sonora del film Space Jam. Ha collaborato con Michael JacksonCeline Dion e Lady Gaga.

Ha venduto milioni di album. Ha vinto diversi Grammy. Ma R. Kelly, cantante e produttore musicale, nasconderebbe un lato oscuro. A svelarlo la docu-serie in sei episodi R. Kelly: vittime di una popstar in onda da lunedì 18 marzo alle 22.00 su Crime+Investigation. Diverse ragazze, attratte dal fascino, dalla fama e dalla ricchezza di Kelly, dalle sue capacità di latin-lover, hanno abbandonato le proprie famiglie, chiudendo ogni rapporto, e sono andate a stare con lui. Giovani donne, alcune minorenni, vivevano controllate a vista, aggredite verbalmente e punite fisicamente dal cantante.

Dalle pagine di gossip la vita di R. Kelly si è trasferita nelle aule tribunali, dove però le accuse di violenza, molestie sessuali e pedofilia non hanno trovato conferma.

Ora, però, familiari, colleghi e stretti collaboratori di Kelly si sono fatti avanti con nuove accuse contro il comportamento violento del cantante afro-americano: oltre cinquanta le persone intervistate, tra cui l’ex moglie Andrea Kelly, le fidanzate Kitti Jones e Lisa Van Alleni fratelli Carey e Bruce Kelly, i musicisti John Legend e Sparkle, l’attivista per i diritti civili Tarana Burke.

Trasmessa negli USA dal canale Lifetime del gruppo A+E Networks (titolo originale Surviving R. Kelly), la docu-serie è stata vista da oltre due milioni di spettatori. E ha suscitato numerose polemiche. L’avvocato di R. Kelly ha respinto con forza le nuove accuse.

Il movimento del #MeToo ha rinfocolato gli attacchi contro l’artista. Su Instagram la figlia Joann Kelly ha scritto che sta pregando “per tutte le famiglie e le donne che sono state colpite dalle azioni di mio padre”. Lady Gaga ha chiesto e ottenuto che Do what you want, il brano realizzato insieme a Kelly, sia ritirato dalle piattaforme streaming.

Le autorità locali dell’Illinois hanno cancellato un concerto a Springfield poiché prevedeva la partecipazione del cantante. La Sony Music e la sua sussidiaria RCA Records hanno interrotto il sodalizio con il cantante afro-americano.

BLAZE
GENERATION COOL 
Da martedì 26 marzo alle 21.00
Collezionisti di tutto il mondo, unitevi! E’ questo il grido di battaglia della novità assoluta di Blaze, Generation Cool, l’appuntamento ideale per tutti gli amanti degli anni ’80 e ’90.

Dal 2013 Slobby Robby e il suo socio J.R. sono i proprietari di un negozio a Tucson (Arizona) interamente dedicato a vestiti, giocattoli, oggetti vari e rarità della cultura pop americana di venti e trent’anni fa: dalle scarpe indossate da Michael J Fox in Ritorno al Futuro 2 ai videogiochi Nintendo, dalle tute Adidas del gruppo rap Run D.M.C. ai primi telefoni cellulari. Un antro delle meraviglie per tutti gli appassionati del vintage che sono alla ricerca del pezzo pregiato.

CASH WEEK 
Da lunedì 18 a domenica 24 marzo alle 21.00
Una settimana interamente dedicata al mondo degli affari. Insieme ai migliori professionisti presenti su piazza. Per sette giorni consecutivi Blaze presenta i nuovi episodi dei programmi più amati dal suo pubblico: Affari di famigliaAffari al buioBanco dei pugni e A caccia di tesori: affari top!

Da segnalare che la settimana si chiuderà con un episodio speciale di un’ora di Affari di famiglia che celebra il capostipite della famiglia Harrison, Richard alias “Il Vecchio”, scomparso lo scorso 25 giugno del 2018.

HISTORY
I SOLDI SPORCHI DELL’ISIS 
Lunedì 25 marzo alle 21.50
L’organizzazione e l’esecuzione dell’attentato dell’11 settembre comportarono una spesa di centinaia di migliaia di dollari. L’attentatore di Nizza, che al volante uccise 86 persone, ebbe bisogno di 2.500 euro. Dal 2001 settembre ad oggi il terrorismo islamico è stato capace di ridurre i costi, mantenendo quasi del tutto inalterata la carica letale.

Dai rapimenti al mercato nero di petrolio, dal traffico di droga al contrabbando, passando per il sostegno economico di autorità pubbliche e privati cittadini: il documentario, prodotto da ARTE France e Little Big Story, ripercorre il fiume di denaro sporco che ha finanziato prima Al Qaeda e poi l’Isis.

MISTERI ITALIANI 
Da venerdì 1 marzo alle 21.00 
Dall’attentato a Papa Giovanni II all’attacco all’aeroporto di Fiumicino nel 1985, dai guai finanziari della Chiesa Cattolica ai legami di alcuni suoi esponenti con la criminalità organizzata: History punta i riflettori su alcune vicende del nostro passato avvolte in parte nel mistero. Attraverso testimonianze inedite ai protagonisti e a interviste a studiosi, i documentari i Attentato al Papa, Attacchi Gemelli, Chiesa Nostra e Sacro Denaro provano a far luce sui misteri della nostra storia.