non è stato mio figlio terza puntata

Non è stato mio figlio, anticipazioni: terza puntata del 22 Marzo (riassunto e video streaming della puntata)



Ecco cosa è successo nella terza puntata della nuova fiction “Non è stato mio figlio”, con Gabriel Garko e Stefania Sandrelli: il video per rivederla.

non è stato mio figlio terza puntata
L’arresto di Andrea Geraldi

NON E’ STATO MIO FIGLIO, VIDEO STREAMING DELLA TERZA PUNTATA DEL 22 MARZO. Ieri sera, mercoledì 22 Marzo, è andata in onda su Canale 5 la terza puntata della nuova fiction “Non è stato mio figlio“, serie televisiva in otto puntate che ruota intorno alle vicende della famiglia Geraldi, sconvolta dal suicidio della giovane Barbara per il quale viene accusato Andrea, il figlio primogenito di Anna Geraldi.

In realtà qualcuno sta complottando per cercare di distruggere i Geraldi, e questo qualcuno si chiama Carlos: un uomo la cui identità rimane misteriosa…

[adsense]

Qui di seguito ecco il video streaming Mediaset che vi permetterà di vedere o rivedere la terza puntata. A seguire, invece, trovate il riassunto.

Vi ricordo che la quarta puntata andrà regolarmente in onda martedì 29 Marzo, sempre in prima serata su Canale 5 (qui le anticipazioni).

Non è stato mio figlio – Streaming Mediaset della terza puntata

NON E’ STATO MIO FIGLIO, RIASSUNTO TERZA PUNTATA DEL 22 MARZO. Terzo appuntamento con la nuova fiction di Canale 5Non è stato mio figlio“, serie televisiva in otto puntate con Gabriel Garko e Stefania Sandrelli diretta da Alessio Inturri e Luigi Parisi.

Ecco cosa è successo nel corso della terza puntata.

Andrea Geraldi (Gabriel Garko) viene portato in commissariato con l’accusa di aver ucciso Ornella (Maylin Aguirre), la ballerina del Bimbastar.

Andrea sostiene di essere stato con Nunzia (Adua Del Vesco) quella notte, e difatti quest’ultima, convoncata in commissariato, conferma la sua versione dei fatti. Ma questo non basta: l’omicidio, infatti, stato commesso alle 11 di sera, quando non era ancora con Nunzia.

[adsense]

Ma Andrea ha un alibi anche per l’orario dell’omicidio: si trovava a casa della sua ex fidanzata, Rebecca (Anna Favella, qui la nostra intervista).

La donna, a quel punto, viene subito convocata in commissariato. Ma lei, in accordo con la madre Marilda (Anna Galiena), che è complice di Carlos, testimonia a sfavore del suo ex fidanzato, sostenendo che quella sera era al cinema con sua madre e che non ha incontrato Andrea.

Intanto Pietro (Bruno Eyron), il padre di Barbara (Benedetta Gargari), porta dei fiori sulla tomba della figlia. L’uomo, disperato, spiega che anni addietro è sparito all’improvvisamente perchè un’organizzazione criminale gli stava alle calcagna. La stessa vedeva a capo un certo Amedeo Strada, che ora si trova nello stesso carcere di Andrea.

Tra l’altro Pietro sospetta che l’organizzazione criminale di Amedeo Strada possa essere in qualche modo coinvolta nella morte di sua figlia, pertanto decide di andare a parlare con la moglie del criminale.

Roberto (Massimiliano Morra), invece, scopre che la Alina (Roberta Giarrusso) lo ha tradito. Dopo aver avuto con la moglie un’accesa discussione, a seguito della quale la incolpa anche dei guai finanziari che sta attraversando l’azienda, Roberto la caccia di casa.

In preda alla disperazione, Alina tenta il suicidio tagliandosi le vene. A trovarla è la piccola Carlotta (Aurora Giovinazzo), che chiama l’ambulanza appena in tempo.

Carlotta, intanto, inizia a rivelare ad Anna (Stefania Sandrelli) parte dei segreti che custodisce. La bambina, infatti, racconta che nei giorni precedenti alla sua morte aveva visto Barbara muoversi in modo sospetto, per poi recarsi in uno scantinato dove aveva baciato la fotografia del suo bambino.

Gina (Daria Baykalova), dopo aver appreso della morte di Ornella, decide di recarsi al Bimbastar per parlare con una sua collega e per cercare di capire cosa sia realmente successo alla donna. Qui, però, Gina viene vista da Loris (Vincenzo Peluso), proprietario del locale, poi va via con Nunzia dopo essersi intrufolata nella sua auto.

Anna, in seguito ai recenti avvenimenti, come per esempio il cellulare di Barbara che prima sparisce per poi ricomparire in camera di Andrea, o il pugnale di casa Geraldi che si rivela essere l’arma del delitto con la quale è stata uccisa Ornella, sospetta che in casa ci sia il complice dell’assassino che sta tramando contro la sua famiglia. Ne parla dunque con Carmen alla quale dice di sospettare di Dorina, pertanto le chiede di tenere gli occhi ben aperti.

[adsense]

Nel frattempo Lily, la coinquilina di Barbara, ignara della morte della sua amica, va a cercare la ragazza a casa di Carlos. Qui viene accolta da una donna, la quale sostiene di essere la bambinaia. Dopo aver ospitato Lily in casa, la donna, tra una menzogna e l’altra, le racconta che Barbara è stata segregata in casa da sua madre.

La ragazza, però, si rende conto che la situazione è alquanto sospetta e, dopo aver trovato il cellulare di Barbara, tenta la fuga. Carlos, però, la insegue.

Spaventata, la ragazza chiama Anna con il telefono di Barbara: Lily scopre così che Barbara in realtà è morta, mentre Anna le chiede spiegazioni. Lily riattacca il telefono nel tentativo di scappare, ma sentendo il bambino di Barbara piangere torna in casa per andarlo a prelevare e portarlo con sè. La ragazza, però, viene tramortita con un colpo alla testa.

Intanto in carcere Andrea fa la conoscenza di Amedeo Strada: tra i due nasce una sorta di alleanza, tanto che Strada gli dice che d’ora in avanti sarà il suo protetto. Andrea, a quel punto, gli dice che ha bisogno di chiedergli un favore…


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.