“Tutta colpa della Brexit”, Francesco De Carlo racconta la sua vita a Londra

brexit-francesco-de-carlo-rai-tre

Raccontare la Londra di oggi all’indomani dall’uscita dalla UE.

brexit-francesco-de-carlo-rai-tre
Francesco De Carlo

Giovedì 14 dicembre alle 23.10 arriva su Rai3 la prima delle quattro puntate di Tutta colpa della Brexit. Il programma, prodotto da Verve Media Company, è il racconto reale e diretto della vita del comico Francesco De Carlo nel Regno Unito tra ottobre 2016 e dicembre 2017, all’indomani del referendum sulla Brexit. Dopo camerieri, cuochi, esperti di finanza e artisti di ogni sorta, Francesco è il primo italiano a costruirsi una carriera di comico a Londra. Ma deve fare presto, perché in meno di due anni sarà forse costretto a tornare in Italia.

Francesco racconterà, con un approccio curioso e leggero, la difficile gavetta nei comedy club della capitale britannica, l’esibizione al Fringe Festival di Edimburgo, fino alla sua partecipazione in prima serata sulla BBC. Ma parlerà anche della realtà londinese e britannica vista attraverso i suoi occhi e vissuta sulla propria pelle.


Nella prima puntata Francesco si prepara alla partenza salutando amici, parenti e soprattutto il suo nutrizionista, ma al suo arrivo si scontra subito con i tipici luoghi comuni sulla Gran Bretagna: il maltempo, il cattivo cibo e un popolo freddo e riservato.

L’adrenalina per la prima esibizione in terra inglese lascia spazio allo sconforto davanti all’esiguo numero di spettatori. Ma l’amico Alex, che organizza spettacoli in città, gli assicura che se riuscirà a sfondare a Londra diventerà “famoso come i Beatles”. Il tempo a disposizione però è poco, perché la Brexit avanza. Per fortuna arrivano le elezioni, che il comico trascorre in un pub stracolmo, tra incontri curiosi e tifo da stadio.

Un arrivo più difficile del previsto per Francesco, a cui rimane la speranza di rintracciare su Facebook la ragazza spagnola appena conosciuta.