Una Vita, Teresa e Fernando si avvicinano (puntata 16 gennaio)

Cayetana è ancora confusa copy

Nella puntata precedente di Una vita: gli investigatori hanno terminato l’esame del cadavere e le domestiche possono infine organizzare una veglia funebre in soffitta. Il medico della polizia sottopone Cayetana a una nuova valutazione psichiatrica e Teresa insiste per essere presente ma il poliziotto rifiuta e la invita a farsi da parte, intanto la perizia conferma che la donna ha perso il senno. Mauro non e’ ancora del tutto convinto che non stia fingendo, e promette di non darle tregua. I suoi rapporti con Teresa sono sempre piu’ tesi…che continua ad accusarlo di essere il responsabile della pazzia di Cayetana.

Felipe è costretto a rifiutare la difesa di Pablo a causa di un altro incarico che non gli permetterebbe di seguirlo a dovere, intanto predispone tutto per i funerali.

Una vita. Puntata 16 gennaio.

Cayetana rientra a casa, ma e’ sempre persa nel suo delirio, in cui si vede persino rispecchiata in Teresa. Quest’ultima riesce a convincere il barone Del Pozo ad approvare i lavori della scuola, sconfiggendo Úrsula. Per festeggiare, la maestra accetta l’invito a cena di Fernando. Mauro non riesce a persuadere Del Valle a concedere a Pablo di partecipare ai funerali della madre. Anzi, il giudice Márquez, amico di Fernando, vuole far espellere San Emeterio dalla polizia in seguito alle accuse di Teresa.

Celia e Felipe litigano sui loro spostamenti e orari, l’uomo sembra fare il finto tonto sulle sue abitudini ma la moglie lo tratta con sufficienza.

Per vedere o rivedere la puntata cliccate sull’immagine.

Blogger professionista e da sempre appassionato esperto di telecomunicazioni, serie tv e soap opera. Giuseppe Ino è redattore freelance per diversi siti web verticali. Ha fondato teleblog.it. Collabora tra gli altri anche con UpGo.news nella creazione di post e analisi. Giuseppe Ino su Facebook.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.