Immaturi – La serie: una commedia veloce, moderna con un cast efficace

Immaturi la serie recensione

Come vi sentireste se scopriste che il presidente della commissione con cui avevate sostenuto l’esame di maturità 22 anni fa, non è laureato e che quindi dovrete ripetere l’esame se non volete correre il rischio di perdere gli altri titoli conseguiti negli anni successivi?

A cercare di dare risposta a questa domanda, ci prova Immaturi – la serie, l’atteso remake televisivo della fortunata saga cinematografica, che alcuni anni fa conquistò critica e pubblico.

Ed è cosi che dopo una cena rimpatriata: la dolcemente incasinata madre single ed aspirante architetto Luisa, portata in scena da Irene Ferri, lo speaker ed eterno Peter Pan Piero interpretato da Luca Bizzarri, la futura chef stellata, sesso dipendente in via di guarigione Francesca, a cui presta il volto la bellissima Nicole Grimaudo ed il placido agente immobiliare Lorenzo, un ingrassato ma sempre in parte Ricky Memphis (anche se con ruoli copia e incolla), decidono che l’unica soluzione per ridare la maturità è quello di riprendere a frequentare la scuola.

L’occasione è ghiotta per far si che le vicende del quartetto di 40enni, si incrocerà con quello di un gruppo di diciottenni, tra cui spicca la giovane e ricca Lucrezia, fidanzata con il di più umili origini Savino, figlio di un’autista di autobus impersonato da Paolo Calabresi, con somma disperazione di sua madre Serena interpretata da Sabrina Impacciatore ex compagna di scuola dei nostri immaturi, la quale essendo moglie di un ricco imprenditore in grossi guai con la finanza è inizialmente poco  propensa a riprendere i libri in mano, salvo poi ripensarci quando scopre che starebbe in classe con sua figlia potendola cosi controllare.

Chiudono il cast il bel Daniele Liotti, nei panni di un insegnante, che vedremo a partire dal secondo episodio, Ilaria Spada nel ruolo di un’altra insegnante, Claudia  apparentemente antipatica ed intransigente, che nasconde un segreto, di sera lavora come ballerina di lap dance per pagare le cure ad una sua allieva gravemente malata e Virgilio interpretato dall’immancabile Paolo Kessisoglu, il quale sembra tramare una spietata vendetta ai danni di Piero, che ai tempi del liceo andò a letto con la sua ragazza.

Diretta dall’ex protagonista de La Nuova Squadra  Rolando Ravello, Immaturi, si rivela un discreto guilty pleasure, che intrattiene senza pretese e che per le restanti cinque puntate, promette di dare soddisfazioni, sia per  gli intrecci amorosi, che per le divertenti gag. Anche il cast funziona, sembra ben amalgamato e in parte al punto da renderlo credibile.

Cosa ne pensate di questo nuovo pilot made in Mediaset?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.