Mag-Series intervista Rodolfo Corsato, new entry in "Centrovetrine": "Emanuel è un personaggio che destabilizzerà un po' la situazione" – "Sono d'accordo con la scelta di mandare la soap in prima serata"

Mag-Series intervista Rodolfo Corsato, new entry in "Centrovetrine": "Emanuel è un personaggio che destabilizzerà un po' la situazione" – "Sono d'accordo con la scelta di mandare la soap in prima serata"

Mag-Series ha avuto il piacere di intervistare l’attore Rodolfo Corsato, una delle new entry della soap di Canale 5Centrovetrine” in cui interpreta il ruolo di Emanuel Sabian, un uomo misterioso e molto affascinante che incrocierà il personaggio di Carol Grimani (Marianna De Micheli).

Ma Rodolfo Corsato ha alla spalle una ricca carriera teatrale, televisiva e cinematografica. Lo ricordiamo, ad esempio, nella fiction medical “Terapia d’urgenza“, nella quale interpretava il burbero dottor Riccardo Malosti.

Ma un personaggio che gli ha regalato grande successo è senza dubbio Dorian Laszlo in “Distretto di polizia 9“, per non parlare della serie televisiva “Crimini“, nella quale interpretava l’ispettore Giulio Campagna.

Se anche voi avete voglia di conoscerlo meglio, allora non perdetevi la nostra intervista…

[adsense]

Mag-Series: Domanda di rito: Chi è Rodolfo Corsato? Presentati ai nostri lettori.

Rodolfo Corsato: Basta andare su www.rodolfocorsato.com! C’è un sito apposito, dove chiunque può vedere tutto quello che ho fatto…

Mag-Series: In queste settimane ti stiamo vedendo nel soap di Canale 5 “Centovetrine“, dove interpreti il ruolo di Emanuel Sabian, un uomo misterioso e molto affascinante che incrocierà il personaggio di Carol Grimani (Marianna De Micheli). Ci parli un po’ di questo personaggio? Quale sarà il suo ruolo in questa soap?

Rodolfo Corsato: Bisogna seguirlo per capirlo, non vorrei levare alcun tipo di curiosità, anche perchè poi è un personaggio che sicuramente destabilizzerà un po’ la situazione. E quindi lo scopriremo solo vivendo! (ride)

Mag-Series: Sei al tuo debutto in una soap opera, com’è stato lavorarvi? Sappiamo bene come i tempi lavorativi in una soap siano sempre più duri…

Rodolfo Corsato: E’ stata un’esperienza che non avevo mai fatto, mi era stata proposta tante volte negli anni ma non l’avevo mai affrontata. Poi è arrivata la situazione interessante di questo personaggio, me l’hanno proposto, l’ho letto e ho deciso di farla. E’ vero che poi i tempi sono abbastanza massacranti, ogni giorno si gira una puntata e mezza, quindi si girano quindici scene al giorno, non solo un attore, ma può capitare insomma di girarne otto, nove o dieci di scene. I tempi sono abbastanza incalzanti. E così se ne va, se vuoi, non voglio dire della qualità, ma della recitazione degli attori ecco…

[adsense]

Mag-Series:Centovetrine” è senza dubbio una delle soap italiane più seguite dai telespettatori. Come sei arrivato a questa soap? La seguivi già o per impegni ne eri impossibilitato?

Rodolfo Corsato: Come dicevo non l’avevo mai potuta fare prima perchè ero impegnato con altri lavori e quando me lo proponevano non potevo farlo. Poi mi hanno chiamato per propormi quest’ultimo personaggio chiedendomi di farlo e quindi ho accettato. Sono contento perchè è un prodotto che ha un seguito, ha molti affezionati da undici anni, quindi mi fa piacere. Inoltre, per la prima volta nella storia, andrà in onda in prima serata, quindi insomma speriamo bene…

Mag-Series: Ecco sì, a questo proposito ci colleghiamo ad un argomento di cui si sta parlando molto in questo periodo. Attualmente le riprese di “Centovetrine” sono state sospese e il futuro della soap, a quanto pare, dipende dai risultati auditel che otterrà la domenica in prima serata. Che cosa ci puoi dire a riguardo? E che cosa ne pensi di questa scelta?

Rodolfo Corsato: Visto l’impegno, sia produttivo, che artistico, e tutto l’insieme di persone che lavorano in questa situazione, penso che si tratti di un prodotto, secondo me, di alta qualità ed è un peccato che venga sfruttato solo all’ora di pranzo, quindi ha la possibilità di far vedere, al di là del target e delle persone a cui può interessare. Però secondo me era uno spreco che non potesse essere visto anche di sera…

Mag-Series: Quindi tu sei d’accordo con questa scelta della prima serata…

Rodolfo Corsato: Assolutamente si, anzi sono un sostenitore, e poi in base a quello, logicamente, se andasse bene magari nel futuro la si potrà produrre in modo diverso, con stili e caratteristiche ancora migliori…

Mag-Series: Quindi comunque tu pensi che ci sia speranza ancora per questa soap…

Rodolfo Corsato: Si si, secondo me si, anche perchè poi sarebbe nell’interesse loro che andasse bene, quindi mi auguro di si…

Mag-Series: Hai recitato anche nella fiction medical “Terapia d’urgenza“, dove interpretavi il dottor Riccardo Malosti, ma, suo malgrado, non è stata molto fortunata negli ascolti, conseguendo spostamenti vari e spospensioni della messa in onda. Come mai? Cosa pensi non sia piaciuto al pubblico di questa fiction?

Rodolfo Corsato: “Terapia d’urgenza”, purtroppo, è stato un esempio di grande boicottaggio nella storia della televisione, perchè comunque a tutti i telespettatori che l’hanno visto è piaciuto. Se guardiamo i prodotti di oggi e guardiamo questa fiction, che ormai è stata girata quattro anni fa, possiamo dire che era un prodotto hollywoodiano, perchè prodotto con grande impegno economico da parte della Rai, era stato costruito tutto un’ospedale reale e vero a Milano, c’era un gruppo di almeno 300 persone che lavorava a questo progetto, c’era l’intenzione di andare avanti negli anni. Purtroppo invece per scelte politiche è stato scelto di boicottarlo e non a caso la messa in onda è stata decisa il 28 Agosto, di venerdì, quando tutti erano fuori praticamente. Se “Terapia d’urgenza” volevano proteggerlo l’avrebbero sostenuto cambiando giornata, cambiando programmazione, come fanno con tutti i progetti, ed invece… I veri problemi erano stati problemi politici, quindi hanno deciso di boicottarlo, a discapito di un ottimo prodotto che, secondo me, era girato molto bene e, se lo andiamo a rivedere oggi, era di altissima qualità. A quelli che l’hanno visto, perchè avevano avuto la possibilità di vederlo, è piaciuto…

Mag-Series: Uno dei personaggi che senza dubbio ti ha regalato grande successo è quello di Dorian Laszlo in “Distretto di polizia 9“, un delinquente di origini ungheresi innamorato dell’agente Anna Gori (Giulia Bevilacqua), sebbene a fine serie abbia fatto una brutta fine. Che ricordo hai di quell’esperienza? Sei rimasto in contatto con gli altri attori?

Rodolfo Corsato: E’ stata un’esperienza molto bella. Questo personaggio poi mi ha dato la possibilità di fare un lavoro straordinario, anche grazie al lavoro di tutte le persone che ci stavano dietro, agli attori stessi, Giulia è stata un’attrice straordinaria, la Stefanenko anche, il regista Alberto Ferrari è un bravissimo regista con cui spero di lavorare ancora insieme. Quindi è un ricordo bellissimo, e i contatti con gli altri attori sono rimasti, sopratutto con Simone Corrente. Quando inevitabilmente si fa un lavoro come questo nasce una famiglia, benomale poi ci si lascia perchè ognuno va poi in direzioni diverse, ma l’amicizia e l’affetto poi rimangono…

Mag-Series: Dopo undici stagioni “Distretto di polizia” verrà definititamente chiuso, del resto quest’anno gli ascolti si sono rivelati alquanto deludenti e optare per un seguito sarebbe stato rischioso. Per quale motivo secondo te? Che Distretto non piaccia più o i continui cambi di cast hanno influito molto in questo declino della serie?

Rodolfo Corsato: Quando si trovano dei personaggi giusti e non si è in grado di capire che potrebbero essere una vera fortuna nella serie. Anche se poi quest’anno il cast era di ottima qualità, ma forse poi c’è anche una difficoltà a rinnovare una serie di storie, di situazioni, che forse nel tempo inevitabilmente si infrazionano…

Mag-Series: A quale dei ruoli da te interpretati ti senti maggiormente legato o ti sei particolarmente affezionato e perchè?

Rodolfo Corsato: Uno di questi è, appunto, sicuramente Dorian Laszlo. Poi sicuramente l’ispettore Campagna in “Crimini”, perchè è un personaggio che mi ha dato grandissima soddisfazione. Anche quella ha fatto parte di quelle serie sfortunate, anche quella era una serie di altissima qualità, ma anche in quel caso non si è capito il vero valore. Era una serie tratta dai migliori racconti noir dei più grandi scrittori gialli italiani, a partire da G. Faletti a finire a A. Camilleri. Io interpretavo un ruolo tratto da un racconto di Massimo Carlotto, che mi interessava molto anche perchè di Massimo Carlotto vorrei riuscire un giono a realizzare una serie tratta da un personaggio di sua invenzione che è “L’alligatore”. L’ispettore Campagna mi ha permesso di ricevere grandi complimenti, grandi critiche, non a caso la Rai stessa mi contattò per interpretare il dottor Malosti (per “Terapia d’urgenza”), un dottor House italiano. Fui poi contattato per interpretare il personaggio anche nella seconda serie di “Crimini” che poi andò a New York per rappresentare la serie all’estero e vinse poi al Roma Fiction Fest il premio come miglior miniserie dell’anno. E’ un personaggio che mi ha regalato grandi soddisfazioni anche perchè era un grandissimo personaggio, lavorando poi con dei registi molto bravi che erano i Manetti. Sono personaggi rari che è un peccato non poter portare avanti, perchè sono quelle migliori interpretazioni che potrebbero dare continuità alla tua carriera. Niente, quindi adesso bisogna aspettare il prossimo!

Mag-Series: Quando e come hai capito di voler intraprendere la strada della recitazione? Qual’è stato il tuo percorso artistico prima di arrivare alla tv e al cinema?

Rodolfo Corsato: Tutto è iniziato a diciotto anni andando a teatro, per una serie di coincidenze e di circostanze mi sono innamorato di questo mestiere. Il mio percorso artistico è partito da lontano, poi c’è stata la scuola in teatro, poi è arrivato il cinema, basta poi vedere, per chi non mi conosce, il mio curriculum sul mio sito insomma. In sostanza però è nato tutto da una passione e da un amore…

Mag-Series: Di cosa ti occupi durante il tuo tempo libero? Ammesso che ne abbia…

Rodolfo Corsato: Tempo libero non ne ho, perchè il mio impegno giornaliero ma è quello di prepararmi, di studiare, di organizzare, insomma di lavorare per trovar lavoro. Siamo strumenti a cui tocca esser sempre pronti alla chiamata…

Mag-Series: Il tuo miglior pregio e il tuo peggior difetto…

Rodolfo Corsato: Pregio…è difficile che io possa dire il mio pregio, lo lascio sempre dire agli altri. Difetto…guarda ne ho talmente tanti che è difficile dirne uno! (ride)

Mag-Series: Attualmente hai due figli. Come reagiresti se anche loro volessero intraprendere la tua stessa strada?  Li incoraggeresti?

Rodolfo Corsato: Glielo vieterei! Perchè uno prima di tutto se vuole fare questa professione deve avere davvero una grande passione, un grande entusiamo, il famoso fuoco sacro che ti porta poi ad affrontare una vita che è piena di ostacoli, piena di difficoltà, sopratutto oggigiorno che in questa realtà mondiale, ma sopratutto italiana, ormai in crisi, è molto complicato fare questo mestiere. Minimo minimo se devono fare questo mestiere devono andare a Los Angeles. Ma comunque la vedo lontana come situazione…

Mag-Series: Un sogno nel cassetto?

Rodolfo Corsato: Un sogno nel cassetto è quello di riuscire a trovare un personaggio che mi dia la possibilità di esprimere con continuità quello che poi cerchiamo tutti di trovare attraverso questo mestiere. Magari anche di lavorare e divertirci…

Mag-Series: Magari c’è un personaggio in particolare che ti piacerebbe interpretare?

Rodolfo Corsato: L’Amleto di Shakesperare!

Mag-Series: Puoi anticiparci qualcosa sui tuoi prossimi progetti? A parte adesso “Centovetrine“…

Rodolfo Corsato: Ho fatto la partecipazione straordinaria nell’ultimo film di B. Bertolucci “Io e te”, e poi dovrei entrare in un nuovo progetto, non dico niente per scaramanzia, vediamo un po’…Sono in attesa di giudizio…

Intervista a cura di Daniela Bella per Mag-Series

Fotogallery Rodolfo Corsato

 

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.