SKAM Italia, grande successo anche social per la produzione originale TIMVISION

SKAM Italia, grande successo anche social per la produzione originale TIMVISION

Debutto record per “​SKAM Italia, l’adattamento della serie norvegese (qui la nostra recensione), che ha ridefinito gli standard dei contenuti per i teenager ,​ raccogliendo  un enorme successo di pubblico e critica in tutto il mondo, diventando un cult internazionale. La prima produzione originale di TIMVISION ha debuttato oggi con la prima pillola di 4 minuti e 40 secondi e​ntrando subito in trend topic ​su​ Twitter. L’hashtag ufficiale #SkamItalia è ​balzato​ subito in tendenza​, occupando​ la prima posizione ​e diventando l’argomento più discusso in rete ​per l’intero pomeriggio​ (​con la maggior parte delle interazioni provenienti da under 24​)​.

SKAM, che in  norvegese significa “vergogna”, si presenta come una serie unica nel suo genere, capace di vivere in simbiosi con i social network: i due protagonisti hanno un proprio account Instagram (@evabrighi e @garau.giogio), raccontano la propria vita con post, foto, video e stories giorno dopo giorno, in tempo reale.

A partire da oggi le pillole verranno pubblicate quotidianamente su skamitalia.timvision.it – a cui sarà possibile accedere gratuitamente e senza nessun tipo di abbonamento necessario, oltre che sulla piattaforma TIMVISION: le mini-clip inedite racconteranno la vita e le esperienze dei protagonisti, oltre a contenuti aggiuntivi come selfie, foto, chat.

Per non perdere nemmeno una clip e conoscere l’orario in cui verranno pubblicati questi estratti basterà seguire il canale Whatsapp di Skam Italia (il cui numero è disponibile sul sito ufficiale). Le varie clip rilasciate nel corso della settimana andranno poi a comporre un intero episodio settimanale, che resterà​​ sempre disponibile per la visione.

​Il primo episodio completo sarà disponibile dal 29 marzo.

La serie ha ottenuto un successo globale: il format originariamente prodotto in Norvegia da NRK, verrà adattato in diversi Paesi tra cui Francia, Germania, Spagna, Olanda, e anche negli USA dove si chiamerà “Shame”.

Giuseppe Ino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.