squadra mobile 2 operazione mafia capitale

Squadra Mobile 2 – Operazione Mafia Capitale, anticipazioni: settima puntata del 25 Ottobre | Riassunto e Video streaming

Guaraldi evade dal carcere e scappa all’estero, mentre Sabatini si prepara a raggiungerlo; il primo caso di Lauretta; Spaziani arrestato, mentre l’Architetto prepara la sua prossima mossa; Daria decide di tradire Sabatini e di collaborare con Ardenzi. La settima e penultima puntata di “Squadra Mobile 2 – Operazione Mafia Capitale”, con Daniele Liotti e Giorgio Tirabassi: il riassunto e il video per rivederla.

squadra mobile 2 operazione mafia capitale
Daniele Liotti e Giorgio Tirabassi

SQUADRA MOBILE 2, OPERAZIONE MAFIA CAPITALE, VIDEO STREAMING DELLA SETTIMA E PENULTIMA PUNTATA DEL 25 OTTOBRE. Ieri sera, mercoledì 25 Ottobre, è andata in onda su Canale 5 la settima e penultima puntata della fiction “Squadra Mobile 2 – Operazione Mafia Capitale“, serie televisiva in otto puntate con Giorgio Tirabassi e Daniele Liotti.

Qui di seguito il video streaming Rai che vi permetterà di vedere o rivedere la puntata. A seguire, invece, trovate il riassunto.

Vi ricordo che l’ultimo appuntamento con la fiction è previsto per mercoldì 1 Novembre, sempre in prima serata su Canale 5 (qui le anticipazioni).

Squadra Mobile 2 – Operazione Mafia Capitale: Streaming Mediaset della settima puntata

SQUADRA MOBILE 2, OPERAZIONE MAFIA CAPITALE, RIASSUNTO SETTIMA E PENULTIMA PUNTATA DEL 25 OTTOBRE. Ardenzi (Giorgio Tirabassi), seppur in gravi condizioni, riesce a cavarsela. Il vicequestore, in ospedale, riesce a consegnare a Sandro la scheda SD, e Guaraldi (Libero di Rienzo) viene così arrestato.

Sabatini (Daniele Liotti), invece, è sempre in fuga, stavolta in compagnia di Daria (Francesca Agostini), sempre più attratta da lui.

Nel frattempo, Mauretta (Laura Adriani) si trova a collaborare con la squadra sul caso di uno stupratore seriale, senza dirlo a suo padre. Questo caso scatena la reazione dei cittadini, che non si sentono adeguatamente protetti dalla polizia. Ed è proprio grazie all’aiuto della stessa Mauretta che il vero responsabile degli stupri viene trovato, placando gli animi dei cittadini.




Nel frattempo Pedullà, il braccio destro di Guaraldi che ha sparato contro Ardenzi, riesce a far arrivare un messaggio al suo socio in carcere e a farlo evadere, consegnandogli dei documenti per poter fuggire all’estero. Ma Sabatini, sopraggiunto in quel momento, spara un colpo contro Pedullà, mentre Guaraldi riesce a scappare.

Pedullà, ferito, viene portato via da Sabatini e Daria: lui lo picchia furiosamente affinchè gli riveli dove si trova Guaraldi, ma Pedullà si rifiuta di parlare.

Procede anche l’operazione Mafia Capitale, ormai giunta a un punto critico: Ardenzi e la Mobile, infatti, stringono il cerchio attorno al boss del “mondo di mezzo”, Spaziani (Pietro Bontempo), detto lo Zoppo, che opera sotto l’egida del misterioso Architetto (Andrea Tidona).

Per Isa (Valeria Bilello), invece, è giunto il momento di affrontare a viso aperto il suo stalker Mengoni, sola e senza il supporto di Ardenzi e dei colleghi. Lui, però, è riuscito a togliere i proiettili dalla pistola di lei. Parte una colluttazione fisica, che viene interrotta dall’arrivo di Ardenzi e dei suoi uomini. Mengoni viene catturato e arrestato.

Giacomo (Pippo Crotti) e Roberta (Elena Di Cioccio), intanto, decidono di voler adottare un bambino. Caso vuole che i due si trovano ad affrontare il caso di una coppia che ha tentato di togliersi la vita per questioni analoghe: lei perchè, dopo tre aborti alla spalle, non riusciva ad accettare la perdita del figlio, mentre lui perchè non riusciva ad accettare la morte della moglie. Grazie a Giacomo e Roberta il marito della donna riesce a salvarsi, ma si scopre che ad uccidere la moglie è stato proprio lui, poichè non voleva assecondare l’idea di lei di adottare un bambino.

Riccardo (Marco Rossetti) e Cecilia (Miriam Dalmazio), invece, tra un’indagine e l’altra passano la notte insieme.



Mentre Daria non riesce a tenere a bada la furia di Sabatini, quest’ultimo riesce a farsi dire da Pudallà, stanco delle torture, dove si sta recando Guaraldi. Lo comunica a Daria, che però non è più disposta a seguirlo: finora non ha agito al suo fianco per i soldi, per i diamanti che le avrebbe dato, ma solo per lui. In più, gli ricorda che uccidere Guaraldi non le riporterà indietro Vanessa (Laura Barriales), pertanto lo invita a fuggire via insieme, lontano da tutti. Ma lui le ricorda che senza diamanti non possono andare da nessuna parte, quindi ha ancora bisogno del suo aiuto: sarà l’ultima cosa che le chiede.

Spaziani, intanto, viene catturato e portato in questura, mentre l’avvocato Donadei, messo alle strette da Ardenzi decide di confessare tutto quello che su Spaziani. Ma Ardenzi sa bene che non è ancora finita e che ci deve essere qualcun’altro, al di sopra di Spaziani, che gestisce una rete di corruzione tanto grossa.

Intanto l’Architetto sta giocando una partita a scacchi con uno dei suoi uomini, che gli chiede come mai non abbia aiutato Spaziani: per l’Architetto, Spaziani aveva già svolto il suo compito, ed ora che si è “esaurito” è giunto il momento che qualcun’altro prenda il suo posto. Sono tutte “pedine” di una stessa scacchiera, ma adesso servono nuove pedine per ricominciare una nuova partita.

Daria, invece, raggiunge Sandro (Antonio Catania) affinchè la conduca da Ardenzi: sa dove sta andando Sabatini e si dice disposta a collaborare…

SQUADRA MOBILE 2, OPERAZIONE MAFIA CAPITALE, ANTICIPAZIONI SETTIMA E PENULTIMA PUNTATA DEL 25 OTTOBRE. Penultimo appuntamento con la fiction di Canale 5Squadra Mobile 2 – Operazione Mafia Capitale“, la serie televisiva che vede protagonista Roberto Ardenzi (Giorgio Tirabassi) a capo della Squadra Mobile di Roma.

La sesta puntata si è conclusa con… Sabatini e Guaraldi che si danno appuntamento per uno scambio: la scheda SD contenente la registrazione che incastrerebbe Guaraldi in cambio dei diamanti. La sua squadra della Mobile segue gli sposamenti di Guaraldi, sperando di arrivare a Sabatini. Insieme a loro viene pedinata anche Daria, che Sandro sospetta essere l’informatrice di Sabatini.



Il piano funziona. Ardenzi trova Sabatini al centro commerciale e gli ordina di consegnargli la scheda SD, mentre la squadra arresta Guaraldi. Daria, invece, riesce a sfuggire a Sandro.

Quando Sabatini è sul punto di consegnare la scheda ad Ardenzi, però, un uomo di Guaraldi spara un colpo contro il vice questore. Parte una colluttazione fisica tra Sabatini, che ha difeso Ardenzi, e l’uomo in questione, ma l’arrivo della sicurezza mette tutti in fuga.

Isa, intanto, si scontra con il suo stalker, ma si salva grazie all’intervento di Fabio, il suo fidanzato. Mengoni è riuscito ancora una volta a sfuggirle e Isa, intascata l’ennesima “sconfitta”, decide di lasciare la polizia…

Nella puntata di questa sera, invece… vedremo che Ardenzi, colpito da un colpo d’arma da fuoco, riuscirà a cavarsela. Guaraldi è stato finalmente arrestato, mentre Sabatini è sempre in fuga, anche se questa volta in compagnia di Daria, sempre più attratta da lui.

Ma se da una parte c’è Sabatini che, non volendosi dare per vinto, continuerà nella strenua ricerca dei diamanti rubati, dall’altra c’è Guaraldi che, non volendo accettare la sconfitta, pianificherà un’evasione con i suoi complici, riuscendoci. Ed ecco che Sabatini si metterà subito sulle sue tracce.

Nel frattempo, Mauretta si troverà a collaborare con la squadra sul caso di uno stupratore seriale, senza dirlo a suo padre.

Procede anche l’operazione Mafia Capitale, ormai giunta a un punto critico: Ardenzi e la Mobile, infatti, stringeranno il cerchio attorno al boss del “mondo di mezzo”, lo Zoppo, che opera sotto l’egida del misterioso Architetto.

Un’importante svolta anche per Isabella, che si troverà ad affontare il suo stalker Mengoni a viso aperto, sola e senza il supporto di Ardenzi e dei colleghi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.