Crossing Lines, recensione del pilot del nuovo crime di Raidue

Crossing Lines, recensione del pilot del nuovo crime di Raidue

Venerdi 14 giugno è partito su Raidue in prima serata e in esclusiva mondiale il nuovo crime Crossing Lines, si tratta di una co produzione internazionale in cui c’è molto di europeo sia nella trama che nell’investimento totale della serie che sarà trasmessa il prossimo 23 giugno su Nbc, l’intento di questa produzione è piuttosto chiaro: trovare un prodotto che sia di più ampio respiro ma che possa piacere anche al pubblico americano, non sappiamo come andrà in America la serie, forse sarà un flop o forse no ma sicuramente ci sono buone premesse ma anche diversi difetti, nonostante ci sia anche la firma di Ed Bernero già dietro le quinte del grande successo di Criminal Minds.

La trama e quindi l’idea di base sono senz’altro interessanti sopratutto per gli amanti del crime: una squadra di specialisti del crimine i cui membri provengono da vari paesi europei tra cui l’Italia con l’esperta antimafia Eva Vittoria interpretata dalla nostra Gabriella Pession, proprio la sua presenza che in fondo non dispiace rappresenta uno dei difetti ovvero il suo doppiaggio parecchio imbarazzante, l’attrice come spesso accade in questi casi doppia se stessa.

[adsense]

Gli altri attori e personaggi, esclusi il bravissimo William Fichtner e il grande Donald Sutherland non sembrano molto accattivanti almeno nel primo lungo episodio visto ma forse nei prossimi, ne sono previsti dieci, qualcosa cambierà in meglio e poi manca decisamente di ritmo e questo è un male per questo genere di prodotto a cui gli americani ci hanno abituati fin troppo bene.

L’intento è quello di realizzare una serie più cerebrale che action e forse potrà essere apprezzata proprio per questo, intanto gli ascolti del primo episodio sono andati piuttosto bene comunque in linea con Rai due, vedremo se nei prossimi episodi andrà meglio, intanto si apprezza l’idea. Voi che ne dite invece? Che idea vi siete fatti?