Serie Tv, nella top ten delle più viste brilla sempre Netflix

netflix-baby-baby-squillo-roma

Netflix si conferma la piattaforma di streaming video più apprezzata al mondo, e piazza ben nove titoli nella top ten degli show tv originali più visti del 2016. Lo rivelano i dati di Symphony Advanced Media, che confermano come il network creato da Reed Hastings e Marc Randolph stia rivoluzionando abitudini e consumo di video.

La top ten degli show tv originali 2016

È bene sottolineare che si parla di statistiche relative al 2016 (quindi, non c’è Game of Thrones) e che, come spiegato nel comunicato ufficiale di Symphony Advanced Media, sono stati presi in considerazione i volumi dei primi 35 giorni dalla release ufficiale americana. Una mossa che ha provocato qualche critica da parte dei network interessati, in genere poco propensi a rilasciare dati ufficiali (difatti anche noi abbiamo pubblicato una classifica senza numeri “reali”).

Il dominio di Netflix

Comunque sia, guardiamo da vicino la top ten. Al primo posto c’è la quarta stagione di Orange Is the New Black, che ha totalizzato 23 milioni di visualizzazioni; secondo posto per la prima stagione di Stranger Things, che si è fermato a 21,7 milioni, mentre a chiudere il podio c’è a brevissima distanza Fuller House, con 21,5 milioni di views. Molto distanziate le altre serie, come la “coppia” legata al Marvel Cinematic Universe Luke Cage e Daredevil (stagione 2), che rispettivamente sono state viste 12,1 e 11,6 milioni di volte, e poi ancora la quarta stagione di House of Cards (8,8 milioni), la seconda di Unbreakable Kimmy Schmidt (8,4) e The Ranch (5,8).


Unica eccezione per la serie di Stephen King e J.J. Abrams

Al nono posto di questa classifica troviamo il primo prodotto non-Netflix: si tratta di 11.22.63, una miniserie trasmessa su Hulu basata sugli eventi che portarono all'omicidio di J. F. Kennedy, e che ha avuto come produttori esecutivi un team di tutto rispetto come J. J. Abrams, Stephen King, Bridget Carpenter e Bryan Burk. Ma Netflix dimostra la sua potenza non solo chiudendo la top ten con Amanda Knox (4,96 milioni di visualizzazioni), ma piazzando altri titoli anche nelle posizioni successive, come la seconda stagione di Narcos, la terza di Black Mirror o la terza di Bojack Horseman, che sono nella top 25.

L'offerta di Netflix è più vasta (e di qualità)

Al di là dell'eccezione di Hulu, dunque, il dominio della compagnia americana di Randolph e Hastings è più che evidente, non solo in termini strettamente numerici: è infatti interessante guardare la "composizione" dell'offerta di Netflix, che riesce a garantire show di qualità in tantissimi generi differenti, così da accontentare i gusti della platea di tutto il mondo. Limitandoci ai nove titoli in top ten 2016, troviamo una serie dramedy, ben 5 drama, 3 comedy e un documentario.

Cosa cambia per il pubblico

L'altro aspetto su cui concentrarsi è quello relativo all'altro lato della medaglia, ovvero il pubblico: anche in Italia, negli ultimi anni abbiamo assistito all'esplosione dei servizi di streaming online, con un ampliamento considerevole dell'offerta e dei contenuti. Una situazione che, in realtà, può generare anche aspetti negativi, perché moltiplica le piattaforme che producono show e limitano la "libertà" di visione per l'utente finale.