Vittorio Hamarz Vasfi, torna Omar in Un posto al sole: la nostra intervista

Vittorio Hamarz Vasfi, torna Omar in Un posto al sole

Vittorio Hamarz Vasfi, dopo una lunga assenza è rientrato nella soap italiana più longeva, Un Posto al Sole, con il suo strambo personaggio, Omar, per il suo modo di inventare proverbi e modi di dire, portando un po’ di allegria. Divertimento che porterà anche a teatro con una sua commedia, Tre attori in affitto, perché Vasfi, oltre ad essere uno straordinario attore è anche commediografo, e debutterà al teatro Cyrano di Roma, dal 12 gennaio 2018, per la regia di Alessia Izzo e con Pio Stellaccio, Danilo Brugia (cliccate qui per la nostra intervista) e Noemi Giangrande.

Vittorio Hamarz Vasfi intervistato da Teleblog

Rientra in Un Posto al Sole. Come avevamo lasciato il tuo personaggio e cosa inizieremo a vedere?

Rientrare in UPAS è sempre piacevole, prima di tutto perché trovo un ambiente meraviglioso oltre a rivedere amici e colleghi con i quali condividere momenti piacevoli sia sul set sia al di fuori dell’ambito lavorativo. Il mio personaggio “Omar” il turco napoletano, nonostante il suo essere un pochino burbero, aveva lasciato un buon segno ed era alla ricerca della giusta formula per rilanciare il suo ristorante, dove il ragazzo di Posillipo, Patrizio Giordano, aveva iniziato i suoi primi passi come cuoco. Da quel che si è visto dalle prime scene Omar, interagirà sempre nell’ambito della cucina e poi… tutto da scoprire.

Con quali emozioni vive questo ritorno in UPAS e a rivedere i vecchi colleghi?

Ogni volta che ritorno è un’emozione nuova, perché il mio rientro è legato a nuovi sviluppi del mio personaggio che avrà ancora tanto da raccontare, considerando che per certi aspetti rispecchia anche alcuni momenti della mia vita reale, da vero immigrato.

Ci saranno altre frasi cult? Può ricordarcene qualcuna delle vecchie e qualcuna inedita?

Tanto per cominciare al mio rientro il “ragazzo di Posillipo” l’ho nominato “Chef di Posillipo” è come frase ho esordito dicendo che i tempi cambiano e “parole senza foto sono come pane senza farina”. Altra frase storica che ha fatto sorridere i fan di UPAS, ogni volta che incontravo Raffaele Giordano, mio amico di mercato!

Sarà a teatro e verrà anche a Napoli con lo spettacolo Tre attori in affitto, che lei stesso ha scritto. Rispecchia un po’ la sua storia da quando ha lasciato adolescente l’Iran?

Intanto, con grande orgoglio ed emozione, affronto questa esperienza teatrale perché oltre ad essere uno degli interpreti sono anche l’autore di Tre attori in affitto, che andrà in scena in anteprima nazionale dal 12 al 14 Gennaio a Roma al teatro Cyrano. Per poi andare in Abruzzo nel mese di Febbraio e con grande piacere saremo a Napoli il 7 e l’8 Aprile. 

A essere sincero ho sviluppato inizialmente l’idea del mio personaggio sulla base delle mie esperienze personali e professionali, dal mio arrivo in Italia fino adesso, successivamente ho creato altri personaggi, che saranno interpretati da dei colleghi bravissimi che sono Danilo Brugia, Pio Stellaccio e Noemi Giangrande, e che saremo sapientemente diretti alla regia da Alessia Izzo. Sono convinto che faremo passare una bella serata divertente a chi ci verrà a vedere al teatro.

Teleblog intervista Vittorio Hamarz Vasfi Omar in Un posto al sole

Può accennarci al suo ruolo nel film Basta Credere (Io C’è), di Alessandro Aronadio?

L’unica cosa che posso dire, sarà un film molto divertente e il mio ruolo è molto particolare.
Ha mai pensato alla regia?

Ci penso spesso e non nego la voglia di provare anche l’esperienza della direzione. Mai dire mai!
Un bilancio di questo 2017 e cosa si aspetta dal 2018?

Il 2017 mi ha permesso di realizzare lo spettacolo Tre attori in affitto grazie anche alla produzione di Stefano Francioni, quindi un anno molto positivo. Per il 2018 spero di ottenere ottimi risultati per questo spettacolo e di portare a casa i nuovi progetti televisivi, cinematografici e teatrali.

Progetti futuri?

Ci sono diversi progetti che bollono in pentola. Essendo superstizioso spero di raccontarli nella prossima intervista.

Foto da Facebook.

Nicola Garofano per Teleblog.it