"Crossing lines", in anteprima mondiale la nuova serie crime con Gabriella Pession su Raidue

"Crossing lines", in anteprima mondiale la nuova serie crime con Gabriella Pession su Raidue

La nascita e le azioni mozzafiato di una Unità speciale anticrimine che opera a livello globale, i cui membri sono reclutati nelle forze di polizia di diversi Paesi del mondo. Nel cast Donald Sutherland e Gabriella Pession. Una serie in cinque episodi, scritta e ideata dal creatore di Criminal Minds Ed Bernero, in onda da venerdì 14 giugno, in prima serata su Rai 2.

Una squadra di uomini pronti a tutto per contrastare il crimine organizzato a livello globale. Arriva da venerdì 14 giugno, in prima serata e in anteprima mondiale, sugli schermi di Rai 2 “Crossing Lines”, la nuova serie ideata e scritta da Edward Allen Bernero,un vero e proprio mago nel genere action-crime, padre della celebre serie americana Criminal Minds. La serie è prodotta da Tandem Communications e Bernero Productions in collaborazione con Rai Fiction. I cinque episodi, girati tra Praga, Parigi e Nizza, racconteranno la nascita e la complicata attività di un’unità speciale anticrimine, formata da poliziotti reclutati in vari Paesi del mondo.

Si tratta di un gruppo di uomini molto diversi tra loro, con alle spalle esperienze di vita, a volte anche pesanti, che hanno segnato la loro esistenza e forgiato il loro carattere conducendoli sulla difficile e pericolosa strada della ricerca della legalità e della giustizia. Il loro territorio non ha confini. Il loro scopo è quello di rendere il mondo più sicuro.

Cinque poliziotti impavidi: quattro uomini e una donna. Un team di specialisti al servizio della Corte Penale Internazionale.Tutti determinati, coraggiosi e disposti a correre rischi e pericoli per ristabilire la sicurezza globale. Il crimine, infatti, dilaga e l’Europa è diventata il territorio perfetto per sfuggire la giustizia e far prosperare ogni tipo di traffico illecito. Dal vecchio continente si diramano molteplici rotte geografiche utilizzate dalle organizzazioni criminali per i loro “sporchi” intenti ed è in questo contesto allargato che l’unità speciale si ritroverà ad operare. Notissimi i volti che daranno vita alle storie di “Crossing Lines” a partire da Donald Sutherland che interpreterà Michel Dorn, un ebreo polacco che durante la seconda guerra mondiale è riuscito a sfuggire, insieme alla sorella, allo sterminio della sua famiglia da parte dei tedeschi.

[adsense]

Al termine del conflitto entra a far parte della Corte Penale Internazionale con l’intento di perseguire i criminali di guerra. Unica protagonista femminile e unica attrice italiana della squadra, l’affascinante Gabriella Pession, che indosserà i panni della giovane agente Eva Vittoria, una veterana della lotta a “Cosa Nostra”. Cresciuta in una ricca famiglia in odore di mafia è un ottimo agente sotto copertura.

Specializzata nel contrastare il contrabbando, il traffico di droga, il riciclaggio di denaro sporco e operazioni anti mafia, ha la particolarità di non utilizzare mai le armi. William Fichtner, invece, vestirà i panni di Carl Hickman, un uomo dotato di un grande intuito investigativo che in una sparatoria ha perso l’uso della mano destra. Dopo aver abbandonato la polizia di New York, dove aveva fatto una brillante carriera, viene convinto ad assumere l’incarico di capo dell’unità speciale. L’attore Marc Lavoine sarà Louis Bernard, un poliziotto membro dell’Europol molto celebre in Francia che decide di infrangere le regole per vendicare la morte del figlio ucciso da un criminale russo. Dorn gli offre l’incarico di fondare un’unità speciale autorizzata ad operare senza troppe limitazioni.

Richard Flood interpreterà l’agente Tommy McConnel, un ex pugile irlandese, dai trascorsi turbolenti e strappato alla strada e alle maglie dell’IRA da un poliziotto che riconosce la sua indole buona e che lo convince a mettere le sue doti di grande tiratore ed esperto di esplosivi al servizio della legge. Il genio informatico del gruppo, Sebastian Berger ha il volto di Tom Wlaschiha, un giovane tedesco delle straordinarie attitudini tecnologiche, inventore di un dispositivo che ha condotto alla cattura di numerosi killer, ma con il vizio del gioco d’azzardo.

Sotto la lente di ingrandimento di questo variegato gruppo di uomini al servizio della giustizia e della legalità finiranno i crimini più disparati, dal traffico di droga a quello di opere d’arte, dalle pericolose infiltrazioni della mafia russa all’uso di armi chimiche, mentre al contempo si dipanano e si intrecciano anche le storie personali dei componenti del team. Per tutti resta il motto: uniti si vince.