DC' s Legends of Tomorrow 1×01 – Recensione

L’ambizioso progetto di CW arriva finalmente sul piccolo schermo. Legends of Tomorrow vale tutte le attese?

dcs-legends-of-tomorrow

Il 21 Gennaio è andato in onda negli Stati Uniti il primo attesissimo episodio di DC’s Legends of Tomorrow, il primo progetto televisivo a tema supereroistico incentrato su una vera e propria squadra, in modo del tutto analogo agli Avengers cinematografici dei Marvel Studios.

Prima di discuterne è giusto fare anche una premessa. Legends of Tomorrow è probabilmente una delle serie TV più importanti prodotte negli ultimi anni da CW, questa nasce per essere uno spin-off corale dei già fortunatissimi Arrow e The Flash. Ciò che rende infatti molto interessante questa serie è proprio il suo essere “un derivato”, visto che approfondisce la mitologia delle due serie madri allargando però i suoi orizzonti grazie all’escamotage dei viaggi nel tempo.

L’incipit narrativo di Legends of Tomorrow prende luogo in futuro molto lontano. dove Vandal Savage (Casper Crump), eterno immortale, ha ormai messo in ginocchio l’intero pianeta Terra dopo aver causato una guerra su vasta scala. L’Agente del Tempo Rip Hunter (Arthur Darvill) decide di viaggiare indietro nel tempo per formare una squadra di improbabili eroi e criminali che possano unire le forze e fermare una volta per tutte la furia distruttiva di Savage.

Legends of Tomorrow non si prende la briga di introdurci un passo alla volta i vari membri principali del team perchè da buon spin-off da già per scontato che gli spettatori abbiano conosciuto i vari personaggi nel corso delle stagioni di Arrow e The Flash. Lo stesso Vandal Savage è stato già introdotto nel cross-over in due parti di Arrow e Flash andato in onda lo scorso Dicembre negli USA, ricevendo tra l’altro moltissimi apprezzamenti dai fan per l’interpretazione di Crump.

Non entreremo nei dettagli svelandovi per filo e per segno gli eventi dell’episodio, tuttavia il personaggio di Rip Hunter come ovvio che fosse è al momento quello che emerge di più, assieme alla coppia Hawkman e Hawkgirl. Tutti e tre condividono un legame particolare con Vandal Savage che sinceramente siamo curiosi di vedere come sarà esplorato nei restanti quindici episodi.

Oltre ai numerosi riferimenti all’universo DC e qualche strizzatina d’occhio anche al Doctor Who è stata senza dubbio coinvolgente la dinamica del gruppo, molto vicina a quella vista al cinema con i due Avengers di Joss Whedon. Ognuno di loro ha una devozione particolare che li porterà a confrontarsi con i propri fantasmi, anche se Atom (Brandon Routh) e White Canary (Caity Lotz) ci sono sembrati sicuramente quelli più duri a carburare, rispetto invece all’improbabile quartetto comico composto da Capitan Cold (Wentwhort Miller), Heatwave (Dominic Purcell) e le due metà di Firestorm (Victor Garber e Franz Drameh). Il team è chiaramente ben variegato, ma è ancora presto per giudicare come la situazione si evolverà. Quello che sicuramente si può già esprimere da questo primo episodio è la voglia di realizzare uno show che abbracci lo stile più serioso di Arrow e i toni più solari di The Flash, da questo poi la decisione di riprendere i personaggi secondari provenienti da entrambe le serie.

Legends of Tomorrow conferma tutte le aspettative che si sono create nel corso di questi mesi, il potenziale per un grande show ci sono tutti, la squadra sembra funzionare discretamente bene per ora, e si può tranquillamente passare sopra a quelle piccole banalità che ormai da sempre caratterizzano anche Arrow e The Flash.

Anche se restiamo dubbiosi sulla decisione di estendere la serie a sedici episodi, non ci sentiamo di storcere il naso a questo primo pregevole episodio. L’obiettivo di realizzare un solo universo televisivo composito, ma con i dovuti limiti imposti dai piani alti sicuramente troverà il suo culmine proprio in Legends of Tomorrow, nel quale sono stati già confermati diversi ospiti interessanti come Johan Hex e Connor Hawke (Green Arrow 2).

[adsense][adsense]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.