I Topi, in esclusiva su Rai tre e in anteprima su Rai Play la nuova comedy di Albanese

I Topi su Rai tre e Rai Play

Una serie comedy scritta, diretta e interpretata da Antonio Albanese con Nicola Rignanese, Lorenza Indovina, Tony Sperandeo. Una coproduzione Rai Fiction Wildside, in collaborazione con Direzione Produzione TV – Centro Produzione Rai di Torino In onda su Rai3 sabato 6, 13 e 20 ottobre alle 21.40 e in anteprima online su RaiPlay dal 2 ottobre.

Protagonista davanti e dietro la macchina da presa, Antonio Albanese realizza per la Rai la sua prima serie tv, una commedia nel segno del suo inconfondibile stile. Composta da 6 episodi di 25 minuti ciascuno, che Rai 3 trasmette in 3 prime serate (2 episodi a settimana, il sabato), la serie dà vita a un nuovo personaggio di Albanese, dotato di grande ironia e gusto del paradosso, che ha il pregio di declinare comicamente il tema della mafia.

Il protagonista si chiama Sebastiano ed è un latitante che trascorre le sue giornate nascosto in una villetta del nord Italia, dotata di mille “occhi” all’esterno e di ingegnosi nascondigli all’interno: telecamere, allarmi, recinzioni, passaggi segreti, cunicoli sotterranei, oltre all’immancabile bunker interrato. Grazie a questa abitazione strategica e alla conseguente esistenza da “topi” che dentro vi conducono Sebastiano e la sua famiglia, quest’uomo è da anni invisibile alla Polizia.

Con l’aiuto di fidati prestanome, porta avanti – da casa – i loschi e assurdi traffici della sua impresa edile. Tutto questo con la complicità della famiglia al completo: la moglie Betta, immersa con grande normalità nelle trame illegali; la primogenita Carmen, studentessa universitaria spesso in conflitto col padre, ma con il quale condivide filosofia spicciola ed eloquente cinismo; Benni, il figlio diciassettenne un po’ stupido e con velleità giudicate trasgressive dal padre, che non condivide la sua passione per la cucina; gli zii Vincenza e Vincenzo, accanita scommettitrice la prima e capostipite mafioso il secondo, felicemente autorecluso nel bunker da 12 anni.

I topi con Antonio Albanese

I Topi. I personaggi principali.

SEBASTIANO (Antonio Albanese) è il protagonista.Siciliano trasferito al nord, figlio di un potente boss scomparso da tempo dal quale ha ereditato un’impresa edile ben avviata nel malaffare. Personaggio emblematico e fiero della propria ignoranza, orgoglioso di ciò che ha costruito con le sue mani non pulite. E’ ricercato dalla Polizia nonostante abbia inscenato in passato la sua morte e vive l’ebrezza di essere un latitante.

Passa il tempo rinchiuso nella sua villetta, in un imprecisato posto del nord Italia. Le sue giornate sono scandite da fughe continue attraverso i diversi cunicoli che portano a un rifugio sotterraneo e all’esterno. A ogni squillo di campanello, Sebastiano si infila in uno dei tanti tunnel per evitare di essere scoperto.




Quando poi ci sono grossi problemi da risolvere ed è costretto a uscire per incontrare il suo uomo di fiducia, U Stuortu, approfitta del buio o si traveste da donna. Affronta ogni volta il “percorso” organizzato dai suoi collaboratori prendendo tutti i mezzi possibili, una staffetta che prevede il trattore agricolo quanto il segway… Spesso l’appuntamento con U Stuortu è al cimitero, sulla tomba della madre Gaetana, con cui Sebastiano si confida e alla quale porge fiori freschi appena rubati.

CARMEN (Michela De Rossi), in realtà si chiama Carmela, è la primogenita e ha 24 anni. Studia Economia e commercio all’università ed è una ragazza determinata. Sa bene cosa vuole e cambia spesso fidanzato. Evidente il contrasto culturale con il padre, anche se ha il suo stesso carattere. Carmen rappresenta la nuova generazione di mafiosi: giovani istruiti che frequentano ambienti “puliti” e che con il loro curriculum inattaccabile “lavano la famiglia”, riciclano il danaro sporco attraverso attività legali.

BENNI (Andrea Colombo), in realtà Benedetto, è un diciassettenne figlio del suo tempo, un po’ stupido, col sogno di diventare uno chef famoso. Propone continuamente pietanze particolari che non vengono prese in considerazione da nessuno dei familiari e che lo rendono oggetto di scherno da parte del padre. Riconosce le leggi della famiglia, ma non è pienamente consapevole del contesto e delle conseguenze.

BETTA (Lorenza Indovina), diminutivo di Calabiscetta, siciliana anche lei, è la moglie di Sebastiano e lo affianca in tutte le situazioni, senza esercitare alcuna influenza su di lui, senza contrapporsi a lui in alcun modo. Anche lei ignorante, esegue le direttive del marito e vive con molta normalità quello che le accade intorno. L’importante per lei è continuare a condurre una vita agiata nella sua bella villetta con giardino.

I topi anticipazioni episodi

I Topi. Anticipazioni primi episodi.

Primo episodio – “La famiglia Calamaru” Nel primo episodio Sebastiano e la sua famiglia sono riuniti per il pranzo che viene interrotto più volte dal suono del citofono. Sebastiano è quindi costretto, più volte, a infilarsi nei percorsi sotterranei che lo portano al bunker dello zio Vincenzo. Fino a quando, a citofonare è Carmen che rientrando rivela a tutti che ha una relazione con il figlio primogenito della famiglia rivale dei Calamaru. Panico.

Secondo episodio – “Cimici e insetti” Sebastiano è rimasto bloccato nell’armadio della camera da letto collegato a uno dei cunicoli. La porta non si apre e Betta ha chiamato un falegname per aggiustarla ma una volta finito il lavoro alla donna viene il sospetto che siano state installate delle cimici. Avvisato Sebastiano del problema, tutti si dirigono nel bunker dello zio per poter parlare liberamente e decidere il da farsi. Una volta rientrati in casa, Benni e Carmen trovano una cimice. È la conferma di quanto temevano. Per Sebastiano è giunto il momento di convocare i capiclan nella Stanza santa e trovare una soluzione per allontanare la Polizia.

Terzo episodio – “La darsena” In memoria della madre, Sebastiano vuole far costruire una darsena sul lago lunga 180 metri. Nella cella frigorifera della pellicceria di U Stuortu, il geometra che dirige i lavori nel cantiere spiega che non è possibile. Ma Sebastiano non si dà per vinto e chiede consiglio allo zio Vincenzo, il quale suggerisce di contattare Pino U Mitra, personaggio chiave per portare avanti il progetto. L’unico problema è che è in “vacanza” ovvero in carcere. U Stuortu sa però come contattarlo e in modo rocambolesco riescono a esporgli il problema.

loading...