Cristina Parodi contro il governo e la Lega ne chiede le dimissioni

Cristina-Parodi.

Guai a parlar male di questo governo in qualsiasi modo possibile, cosi come è accaduto alla giornalista e conduttrice Cristina Parodi, attualmente al timone del programma La prima volta nel pomeriggio domenicale di Rai Uno si è resa protagonista, nel corso di un’intervista a Rai Radio 2 in cui ha detto la sua sulla popolarità del governo attuale o meglio di Matteo Salvini e della Lega.

Durante il programma I Lunatici la giornalista ha dichiarato: A cosa è dovuta l’ascesa di Salvini? All’arrabbiatura della gente. Al fatto che probabilmente non è stato fatto molto di quello che era stato promesso di fare. È dovuta alla paura e anche all’ignoranza. Mi fa paura vedere un tipo di politica che è basata sulla divisione, sui muri da erigere.

A questo punto è arrivata subito la risposta, carica di indignazione, da parte di alcuni esponenti della Lega che senza troppi giri di parole ne ha chiesto le dimissioni dalla Rai:



Se Cristina Parodi è tanto delusa dalla politica italiana scenda in campo. E, soprattutto, lasci la Rai. Con le sue offese a Matteo Salvini, la giornalista e moglie del sindaco Pd di Bergamo, Giorgio Gori, ha utilizzato il servizio pubblico radio-televisivo a proprio uso e consumo, facendo propaganda politica alla faccia del pluralismo informativo e ciò non è giustificabile. Ne chiederemo conto in Commissione di Vigilanza Rai con un’interrogazione.

La nota è dei parlamentari della Lega Paolo Tiramani, Massimiliano Capitanio, Dimitri Coin, Igor Iezzi, Giorgio Bergesio, Simona Pergreffi e Umberto Fusco.

Secondo voi la Parodi ha sbagliato oppure qui è in atto l’ennesima censura alla libertà di parola e di stampa?

loading...