"Julia – La strada per la felicità": riassunto puntate dal 10 al 14 Maggio – L'iroso Daniel, l'affranta Julia, il giustiziere Frederik e l'ingenua Silke…


Julia – La strada per la felicità“, la soap novela di RaiTre, diventa sempre più appassionante ogni giorno che passa. Tanti, infatti, sono gli spettatori che lentamente stanno prendendo confidenza con il prodotto d’importazione tedesca che dallo scorso Giovedì, 13 Maggio 2010, è in onda in prima tv assoluta in Italia.

Le emozioni e le tensioni; gli amori ed i litigi; la sincerità e gli imbrogli: sono questi alcuni degli ingredienti che rendono la trama di “Julia” avvincente e, al tempo stesso, incalzante.

Ricordandovi che la soap va in onda dal Lunedì al Venerdì alle ore 13.10 circa su RaiTre e che domani sarà disponibile su questo sito il post con le anticipazioni della prossima settimana di programmazione di “Julia“, vi lascio al riassunto che sintetizza le vicende più significative verificatesi nella settimana dal 10 al 14 Maggio. Buona lettura!

“Julia – La strada per la felicità”: riassunto puntate andate in onda dal 10 al 14 Maggio 2010

“L’iroso Daniel, l’affranta Julia, il giustiziere Frederik e l’ingenua Silke…”

Marie (Sonja Baum) rivela a Daniel (Roman Rossa) di non poter avere più bambini. L’uomo, che aveva intenzione di sposarla, cerca di superare anche quest’ostacolo: dice, infatti, alla donna di volersi comunque unire in matrimonio con lei. In fondo, potrebbero adottare dei bambini. Marie è molto felice per la decisione presa da Daniel

Annabelle (Isa Jank) è intenta nei preparativi del matrimonio tra il suo primogenito e la ricca ereditiera. La donna contatta un certo Frank, uno degli organizzatori di cerimonie più conosciuti al Mondo, e con lui sta mettendo a punto in tutti i minimi particolari la festa delle nozze. Marie nota che Annabelle ha intenzione di organizzare una cerimonia in grande, ma la ragazza fa capire alla sua futura suocera di desiderare un’intima festicciola tra parenti ed amici stretti. Facendo orecchio da mercante, Annabelle continua nei suoi preparativi. Marie esprime il suo desiderio del ricevimento non sontuoso a Daniel il quale si trova d’accordo con la ragazza. L’uomo, conoscendo la madre, decide di comprare dei biglietti per Las Vegas per celebrare lì l’unione religiosa con la consorte. Marie, intanto, pensa e ripensa alle bugie che ha detto a Daniel e, quando il ragazzo le propone di volare dritto in America, la donna declina l’invito e decide di non sposarsi… Daniel è molto, molto deluso dal comportamento di Marie

Patrizia (Lucie Muhr) e Niko (Cristoph Kornschober) sono vicini più che mai. La ragazza va all’officina a far visita al giovane e, in un momento di pura tranquillità, lo abbraccia. Tenta, inoltre, di baciarlo, ma Niko non accetta il gesto affettuoso di Patrizia. Egli, infatti, non vuole più essere il ragazzo “usa e getta” della giovane Gravenberg come era in passato. A partire dal momento del rifiuto di Niko, il rapporto tra quest’ultimo e Patrizia diventa più strano che mai: i due cercano di evitarsi, sebbene provino una forte attrazione che li rende quasi indivisibili…

Silke (Angela Sandritter) ringrazia Andreas (Anton Nouri) per il pupazzetto di peluche che lui le ha regalato. La donna rimane basita quando viene a sapere che, in realtà, non è stato il suo amico a farle quel simpatico regalo. Andreas comincia da subito a sospettare che ci sia Jörg (Michael Rast) dietro a tutto ciò. Quando in fabbrica il corriere porta una carrozzina ultra-moderna, l’uomo ne ha conferma. Silke, in un primo momento scettica, riesce ad ottenere le prove che confermano che l’uomo calvo è coinvolto nella vicenda dei regali. La donna, ingenuamente, si lascia abbindolare dai doni e pensa che Jörg sia cambiato. Quando Silke va a casa dell’uomo per restituirgli i regali, Jörg, che ha modificato la disposizione della sua casa per creare un angolo dedicato al bambino, stupisce la donna che cade nella trappola del malefico essere (l’uomo, infatti, vuole soltanto conquistare la fiducia di Silke per portarle via il nascituro) …

Birgit (Michèle Marian) è alle prese con il computer dell’azienda: deve, infatti, installare un programma che Tobias (Ralph Schicha), ex-autista della famiglia Gravenberg e nuovo fattorino dell’azienda, le ha consegnato in un cd. La donna ha dei problemi con l’apparecchio e chiama in aiuto Tim (Leander Modherson) il quale, per dare una mano alla mamma del suo amico, dimentica nel forno un pezzo di porcellana che si brucia. Tim e Birgit ricevono un richiamo ufficiale da parte di un sempre più strano ed iroso Daniel

Daniel, infatti, data la pesante e tesa aria che si respira in famiglia ed in fabbrica, è molto “lunatico” e severo nei confronti di tutti. L’uomo, oltre al richiamo dei due dipendenti, infatti, licenzia in tronco sua sorella Patrizia, rea di non aver completato i bozzetti, ed ha uno scontro con Julia (Susanne Gärtner), accusata di essere la responsabile del non-matrimonio con Marie (Marie e Julia, infatti, si sono di nuovo riavvicinate e son tornate ad essere le amiche di una volta) …

Charlotte (Lina Rabea Mohr) torna a Falkental dopo un breve periodo di permanenza in Svizzera. La ragazza, che ha terminato il suo stage nella fabbrica, vuole continuare gli studi e, contemporaneamente, trovare un lavoro che possa essere sufficientemente redditizio. La ragazza chiede a Jan (Stefan Mocker) di lavorare con lui al Cosy One. Dopo i primi tentennamenti, i primi problemi e le prime insicurezze, Jan assume Charlotte

Frederik (Holger C. Gotha) viene a sapere da Patrizia che nel momento in cui egli è stato mandato via dall’azienda Daniel era a conoscenza della colpevolezza di Annabelle nella faccenda della fornitura dei colori tossici. L’uomo, preso dalla rabbia, ma anche dalla voglia di rendere giustizia a tutte le malefatte di sua cognata, torna, col consenso di Patrizia, a vivere nella Villa dei Gravenberg. Il suo obiettivo: ostacolare tutti i piani malefici di Annabelle