Twin Peaks: Laura Dern parla della collaborazione con David Lynch

Laura Dern parla della sua collaborazione con David Lynch per Twin Peaks

Il ritorno di Twin Peaks è stato uno dei più grandi eventi televisivi del 2017, ma è stato anche il rilancio, in un certo senso, della carriera di Laura Dern sul piccolo schermo per il suo ruolo nella serie di David Lynch, e la miniserie Big Little Lies di HBO.

L’attrice, tra l’altro, l’abbiamo vista anche sul grande schermo recentemente in Star Wars: Gli Ultimi Jedi, in un ruolo sicuramente più ridimensionato per importanza, ma sempre carico di carisma e quell’eleganza che la contraddistinguono.

Ma se c’è una cosa che ha stregato il pubblico però è il suo ruolo di Diane Evans nella terza stagione di Twin Peaks, e proprio in merito a questo la Dern, intervistata da Slashfilm, ha speso parole molto lodevoli nei confronti del visionario regista.

Credo che David Lynch sia il nostro più grande artista. Sono davvero grata ai progetti a cui ho preso parte, ma se vogliamo parlare di un vero distruttore di barriere, uno che esplora il cinema, il suono, le musiche, e i personaggi e tutte le arti presente in questo medium, senza limiti e preoccupazioni, che ci sia un pubblico in grado di vederlo o di presentarlo… beh è lui. Sono davvero grata di avere l’opportunità di lavorare con una persona come lui. Ogni giorno impara qualcosa, e cerca sempre di mettersi alla prova spingendosi oltre i suoi stessi limiti. E Ogni giorno, crea dell’arte. 

In merito alla collaborazione e il suo rapporto con Lynch:

Ci sono registi che sanno esattamente ciò che vogliono, ed è la più grande ispirazione del mondo. Paul Thomas Anderson sa esattamene quello che vuole. E’ meticoloso, è capace di inventare delle cose che non hai mai visto prima, e anche questo è straordinario, esprime energia, anche se diversa. David è molto particolare, mi conosce così bene e quindi mi dirige attraverso una sola parola. “Non mi uccide” se cerco di avere una conversazione con lui sul personaggio. 

Esattamente come gli altri membri del cast, anche la Dern non era esattamente a conoscenza della direzione che avrebbe intrapreso la terza stagione di Twin Peaks, blindatissima anche agli attori coinvolti.

C’erano alcune storyline di cui David mi aveva mostrato delle scene, e ho visto in prima persona mentre girava alcuni momenti specifici. Ho alcuni amici musicisti che hanno realizzato alcuni pezzi per quelle scene. Lo script delle pagine era talmente vago e c’era tanto di cui non ero a conoscenza fino a quando la serie non è stata trasmessa.

La prima collaborazione artistica tra Laura Dern e David Lynch è iniziata nel 1986 con il film “Blue Velvet” (Velluto Blu) il quale le valse una nominations nella categoria  “Miglior Attrice” agli Independent Spirit Award nel 1986, all’età di soli 17 anni. Il premio è andato poi a Isabella Rossellini, protagonista femminile della medesima pellicola, anch’essa nominata per il ruolo “Miglior Attrice”.

Fonte: Slashfilm