La provinciale con Sabrina Ferilli, su Raiuno (14/07)

la provincialeIn onda 14 luglio ore 21.20 Raiuno

Giovane, bella. Per sfuggire alla noia e al grigiore della provincia tenta una scalata sociale con il matrimonio e la relazione con un uomo ricco e potente. Sabrina Ferilli è Gemma ne La provinciale fiction di Raiuno tratta dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia. Due puntate dirette da Pasquale Pozzesserein onda questa sera e domani in prima serata – dove si racconta la storia con risvolti gialli di questa Madame Bovary italiana che muove i suoi primi passi verso il successo dalla pensioncina gestita dalla madre. Negli anni ’50 quando l’Italia era ancora un paese povero ma già annusava la ricchezza del boom economico Gemma sente che la vita scialba e prevedibile che conduce le va troppo stretta, come gli abitini di poco conto che indossa e che non rendono giustizia alla sua bellezza.

A farle aprire gli occhi, lusingando la sua ambizione e introducendola in un mondo dorato sarà la contessa rumena Elvira Coceanu (Barbara Bouchet) equivoca signora dell’alta società che Gemma incontrerà dopo una delusione amorosa e il matrimonio con Vittorio Vagnuzzi (Stefano Dionisi) timido professore, onesto e innamoratissimo. Incalzata dalla Coceanu, Gemma non esita ad intraprendere una relazione clandestina con il ricco Paolo Vittoni del quale resterà incinta. La misteriosa morte della contessa, ritrovata assassinata sul litorale romano, porta alla luce tutti i segreti di Gemma che diventa così la principale sospettata del delitto. Sarà il commissario Rinaldi (Enzo Decaro) a raccogliere la confessione della donna che, pur innocente, è costretta dalle circostanze a fare un bilancio della sua vita e dei suoi sentimenti.

Dopo il film di Mario Soldati del ‘53 (allora la protagonista fu Gina Lollorigida) questo è il secondo adattamento per lo schermo del romanzo di Moravia nel quale Pozzessere ha voluto rafforzare le atmosfere da giallo partendo proprio dal delitto Coceanu e con l’inserimento di un personaggio come il commissario Rinaldi.
Questa è stata anche l’occasione – dice il regista – per raccontare un Paese appena uscito da una guerra fratricida e devastante, che lentamente riprendeva fiducia in se stesso e che faceva i primi passi verso la dolce vita”.
Personaggi e provincia dei primi anni Cinquanta in un’Italia ancora legata al suo passato ma che avvertiva prepotente l’evoluzione che stava avvenendo nella società. Gemma, La Provinciale, rappresenta proprio i profondi cambiamenti anche di valori che stavano maturando nella società di allora.

A darle corpo Sabrina Ferilli che dopo i successi teatrali (lunga e fortunatissima la tournée con la pièce comica La Presidentessa) torna ad un ruolo drammatico, intenso e che si presta perfettamente al ruolo di Gemma, una donna che all’inizio si illude e rimane vittima di una società che la sfrutta, ma che nel momento della verità è capace di ritrovare la propria dignità e ribellarsi contro tutto e contro tutti.
Un banco di prova importante e un ruolo significativo nella carriera di un’attrice – dichiara la Ferilliper la forza delle emozioni del mio personaggio che si perde e poi ritrova se stessa. Una donna che commette degli errori ma che sa poi capire i veri valori della vita”.

Tra gli altri interpreti David Sebasti nel ruolo di Paolo Genoano, primo amante di Gemma; e poi, Cosimo Fusco, Arnaldo Ninchi, Roberto Nobile, Antonio Petrocelli, David Sebasti, Valentina Tomada, Francesca Prandi, Stefano Sabelli, Daniela Terreri e la partecipazione di Lisa Gastoni che interpreta la madre di Gemma, Giacinta Foresi.
La sceneggiatura è scritta dalla premiata ditta Laura Toscano e Franco Marotta. Ed è una garanzia doc; mentre la produzione è targata Rizzoli Audiovisivi per Rai Fiction.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.