Sanremo2009: I promossi e bocciati secondo Teleblog

sanremo09

Si è concluso sabato sera con ottimi ascolti la 59° edizione del “Festival di Sanremo” sotto la conduzione di Paolo Bonolis e la spalla Luca Laurenti. Quello di quest’anno è stato senza dubbio la rinascita del Festival e questo grazie a Bonolis, il quale (insieme a Maria De Filippi) sembra essere il favorito per la conduzione del Festival del 2010. Ma dopo aver ascoltato e riascoltato per l’ennesima volta tutte le canzoni di questo Festival anche noi vogliamo (secondo i nostri gusti naturalmente) fare la classica pagella.

Partiamo dagli Afterhours che si sono presentati sull’Artiston per la prima volta con “Il paese è reale“. Scartati alla prima puntata secondo i voti della giuria demoscopica, hanno conquistato il “Premio della Critica Mia Martini” con 21 voti. Brano non troppo adatto al Festival di Sanremo ma è proprio lo stile troppo rockettaro della band capitanata da Manuel Agnelli ad essere troppo inadatto a Sanremo. Voto 5

Biancaneve” di Alexia & Mario Lavezzi è, per me, una delle rivelazioni di questo Festival. La voce di Alexia rimane ancora una delle più belle della musica italiana; Mario Lavezzi, invece, avrebbe fatto cosa buona e giusta a lasciare il palco solo ad Alexia. In quel caso il pubblico avrebbe gradito di più e chissà se non fosse arrivata la vittoria? Voto 9

Continuiamo con Albano che per l’ennesima volta è salito sul palco dell’Ariston presentandosi con la canzone “L’amore è sempre l’amore“. Canzone troppo (e ripeto troppo) classica per questo Festival ringiovanito. La giuria demoscopica lo elimina alla seconda serata mentre il pubblico lo ripesca alla terza. L’amore verso di luidal pubblico è sempre amore ma, diciamocelo, la canzone non è bella. Voto 4

E’ il turno (per ordine alfabetico) di Marco Carta, il vincitore di questa edizione di Sanremo. A mio parere il brano “La forza mia” è veramente carino e orecchiabile ma non meritava di certo la vittoria sia per la giovane età che per l’inesperienza nel mondo musicale (ha pubblicato un solo album alcuni mesi fa). Voto 7+

Anche Sal Da Vinci è alla prima volta all’Ariston e il pubblico ha dimostrato l’affetto verso di lui prima ripescandolo nella serata del mercoledì poi facendoli conquistare il 3° posto. Il suo brano “Non riesco a farti innamorare” è molto teatrale anche se rischiava di esserlo fin troppo. Potrebbe diventare il nuovo Gigi D’Alessio, nonch’è suo produttore ma resta il fatto che non mi è piaciuto. Voto 6–

Il mio amore unico” di Dolcenera, a mio parere è stata la canzone più bella di questo Festival. Data per favorita alla vittoria per bookmakers e scommettitori, è stata (con lo stupore e delusione di tutti) eliminata ad un passo dalla finale. Il pezzo è ben ritmato e si ricorda in fretta, sicuramente funzionerà molto nelle radio e, solo per dover di cronaca, il suo album il pochi giorni ha già coqnuistato il quarto posto tra gli album più scaricati di ITunes (ed è quello più scaricato di tutti gli artisti di Sanremo. Voto 10

Passiamo ai Gemelli Diversi, anch’essi alla prima volta al Festival e anch’essi eliminati a sorpresa vicino alla finale. A Sanremo hanno presentato “Vivi per miracolo” un pezzo molto profondo, che ha convinto anche i meno giovani. Il pezzo ha come frase-chiave “Hai un attimo per me”, a mio parere la frase più bella di questo festival. Voto 7

Una piccola parte di te” che segna il ritorno a Sanremo di Fausto Leali. Il testo è profondo anche se a volte rimane noioso mentre la musica è in pieno stile Leali. Sarebbe stato uno dei miei pezzi preferiti se l’avesse cantata Fabrizio Moro, il quale ha accompagnato Leali nelle serata del venerdì. Voto 6

Passiamo alla canzone “L’Italia” di Marco Masini. La canzone è uno sfogo contro questa Italia che, secondo Masini, fa schifo. Il testo è molto bello e, a mio parere, rappresenta l’opinione di molti italiani che l’hanno premiato facendolo arrivare fra i primi 10. Meritava senza dubbio di essere fra i primi tre: voto 8 1/2

Nicky Nicolai&Stefano di Battista tornano dopo qualche anno al Festival con “Più sole“, scritta da Jovanotti. Più cerco di farmi piacere questa canzone più non mi piace. Voto 5–

E io verrò un giorno là” è la canzone che Patty Pravo ha presentato a questo Sanremo. Seppur non ami molto Patty, questa canzone è molto orecchiabile e si ricorda in fretta. Resta ancora un simbolo della musica italiana anche se, a dire il vero, la voce nei live se ne sta piano piano andando. Voto 8-

Arriviamo a Povia che, tra le polemiche, ha presentato “Luca era gay” e zitto zitto ha conquistato il secondo posto. Non voglio espormi sul testo (vero protagonista delle polemiche) ma volgio concentrarmi sulla musica. E’ il pezzo più orecchiabile di questo Festival e il ritornello si ricorda in fretta. Voto 8

L’opportunità” di Pupo, Paolo Belli & Youssou ‘N Dour è una delle canzoni che mi sono piaciute meno di tutte. Penso che non sia per nulla discografica nè radiofonica. Se l’avessero presentata tre cantanti qualunque gliel’avrebbero tirata dietro… Voto 4-

E’ il turno di Francesco Renga con “L’Uomo senza età“, brano che era tra i favoriti alla vittoria dai bookmakers. Personalmente penso che sia un bel brano anche se troppo lirico e che, si distacca un pò troppo dallo stile di Renga. Voto 6 1/2

Tricarico, dopo il successo di “Vita tranquilla”, si presenta all’Ariston con “Il bosco delle fragole“. La canzone non mi piace molto.. stona per quasi tutta la canzone. Se facesse un provino per “X factor” è probabile che lo mettino nella categoria dei “Talenti Incompresi”. Voto 4

Concludiamo con Iva Zanicchi, la quale ha partecipato a questo Festival con “Ti Voglio senza amore” (canzone già edita da Fiordaliso: clicca QUI). La canzone sinceramente non mi piace molto anche se, finalmente, abbiamo visto la sensualità di Iva. Voto 6+

Quali sono, invece, i vostri voti??

Giuseppe Ino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.