Antonella Fattori, da Le tre rose di Eva a Sacrificio d’amore: la nostra intervista

Antonella Fattori, da Le tre rose di Eva a Sacrificio d’amore: la nostra intervista

Antonella Fattori è una strabiliante dark lady, o per meglio dire dark sister,  nella nuova fiction di Canale 5, Sacrificio d’amore, ambientata nei primi decenni del Novecento. Quali segreti nasconderà? Ma Antonella Fattori non è nuova a ruoli da dark lady, infatti è stata anche nella seconda stagione della fiction Le tre rose di Eva, nel ruolo di Elisabetta, un’oscura presenza piena di misteri e con un passato oscuro.

Antonella è una delle attrici più amate della televisione italiana, ma lei sogna di ritornare a teatro, il suo primo amore.

In questo periodo la stiamo vedendo nella fiction Sacrificio d’Amore, con un personaggio del tutto nuovo dai soliti ruoli. Come ci si prepara a un ruolo del genere?

Questo personaggio, avendo un costume particolare e inequivocabile, ti aiuta tantissimo a entrare nel ruolo, anche se Suor Agnese non è una suora classica, ma ha delle caratteristiche assolutamente diverse, molto diverse! Non a caso è stata definita la dark lady della fiction.

Non può di certo anticiparci niente sul suo personaggio, ma come sono stati i sei mesi che ha lavorato e cosa ricorda con più amore… e odio?

Non posso anticipare niente perché ci sono verità nascoste del personaggio che è giusto sia il pubblico a scoprire pian piano. Ho odiato soprattutto all’inizio la mia veste. Era una vera e propria vestizione, complicata. Il costume era una vera e propria gabbia, pesantissimo e, avendo iniziato a girare d’estate, non è stata certo una passeggiata. Ho comunque cercato di portare a mio favore questa costrizione.

 

Blackandwhite#

Un post condiviso da Antonella Fattori🌹 (@antonellafattoriofficial) in data:

Ha lavorato con diversi importanti registi. C’è qualcosa che ha rubato dal loro lavoro?

C’è stata una stretta collaborazione, anche se registi diversi. C’era una linea comune che ho seguito con ognuno di loro.

È un po’ che non la vediamo al cinema. Troppe fiction?

Sì, infatti, ultimamente mi sono capitate più proposte di fiction, anche se non disdegnerei qualche bella partecipazione in un bel film.

…e al teatro?

Al teatro sto pensando a tornare dopo ‘Giorni scontati’ testo che ho rappresentato e anche scritto. Ho uno o due testi che potrebbero essere interessanti da rappresentare.

Agli inizi ha fatto un lavoro anche con Vittorio Gassman. Può raccontarci qualche aneddoto sul suo modo di essere franco e concreto nelle risposte?

Beh, è stato un bel battesimo con il grande maestro. Appena uscita dall’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico mi capitò di fare il provino per il ruolo di una giornalista al fianco del  grande Vittorio Gassman. Per me è stata una  grande occasione, mi sono ritrovata ad avere scene esclusivamente con lui. Avevo pochissima esperienza ed ero spaventata di fronte a lui e al suo talento. È stata una bella palestra per me perché era molto severo quando si lavorava insieme a lui e spesso ti metteva volutamente in situazioni difficili. Era burbero ma anche molto paterno.

I suoi prossimi progetti?

Per ora mi sto occupando di mettere su uno spettacolo in teatro.

Un bilancio di questo 2017 e cosa si aspetta dal 2018?

Il 2017 è stato un anno di grandi cambiamenti, anche nella mia vita privata. Si sono chiarite delle situazioni e ho la fortuna di vivernee altre altrettanto stimolanti ed emozionanti. Mi auguro un 2018 pieno d’amore sotto tutti i punti di vista, per il mio lavoro, per mio figlio e per il mio uomo.

Ha degli hobby particolari?

Sono un’appassionata di giardinaggio, ho un giardino che mi da tante soddisfazioni e anche tante fatiche!

Nicola Garofano per Teleblog.it

Nicola Garofano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.