colori-del-crimine-laf-stagioni-assassine

“I colori del crimine”, secondo appuntamento su laF con "Blue estate assassina"

Il secondo appuntamento con la miniserie crime francese tra arte e riferimenti biblici.

colori-del-crimine-laf-stagioni-assassine

Torna l’appuntamento con il noir e il crimine alla francese su laF il canale 139 di Sky con il secondo episodio della miniserie I colori del crimine, ispirata ai romanzi Stagioni assassine di Gilda Piersanti. Nel nuovo episodio, dal titolo Blu Estate Assassina, in onda martedì 24 ottobre ore 21.10 in prima tv assoluta su laF (Sky 139), il noir si mescola con l’arte e il mito per un’indagine dal ritmo incalzante ricca di inquietanti riferimenti biblici.

Il commissario Rousseau (Patrick Chesnais) e la sua collega Mariella De Luca (Camille Panonacle) indagano sul ritrovamento di una testa decapitata all’interno delle catacombe di Parigi. La vittima è Maximilien Muller, famoso artista di arte contemporanea. Il mistero si infittisce dopo la perquisizione dello studio e il ritrovamento di altre due teste decapitate in luoghi pubblici della città.


La scrittrice Gilda Piersanti, che è anche sceneggiatrice della serie, è nata a Tivoli nel 1957 e abita a Parigi da più di vent’anni. Traduttrice e critica letteraria, dal 1995 si consacra alla scrittura con una serie di romanzi ambientati perlopiù a Roma e nel Lazio, che ottengono un grande successo oltralpe. L’episodio in onda stasera, “Blu estate assassina” è tratto dall’omonimo romanzo vincitore del Prix du polar Méditerranéen nel 2007, uno dei più importanti riconoscimenti per il genere francese dei polar (poliziesco noir).

 I colori del crimine è in onda su la(canale 139 Skyogni martedì alle 21.10 per quattro settimane. Prodotta da Astharté & Compagnie per France 2, sceneggiata dalla stessa Piersanti insieme a Gianguido Spinelli, la serie è interpretata da Patrick ChesnaisJane Birkin e Camille Panonacle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.