La mafia uccide solo d’estate, anticipazioni: seconda puntata del 28 Novembre (riassunto e video streaming della puntata)

la mafia uccide solo d'estate seconda puntata



La mancanza d’acqua a Palermo e la morte del giornalista antimafia Mario Francese; Lorenzo non ottiene il mutuo; Massimo vuole vendere i terreni di suo padre Tore, ma questi si oppone a causa di un importante segreto che custodisce. Ecco cosa è successo nella seconda puntata de “La mafia uccide solo d’estate – La serie“, la nuova fiction di Pif: il riassunto e il video per rivederla.

la mafia uccide solo d'estate seconda puntata

Anna Foglietta, Edoardo Buscetta, Francesco Scianna e Valentina D’Agostino

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE, VIDEO STREAMING DELLA SECONDA PUNTATA DEL 28 NOVEMBRE. Ieri sera, lunedì 28 Novembre, è andata in onda su RaiUno la seconda puntata della nuova fiction “La mafia uccide solo d’estate“, serie televisiva in sei puntate di Pif ispirata all’omonimo film e diretta da Luca Ribuoli.

Qui di seguito il video streaming Rai che vi permetterà di vedere o rivedere la puntata, composta dai due episodi “Uomini del Colorado” e “Tore“. A seguire, invece, trovate il riassunto.

Vi ricordo che la terza puntata cambia giorno di programmazione, e verrà eccezionalmente trasmessa martedì 6 Dicembre, sempre in prima serata su RaiUno.

Episodio 1×03: Uomini del Colorado

Episodio 1×04: Tore

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE, RIASSUNTO SECONDA PUNTATA DEL 28 NOVEMBRE. Ecco cosa è successo nei due episodi, intitolati “Uomini del Colorado” e “Tore“.

La mafia uccide solo d’estate: episodio 1×03 “Uomini del Colorado”.

Il giornalista antimafia Mario Francese va nella scuola di Salvatore (Edoardo Buscetta) per raccontare in che cosa consiste il proprio lavoro. E’ grazie a lui che Salvatore scopre il lato più oscuro di Palermo.

Il giornalista propone ai ragazzi di cimentarsi in un’inchiesta: la migliore verrà pubblicata sul giornale in cui scrive. Salvatore, a quel punto, decide di trattare la mancanza d’acqua a Palermo.

[adsense]

Totò Riina (Domenico Centamore), intanto, vorrebbe sbarazzarsi di Francese, che con il suo lavoro rischia di mettergli i bastoni tra le ruote. E Francese inizia a riceve delle lettere intimidatorie.

Mentre Angela (Angela Curri) è con Rosario (Dario Aita), Salvatore passa il pomeriggio con Marco, con il quale si reca sul fiume Loreto: il ragazzino, infatti, vorrebbe far deviare l’acqua del fiume affinchè arrivi a Palermo, ma date le condizioni del fiume la sua idea muore sul nascere.

Dopo aver parlato con Francese, Salvatore si reca direttamente alla fonte del Loreto. Qui sono presenti dei lavori in corso per una diga, lavori mai portati a termine. In realtà quella diga viene utilizzata dalla mafia per i propri traffici illeciti, ed è proprio su questo che Francese stava indagando infastidendo la mafia.

Nel frattempo Lorenzo (Claudio Gioè) non ottiene il mutuo e il sogno di comprare casa per il momento svanisce. Il suo capo lo esorta a prendere in considerazione la sua proposta, ovvero chiedere aiuto ai suoi amici piuttosto che alla banca. Ma Lorenzo rifiuta l’offerta.

Salvatore, non senza difficoltà, porta a termine la sua inchiesta. E intanto tronca il suo fidanzamento con Santina (Francesca Giordano), stanco di dover continuare a fingere con lei.

Il giorno prima della presentazione del progetto, però, Mario Francese viene ucciso dalla mafia. I responsabili di quel delitto verreno trovati e arrestati…

La mafia uccide solo d’estate: episodio 1×04 “Tore”.

I Giammaresi sono ancora delusi dal loro sogno, al momento infranto, di acquistare una nuova casa. Lo Zio Massimo (Francesco Scianna), però, sembra avere un’idea per svoltare: vendere i terreni della Rocca Busambra che sono di proprietà del padre Tore (Andriano Chiaramida).

Tutta la famiglia, a quel punto, si reca in pellegrinaggio a Ficuzza per convincere il nonno a vendere. Sia Angela che Salvatore non sono felici di quel viaggio: la prima, infatti, avrebbe voluto passare la giornata con Rosario approfittando di casa libera, mentre Salvatore sarebbe voluto andare alla festa di compleanno di Alice (Andrea Castellana).

[adsense]

A Ficuzza la famiglia viene accolta con calore dalla nonna Ninetta (Aurora Quattrocchi), mentre il nonno Tore è decisamente più introverso e da anni non parla.

Pia e Massimo li spiegano la loro idea di vendere i terreni per poter acquistare una casa, ma Ninetta e Tore sono decisamente contrari. Massimo, allora, si scaglia contro il padre.

A Ficuzza, Angela viene raggiunta da Rosario. Questi vorrebbe appartarsi con lei per fare l’amore, ma lei lo respinge. Rosario va via arrabbiato.

Nel frattempo Tore inizia a non sentirsi bene. Salvatore va a trovare suo nonno, e questi fa prendere al bambino degli articoli di giornale e una lettera affinchè li bruci. E’ così che Salvatore scopre il motivo per cui suo nonno non vuole vendere i terreni: questi, infatti, sono legati alla morte di Placido Rizzotto, segretario della CdL di Corleone, da parte della mafia.

Giuseppe, un ragazzino di 13 anni che lo aiutava nei campi, era stato testimone involontario di quel delitto di mafia. Lo shock per il bambino fu tale da sentirsi male. Ma, su ordine della mafia, Giuseppe piuttosto che essere guarito venne ucciso dal medico.

Tore, che aveva capito cosa era successo, aveva scritto una lettera al capitano dei carabinieri che conduceva le indagini su Rizzotto. Ma non riuscì mai a spedirla. Per la vergogna e il senso di colpa, decise che non avrebbe mai più pronunciato una parola. Fino a quel momento almeno, quando Tore, prima di esalare l’ultimo respiro, si rivolge a Salvatore per dirgli “Mi raccomando, schiena sempre dritta. Ciao Tore“.

La famiglia è in lutto, mentre il piccolo Salvatore decise di non dire nulla di quanto scoperto sul passato di suo nonno, a meno che qualcuno non avesse nuovamente preso in considerazione l’idea di vendere quei terreni. Ma nessuno lo fece.

La famiglia rientra a Palermo. Angela, a scuola, viene raggiunta da Rosario, con il quale chiarisce. Mentre Marco resta a guardare.

Salvatore, invece, si presenta a scuola con un regalo di compleanno per Alice: un pulcino che ha deciso di chiamare Tore. La ragazzina ne è entusiasta…

LA MAFIA UCCIDE SOLO D’ESTATE, ANTICIPAZIONI SECONDA PUNTATA DEL 28 NOVEMBRE. Secondo appuntamento con la nuova fiction di RaiUnoLa mafia uccide solo d’estate“, serie televisiva in sei puntate ispirata all’omonimo film di Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, uscito nelle sale cinematografiche nel 2013.

Nel corso della prima puntata… abbiamo avuto modo di conoscere i vari protagonisti. Anzitutto la famiglia Giammaresi, composta da Lorenzo e Pia e i loro due figli Angela e Salvatore. Con loro c’è anche lo zio Massimo.

Ci troviamo nella Palermo degli anni Settanta. La storia è raccontata dal punto di vista di Salvatore, un bambino di dieci anni, attraverso la voce narrante di Pif.

[adsense]

Un giorno nella scuola di Salvatore arriva una nuova compagna di classe, Alice, di cui Salvatore si innamora perdutamente. A Palermo, però, tutti dicono che a causa delle donne si muore, Salvatore quindi si convince presto che se si fidanzerà con Alice morirà e lascia che Fofò, il suo miglior amico, si fidanzi con lei.

Nel frattempo il padre di Salvatore, Lorenzo, è testimone di un omicidio di mafia e non sa cosa fare. Testimoniare oppure no? Dopo mille tentennamenti, Lorenzo decide che è arrivato il momento di cambiare casa e va alla ricerca di una nuova abitazione. Ma a Palermo non è così semplice cambiare casa e si scontra presto con l’edilizia mafiosa.

Nel frattempo Fofò si fidanza con Alice e non è morto. Salvatore decide quindi di provare a conquistare Alice, e per farlo, su suggerimento dello zio Massimo, prova a farla ingelosire fidanzandosi con un’altra compagnetta di classe. Ma così facendo finisce per ottenere l’effetto contrario…

Nella puntata di questa sera, invece… Salvatore conoscerà il giornalista antimafia Mario Francese, che verrà nella sua scuola per raccontare in che cosa consiste il proprio lavoro. Sarà grazie a lui che Salvatore scoprirà il lato più oscuro di Palermo.

Quando il giornalista propone ai ragazzi di cimentarsi in un’inchiesta, il bambino deciderà di trattare la mancanza d’acqua a Palermo. Il giorno prima della presentazione del progetto, però, Mario Francese viene ucciso.

Nel frattempo Lorenzo non ottierrà il mutuo e il sogno di comprare casa per il momento svanisce. Lo Zio Massimo, allora, avrà in mente un’idea per svoltare: vendere i terreni della Rocca Busambra, che sono di proprietà del padre Tore.

Tutta la famiglia si recherà in pellegrinaggio a Ficuzza per convincere il nonno a vendere, ma questi sarà irremovibile.
Il fatto è che dietro quei terreni si nasconde un terribile segreto che ha a che fare con la sua storia personale e con quella di tutta la Sicilia…


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.