"Julia": riassunto episodi andati in onda dal 29 Marzo al 2 Aprile – Lo "scontro" tra Annabelle e Werner, una brutta notizia per Marie…


La soap opera tedesca di RaiTre Julia – La strada per la felicità” è stata nella scorsa settimana ( ovvero nelle puntate in onda a partire da Lunedì 29 Marzo a Venerdì 2 Aprile) ricca di sorprese e colpi di scena: tante vicende stanno per venire al pettine e tanti nuovi intrighi e passioni si stanno evolvendo. Gli ultimi cinque appuntamenti, però, sono stati solo un antipasto di quello che avverrà nel corso della telenovela. Nella programmazione della prossima settimana, come vedremo insieme nel post delle anticipazioni che sarà presto on line, si arriverà all’apice della tensione e delle emozioni. Vi invito, dunque, a continuare a seguire le vicende di “Julia“, un prodotto che, partito un pò in sordina, si sta facendo valere in termini d’ascolto in quest’ultimo periodo.

Colgo l’occasione per ricordarvi che dalla scorsa settimana Mag-Series ha cominciato a regalare ( all’interno dei post delle anticipazioni) ai fans della soap “Julia – La strada per la felicità” delle cartoline che potete scaricare e collezionare. Ogni cartolina contiene un’immagine della telenovela con una frase tratta dalla soap stessa o da citazioni di personaggi famosi.

Sintesi “Julia – La strada per la felicità”: episodi andati in onda da Lunedì 29 Marzo a Venerdì 2 Aprile, alle ore 13.10 su RaiTre

Lo “scontro” tra Annabelle e Werner, una brutta notizia per Marie…

Birgit (Michèle Marian) si è ormai accampata nell’appartamento che suo figlio Kolja (Nicolas Artajo) condivide con Tim (Leander Modersohn). I due non vedono la donna come un peso, anzi apprezzano tutto il lavoro che ella fa dal punto di vista domestico. Anche se non lascia trapelare nulla, però, Kolja si sente un pò imbarazzato nell’avere nella sua dimora la madre tanto che non riesce ad avere momenti di intimità con la sua dolce metà Charlotte (Lina Rabea Mohr). Birgit decide spontaneamente di allontanarsi dalla dimora, ma vi fa subito ritorno, portando con sè 10.000 euro. La donna ha ottenuto la somma di denaro dalla vendita (di nascosto) dell’auto di lusso di suo marito Dietmar. Sono vani i tentativi di Kolja di riscattare la macchina del padre. Birgit torna, dunque, a vivere a casa di suo figlio, ma ciò non va giù soprattutto a Charlotte che decide di affrontare la donna. Il breve litigio tra le due si conclude con la loro riappacificazione. Charlotte, comprendendo il periodo difficile in cui si trova Birgit, cerca di escogitare altri piani per poter vivere l’intimità con Kolja

Silke (Angela Sandritter) soffre sempre più di disturbi dell’alimentazione e di nausea a causa della gravidanza. Un medico specialista consiglia alla donna di non stressarsi troppo col lavoro e la incita a lavorare soltanto mezza giornata. La donna, però, sentendosi indispensabile per l’azienda e, soprattutto, avendo paura di essere licenziata e rimpiazzata da un’altra segretaria, non segue il consiglio del suo medico curante e continua a svolgere il suo dovere per otto ore consecutive. A semplificarle il lavoro, data la sua testardaggine, ci pensano Julia (Susanne Gärtner) ed Andreas (Anton Nouri). Julia ha infatti parlato del problema di Silke al capo dell’azienda, nonchè suo compagno, Frederik (Holger C. Gotha) il quale si è mostrato subito favorevole alla proposta di Julia di aiutare la segretaria, senza, però, farsene accorgere. Silke scopre che i suoi amici stanno facendo il lavoro al posto suo e si ritrova, volente o nolente, a riposarsi trascorrendo il tempo al Cosy One. Proprio in questo locale Silke inontra Birgit:quest’ultima vorrebbe trovare un lavoro part time e, dato che in passato ha lavorato come segretaria, continuare il suo vecchio lavoro. Silke, alla quale servirebbe qualcuno che la sostituisse per mezza giornata, non accenna alla donna del possibile lavoro che potrebbe ottenere alla Falkental Porcellane

L’intera famiglia Gravenberg si ritrova ad onorare la memoria di Philipp, marito di Annabelle (Isa Jank), padre di Daniel (Roman Rossa) e Patrizia (Lucie Muhr), in occasione dell’anniversario della sua morte. Anche questo momento di raccoglimento sulla tomba del defunto si trasforma in una battaglia, scatenata da Annabelle: la donna non perde occasione per attaccare suo suocero Werner (Friedhelm Ptok) il quale ha deciso di cambiare il testamento a favore di suo figlio Frederik

Werner decide di tornare a lavorare in azienda per impedire a sua nuora Annabelle di prendere il sopravvento in azienda. L’uomo si ritrova a dover subire, però, l’ira della cuoca Eva (Karin Ugowski) che è molto preoccupata per lo stato di salute del vecchio Gravenberg: lo stress potrebbe recare all’uomo numerosi danni. La donna decide di licenziarsi, ma Werner capisce che non può fare a meno di lei e la invita a cena per chiederle scusa. Durante la cena, l’uomo promette ad Eva di seguire parola per parola i suoi consigli. Tra i due si manifesta un particolare feeling che si trasforma in un bacio. Quando si dice “l’amore non ha età” …

Annabelle sembra impazzire: non può accettare che Werner cambi il testamento! La donna si ritrova più volte sulla tomba del marito, sola, a confidare al consorte le sue ansie, le sue paure. Ella sembra perdere sempre di più la lucidità tanto che decide di uccidere suo suocero Werner

Marie (Sonja Baum) scopre di non essere incinta: prima ne era convinta, ma un test di gravidanza le smentisce ciò che lei pensava. La donna ne parla subito con Annabelle: il loro piano di incastrare e forzare Daniel al matrimonio, attraverso la storia della falsa dolce attesa di Marie, non sta funzionando. Annabelle contatta il dottor Lonemann per permettere a Marie di fare delle analisi. Una volta nello studio del medico, Annabelle approfitta dell’assenza sia del dottore che della sua futura probabile nuora per sottrarre da un cassetto del viagra…

Tornata in azienda, Annabelle prepara un thè. In un fazzolettino scinde in piccolissime parti alcune pasticche di viagra e le scioglie nella tisana con l’intento di offrire quella bevanda a Werner. Il viagra causerebbe al vecchio Gravenberg uno scompenso cardiaco che lo porterebbe dritto dritto nella bara. La donna invita il suocero nel suo studio, offre lui un bicchiere di thè, ma, dopo che Werner ne ha bevuto qualche goccia, presa dai sensi di colpa, con uno scatto, fa cadere dalle mani del vecchio la tazzina. L’uomo comincia a sentire un pò troppo caldo, ma le quantità di thè che ha ingerito non sono tali da procurargli un infarto. Annabelle decide di accompagnare Werner a casa…

Le nozze tra Daniel e Marie si stanno per avvicinare e Patrizia ha intenzione di regalare alla futura sposa una spilla simile a quella prodotta dalla Falkental Porcellane in occasione del matrimonio tra suo nonno Werner e sua nonna Charlotte. Non riuscendo a trovare le bozze originali dell’oggetto, la ragazza chiede aiuto a Julia, la quale  si mostra subito disponibile a disegnare la spilla partendo da una vecchia foto in bianco e nero. Julia non sa, in un primo momento, che quella spilla è il regalo di nozze di Marie, ma anche quando viene a saperlo continua a disegnare soprattutto per testare le sue capacità da designer…

Frederik accidentalmente rivela a Niko (Christoph Kornschober) che Julia potrebbe essere figlia di Tobias (Ralph Schicha). Niko riferisce ciò alla sorella Lilly (Kaya Marie Möller): i due sembrano entusiasti all’idea di avere una sorellastra come Julia. Quest’ultima, intanto, chiedendo un anticipo sullo stipendio a Frederik, riesce a riscattare la collezione di monete che la madre Christa (Susanne Häusler) aveva sottratto furtivamente alla famiglia Becker e portato al banco dei pegni. In questo modo, Niko può avere a disposizione il capitale iniziale per mettere su la sua officina…

Patrizia mostra al nonno Werner le bozze della spilla. L’anziano Gravenberg si complimenta con la nipote per l’ottimo lavoro fatto per la riproduzione di quell’oggetto a lui tanto caro. Patrizia non accetta i complimenti e dice a Werner che il bozzetto non è farina del proprio sacco, ma è opera di Julia Schilling. Werner decide, dunque, di riappacificarsi con quella ragazza che da sempre aveva “odiato” …