"Lady Ferro", in contemporanea DMax e Real time l'8 marzo

"Lady Ferro", in contemporanea DMax e Real time l'8 marzo

Una donna di ferro in tutti i sensi su Real time e DMax.

lady ferro, dmax
Lady Ferro

Quando si dice “donne con gli attributi” e una dimostrazione sarà la denominata Lady Ferro nel programma che andrà in onda in contemporanea DMax e Real time l’8 marzo ovvero la Festa della donna alle 20:45, il programma narra di Cinzia, prepotente, capricciosa, abilissima negli affari, amministratrice impeccabile, era la moglie del proprietario di uno sfasciacarrozze, uno dei più grandi di Roma. Il giorno stesso in cui è rimasta vedova ha preso in mano il business del marito senza saperne nulla e, con il coraggio di un uomo e la determinazione che solo una donna può avere, si è conquistata il rispetto di quelli che prima obbedivano al marito e oggi devono sottostare alle sue regole.

Allo “sfascio” è il ferro che la fa da padrone. Ai mezzi vengono “espiantati” tutti i pezzi ancora buoni per rivenderli, come un commercio di organi metallici. Nel mercato degli sfasciacarrozze si contratta, si scambia, si trova di tutto e si vende di tutto. Tutto è sporco di grasso qui. Il terreno è completamente intriso d’olio e quando fa caldo le lamiere infiammano l’aria. Questo è un luogo dove molto di rado una donna mette piede. A meno che…non sia lei la padrona di casa.

[adsense]

Lady Ferro più sfascia, più guadagna. Contratta con i clienti sui pezzi di ricambio e rivende tonnellate di scocche di ferro con una competenza riconosciuta da tutti, ma con le modalità di una diva irrequieta, con tanto di villa hollywoodiana sull’Appia Antica. E tutto colorito con il suo sanguigno dialetto romanesco.

Ogni giorno Lady Ferro ha sempre una missione da portare a termine: resuscitare un’auto finita, cercare un pezzo di ricambio ormai impossibile da trovare (per gli altri), gestire un’emergenza di un autotrasportatore con un intervento ad hoc, assemblare una macchina “Frankenstein”, trasformare un’utilitaria in anfibia, vincere un’asta di auto.

Giuseppe Ino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.