“Ghost Whisperer”: terza stagione: trama episodio 3×02: “Il fantasma dello specchio” (Don’t Try This At Home)

Proseguono su Rai Due le repliche della terza stagione di “Ghost Whisperer“. Qui di seguito ecco il riassunto del secondo episodio.

“Ghost Whisperer”: Episodio 3×02 “Il fantasma dello specchio”.

Allison (Courtnee Draper), una studentessa della Rockland University, va in coma dopo essere stata spaventata a morte da qualcosa di misterioso, quindi si pensa che la ragazza sia vittima della leggenda metropolitana “Bloody Mary“, secondo il quale a  chiunque si metta davanti ad uno specchio e provi a chiamarla girando, lei compare suonando una campanella e spaventando a morte la persona interessata, che poi va in coma e muore.

Melinda (Jennifer Love Hewitt) sembra molto scettica al riguardo e non crede che l’incidente sia legato a tale leggenda, ma ecco che anche Jen (Camille Chen), amica di Allison, va in coma allo stesso misterioso modo.

Melinda cerca di fare un tentativo con degli specchi per cercare di chiamare Bloody Mary, vede uno spirito sfuggente, ma l’arrivo di Delia (Camryn Manheim) interrompe la scena.

Parlando con Sloane (Autumn Reeser), amica di Allison e di Jen, Melinda scopre che Rachel (Mae Whitman), loro compagna di stanza, era morta dopo quattro giorni di coma per aver chiamato Bloody Mary.

httpv://www.youtube.com/watch?v=ZEEzxu8VMOo&feature=player_embedded

Melinda continua ad essere scettica ed avere dei dubbi nei confronti della situazione, ma il buon marito Jim (David Conrad) crede che lei non voglia credere alla leggenda perchè ciò vorrebbe dire che il fantasma degli archivi aveva ragione, ovvero che su Grandview incombe il male.

Decisa più che mai a scoprire cosa si nasconde dietro questo caso, Melinda si reca negli archivi dove incontra il solito fantasma Scott (Kris Lemche) che le rivela la vera leggenda sulla morte di Bloody Mary: lei era morta per mano del padre ed era stata trovata con le mani piene di sangue e con le unghie strappate e conficcate alla superficie della bara.

Recatasi nella casa di Bloody Mary, Melinda cerca nuovamente di invocare lo spirito, ma quest’ultima mostra solo le proprie mani dimostrando come quella in realtà non sia Bloody Mary, dal momento che aveva le unghie contrariamente alla leggenda, quindi la giovane Gordon crede che in realtà si tratta di Rachel, la prima ragazza morta che presumibilmente ha un conto in sospeso con le amiche.

httpv://www.youtube.com/watch?v=EdMdhvSzpbw&feature=player_embedded

Melinda scopre che Rachel era debole di cuore, infatti portava un cardiofrequenzimetro che emetteva un suono simile ad una campanella, lo stesso suono che hanno sentito le ragazze prima di andare in coma.

A spaventare Rachel, in realtà, era stata l’amica Sloane per farle uno scherzo, facendole credere di essere Bloody Mary, ma ne ha involontariamente causato la morte perchè debole di cuore.

Melinda riesce a parlare con lo spirito di Rachel, che dopo l’accaduto dimostra di sentirsi come Bloody Mary, ma la giovane Gordon riesce a spiegarle quello che è realmente successo, quindi aiuta la ragazza a passare oltre e a far risvegliare dal coma le due amiche…

 

Commenta questo articolo

loading...